Home / Raccolta per Tag: Luigi Maria Burruano

Raccolta per Tag: Luigi Maria Burruano

Poster del film "Tutto tutto niente niente"

Tutto tutto niente niente

Perché Cetto La Qualunque, Rodolfo Favaretto e Frengo Stoppato finiscono in carcere? E soprattutto perché riescono a uscirne? Qual è il destino che li unisce? C'è qualcuno che trama nell'ombra? O costui preferisce farlo in piena luce? Tre storie, tre personaggi con un destino che li accomuna: la politica con la "p" minuscola. Cetto La Qualunque, il politico “disinvolto” che abbiamo imparato a conoscere, questa volta alle prese con una travolgente crisi politica e sessuale (in lui le due cose viaggiano sempre di pari passo). Rodolfo Favaretto, che rincorre il sogno secessionista di un nordista estremo, e che per vivere e combattere la crisi commercia in migranti clandestini. Frengo Stoppato, un uomo stupefacente, in tutti i sensi, che torna dal suo 'buen retiro' incastrato da una madre ingombrante, con un sogno semplice semplice: riformare la chiesa e guadagnarsi la beatitudine.

Leggi di più »
Poster del film "Quo Vadis, Baby?"

Quo Vadis, Baby?

Giorgia è un'investigatrice privata che ama un po' troppo l'alcol. Passando le notti in locali dove si suona e si beve, viene assalita dal dubbio di aver sprecato la sua vita. Comincia così a scavare nel suo passato grazie alle lettere contenute in una scatola di scarpe consegnatale da Aldo, amico e confidente di sua sorella maggiore Ada che si è suicidata sedici anni prima. Questo viaggio tra ricordi e segreti di famiglia sarà la sua indagine più difficile.

Leggi di più »
Poster del film "Liberi"

Liberi

un film che parla di disoccupazione, di voglia di indipendenza, di conflitti generazionali, ma, soprattutto, di una società incapace di reagire e di farsi 'libera'. buoni spunti emotivi e toni drammatici, quindi; interpreti discreti, ma purtroppo limitati da una sceneggiatura non sempre convincente.

Leggi di più »
Poster del film "Il trasformista"

Il trasformista

Un'alluvione di straordinaria violenza devasta il Nord Italia. In un piccolo comune del Torinese, l'esondazione del Po ha messo allo scoperto una fossa in una grande discarica di rifiuti. Nella fossa erano stati occultati dei bidoni di scorie tossiche. Augusto Viganò, leader poco più che quarantenne di un gruppo ambientalista locale, blocca il treno speciale del ministro Antonelli che si sta recando in zona per verificare i danni dell'alluvione... Per l'idealista Augusto Viganò, disposto a tutto pur di salvare l'ambiente, è l'inizio di una vera carriera politica che si materializzerà in una lenta ma inesorabile caduta verticale nell'ambiente politico romano fatto di tutto meno che di chiarezza.

Leggi di più »
Poster del film "I cento passi"

I cento passi

Alla fine degli anni Sessanta a Cinisi, un piccolo paese siciliano, la mafia domina e controlla la vita quotidiana oltre agli appalti per l'aeroporto di Punta Raisi e il traffico della droga. Il giovane Peppino Impastato entra nel vortice della contestazione piegandola, con originalità, alle esigenze locali. Apre una piccola radio dalla quale fustiga con l'arma dell'ironia i potenti locali fra i quali Zio Tano (Badalamenti). Peppino verrà massacrato facendo passare la sua morte per un suicidio.

Leggi di più »
Poster del film "Eccezzziunale... veramente - Capitolo secondo... me"

Eccezzziunale… veramente – Capitolo secondo… me

Donato, ex capo tifoso milanista, rientra in Italia dopo tanti anni di assenza. Alla sconcertante notizia di essere diventato padre a sua insaputa, si aggiunge lo shock di scoprire che suo figlio è a capo degli ultras interisti. Al suo risveglio dal coma, il camionista juventino Tirzan scopre che sua moglie ha nel frattempo iniziato una relazione con un tifoso rivale. Franco, tifoso dell'Inter, intraprende un viaggio a Lourdes.

Leggi di più »
Poster for the movie "...e se domani"

…e se domani

Mimì Rendano, un giovane siciliano trasferitosi da tempo in una città del Nord Italia, un giorno entra in una banca, armato di pistola, deciso a suicidarsi; ma durante l'atto, cambia idea e decide di prendere in ostaggio clienti ed impiegati, minacciando tutti con la scusa di una bomba contenuta in una valigetta. Per desistere dall'intento, Mimì fa una strana richiesta: 5 milioni di euro ed un elicottero, con cui poter volare sulla città per spargere il denaro, da dare a tutte quelle persone a cui la banca ha rifiutato un credito... un modo per Mimì di vendicarsi delle banche, che a suo dire hanno rovinato la sua vita e la sua storia d'amore. Da questo momento, attraverso un flashback, vengono presentati tutti gli eventi che hanno portato Mimì a compiere questo gesto.

Leggi di più »