Home / Nicola Negri (pagina 62)

Nicola Negri

Brasile. Nella rivolta del carcere 400 ribelli tengono sotto scacco 120 ostaggi

Tra i rivoltosi anche un italiano. Tra gli ostaggi presenti anche parenti dei detenuti

La rivolta dei disperati è iniziata domenica. Più di quattrocento detenuti della prigione di Jacinto Filho di Aracaju, nel nord-est del Paese, hanno infatti preso in ostaggio 120 persone, tra i quali anche tre agenti penitenziari. La maggior parte degli ostaggi sarebbero parenti dei carcerati; una sollevazione sviluppatasi quindi durante l’orario di visita. I ribelli sono successivamente saliti sul tetto, e a nulla è valso l’invio di 130 poliziotti per sedare la rivolta; uno di loro, buttandosi dalla sommità dell’edificio, si è fratturato una gamba dopo un volo di sei metri.
Il gesto estremo sarebbe stato compiuto per protestare contro i maltrattamenti subiti dalle guardie, oltre che per la rivendicazione di una migliore qualità dei pasti serviti in carcere. Tra i rivoltosi vi sarebbe anche un italiano, Davide Migani, arrestato sulla spiaggia di Atalaia lo scorso dicembre in seguito al naufragio di uno yacht contenente oltre 300 chili di cocaina.

Rihanna se ne va sbattendo la porta: io e Ashton? Fatti nostri!

Alla domanda su un suo presunto flirt con Kutcher, la cantante interrompe l’intervista

La tappa australiana di promozione del nuovo film “Battleship” non è decisamente partita nel migliore dei modi per la bella cantante barbadiana Rihanna. Nel corso del programma televisivo “Sunrise” infatti, alla fatidica domanda della presentatrice sulla veridicità delle voci di un sua love story con l’attore americano Ashton Kutcher, Rihanna ha immediatamente interrotto l’intervista e abbandonato lo studio.
All’implicita domanda dell’intervistatrice, che le chiedeva se si sentisse avvilita dal morboso interesse della stampa nei confronti del suo presunto fidanzamento con l’ex-marito di Demi Moore, la cantante ha sbottato rispondendo bruscamente: “E’ molto frustrante, quasi più frustrante di quanto ti viene fatta una domanda simile”. Quando Rihanna le ha chiesto qual era il punto della domanda, la giornalista ha cercato di puntare sulla curiosità che il gossip della vita privata di una star porta con sè, ma a quel punto Rihanna era già con un piede fuori dallo studio, lamentandosi che “La gente è interessata ad un sacco di cose senza motivo”.

Volley. Copra Elior: il defibrillatore sarà sempre in panchina

Domani alle 15 la squadra parteciperà ad un corso aperto a tutti per il suo utilizzo

Piacenza – La squadra Copra Elior Volley, testimonial di Progetto Vita, domani alle 15.00, presso il PalaBanca, parteciperà al corso per l’uso del defibrillatore (l’evento è aperto ai media). Copra Elior sarà la prima squadra di volley in Italia che porterà il defibrillatore in panchina anche in trasferta. Copra Elior Azienda, all’avvio della stagione 2011/2012, è entrata a far parte degli sponsor di Progetto Vita. Progetto Vita è stata la prima iniziativa europea di “Defibrillazione Precoce”, realizzata per prevenire la morte improvvisa dovuta ad arresto cardiaco.
Continua su www.piacenza24.eu

Cesare Cremonini lancia il singolo tratto dal nuovo album

”Il comico” dal 20 aprile in radio, mentre la raccolta completa uscirà il 22 maggio

Dopo la recitazione dello scarso anno nel film di Pupi Avati “Il cuore grande delle ragazze”, Cesare Cremonini torna al suo primo amore, la musica, con il lancio dal 20 aprile di un nuovo singolo, “Il comico (sai che risate)”, che anticipa l’uscita, prevista per il 22 maggio, del nuovo album di inediti “La teoria dei colori”. Se escludiamo “1999-2010: The Greatest Hits”, le cui uniche canzoni originali erano “Mondo” ed “Hello!”, l’ultimo album completamente inedito del cantautore bolognese risaliva al 2008, con “Il primo bacio sulla luna”.
“La teoria dei colori”, che sarà ordinabile su i-Tunes a partire dall’8 maggio, conterrà anche i brani scritti per il film di Edoardo Gabbriellini “I padroni di casa” e quelli composti come colonna sonora dello spettacolo teatrale con la regia di Alessandro D’Alatri “Tante belle cose”. Cremonini, al debutto con l’etichetta Universal dopo tanti anni di militanza in Warner, sull’attesa uscita del suo nuovo album qualche mese fa aveva dichiarato: “Dopo Mondo e Hello! ritornare a scrivere è stato inizialmente difficile, emozionante, ma in questi dodici anni ho capito una cosa del mio lavoro. C’è solo un modo per fare le cose più difficili, impensate… cominciare a farle. Non vi deluderò! Un abbraccio”.

Scienza. Da studi sul DNA scoperti nuovi geni responsabili dell’autismo

Su Nature i risultati di una ricerca secondo cui il rischio aumenta se il padre è anziano

L’autismo, il cui nome scientifico è Sindrome di Kanner, è considerato dalla comunità scientifica internazionale un disturbo che interessa la funzione cerebrale; le persone affette da tale patologia mostrano una diminuzione della comunicazione e dell’integrazione sociale. Data la complessità nel fornirne una definizione coerente, recentemente si è iniziato a parlare più precisamente di Disturbi dello Spettro Autistico (DSA).
E’ di questa mattina la notizia che, secondo tre diversi lavori pubblicati sull’autorevole rivista scientifica Nature, i geni trovati risultano difettosi nel DNA dei bambini, ma non in quello dei genitori. E’ stato confermato che il rischio di sviluppare autismo cresce con l’aumentare dell’età paterna in quanto le mutazioni all’interno del DNA sono comparse nella maggior parte dei casi negli spermatozoi e quindi sono più spesso di origine paterna, specialmente se il padre si trova in età avanzata.

Cinema. Iniziano oggi le riprese del nuovo film di Giuseppe Tornatore

”The Best Offer”, con Geoffrey Rush e Jim Sturgess, sarà ambientato in varie città europee

A due anni di distanza da “L’ultimo gattopardo: Ritratto di Goffredo Lombardo”, Giuseppe Tornatore torna alla regia con “The Best Offer”. Il film, le cui riprese sono in programma a Vienna a partire da oggi, racconta una storia d’amore fuori dagli schemi, ambientata nel mondo delle aste, tra ristoranti raffinati, saloni lussuosi e importanti alberghi. Prodotto dalla Paco Cinematografica, tra i personaggi del film troviamo attori del calibro di Jim Sturgess, Geoffrey Rush, Donald Sutherland e Sylvia Hoeks.
La colonna sonora è stata composta dallo storico collaboratore del regista siciliano, il maestro Ennio Morricone che qualche giorno fa, a margine di un summit organizzato dalla RAI, ha dichiarato: “Ho appena terminato le musiche per La migliore offerta, il nuovo film di Giuseppe Tornatore. Ho creato una musica che non ho mai scritto nè sentito prima, Tornatore è entusiasta e ne sono particolarmente onorato. Ho usato alcuni espedienti compositivi propri della musica contemporanea, ma anche molti riferimenti alla musica antica”. Secondo alcune indiscrezioni, la regia di Tornatore dopo Vienna toccherà anche Trieste, Bolzano, Roma, Milano e Praga.

Basket, Copra Morpho: una vittoria decisiva per tenere vivo il sogno playoff

La Morpho Basket Piacenza supera per 96-83 la Conad Bologna e si porta all’ottavo posto

Piacenza – Morpho Basket Piacenza – Conad Bologna
96-83 (22-20; 54-32; 79-53; 96-83) Primo quarto:
Primo bellissimo tiro di De Nicolao 2-0. Piacenza cerca punti per alimenteare il sogno dei play off, Bologna cerca la punti per la salvezza. 4-2. In Panchina Passera e Simoncelli in panchina. 6-2 per Piacenza che ha iniziato benissimo.17-15 per Piacenza. Corbani ha chiamato time out nel momento migliore di Bologna, Harrison e Passera hanno consentito ai Piacentini di riportarsi in vantaggio. Primo canestro per Perry e nuova parità 17-17. Passi di Infante, si riprende dalla rimessa dal fondo per gli ospiti. Luca Infante mette una bella tripla 20-17. Penetrazione di Passera, il pallone esce di pochissimo. Baldassarre sigla il 20-20. Cambio del play anche per Bologna. Passera va a segno 22-20. Passera perde palla, Montano tira, ma il pallone prende solo il ferro. Finisce il quarto 22-20 (Piacenza era stata sotto anche 6-11 fondamentale l’apporto di Corbani, che ha chiamato time out al momento giusto per interrompere il break degli osptiti).
Continua su www.piacenza24.eu

Spagna. Spunta Corinna, la nuova fiamma di re Juan Carlos

Un’amicizia speciale confermata da una battuta di caccia all’elefante

Secondo i ben informati, in cinquant’anni di matrimonio avrebbe dovuto sopportare ben 1500 amanti del marito. Non si tratta di una donna qualunque ma della regina di Spagna Sofia, ormai 73enne, che in queste ore si trova a dover affrontare l’ennesima bufera mediatica scatenatasi sul suo congiunto, re Juan Carlos I. Quest’ultima non sembra però essere una scappatella di poco conto visto che la bionda Corinne ha rappresentato il sovrano anche all’estero.
Corinne Larson, 46 anni, nobiltà acquisita grazie al secondo matrimonio ormai concluso con il principe tedesco Casimir zu Sayn-Wittgenstein, da quattro anni affianca infatti il re spagnolo anche nei suoi viaggi oltreconfine. Il quotidiano spagnolo El Confidential ha riportato come un’ulteriore conferma della relazione tra i due si è avuta giovedì scorso quando, ad una battuta di caccia all’elefante organizzata dalla Larson in Botswana, è stata la stessa principessa tedesca a soccorrere Juan Carlos, che cadendo dalle scale del loro bungalow, si è rotto l’anca destra. Il sito elpulso.es ha inoltre raccontato come il sovrano avrebbe confidato addirittura ai suoi tre figli l’importanza che la bella tedesca riveste nella sua vita.

Cinema. Scarlett Johansson nuda sul set di ”The Avengers”

La bella attrice parla del nuovo film e della fine del suo rapporto con Ryan Reynolds

Scarlett Johansson è la Vedova Nera in “The Avengers”, il film, nelle sale dal 25 aprile, che per la prima volta riunisce i supereroi Marvel al completo: Occhio di Falco, Capitan America, Thor, Iron Man, l’Incredibile Hulk e appunto la Vedova Nera. La star americana ha rivelato che, avendo girato il film in Messico, sul set c’era così caldo che sembrava di essere in una miniera e così “sotto il costume non mettevo nulla”.
Nell’intervista rilasciata al tabloid britannico The Sun, l’attrice hollywoodiana ha dichiarato che “Eravamo circondati da enormi ventilatori ma non era sufficiente. Tutti abbiamo cercato di metterci a nostro agio e per quel che mi riguarda ho indossato il mio costume completamente nuda. I costumi erano piuttosto surreali. E’ stata un’esperienza estrema con il nostro corpo. Inoltre ci sono stati mesi di formazione tra acrobazie e combattimenti. Io per prepararmi ho fatto ginnastica, Muay Thai, boxe e kick-boxing. Abbiamo anche usato coltelle e pistoli di tutti i tipi”. Per quanto riguarda la vita privata, la Johansson ha ammesso di aver sofferto molto per la rottura da Reynolds, e di aver vissuto una breve ma intensa storia d’amore con un altro attore di Hollywood, Sean Penn.

Strage di Oslo. Anders Breivik: ”Non mi ritengo colpevole”

Nella capitale norvegese al via il processo contro il militante di estrema destra

Il “Salvatore del Cristianesimo” e “Il più grande difensore della cultura conservatrice in Europa dal 1950”, così si definisce nel suo memoriale “2083-Una dichiarazione europea d’indipendenza” Anders Breivik, il reo confesso del processo che si apre oggi ad Oslo per le stragi del 22 luglio nella capitale norvegese e ad Utoya, costate la vita a 77 persone. “Riconosco i fatti ma non mi riconosco colpevole” è stata la prima dichiarazione del 33enne terrorista, che entrando in tribunale in segno di sfida ha salutato le famiglie delle vittime con il braccio teso e il pugno serrato. Breivik ha inoltre aggiunto: “Non riconosco i tribunali norvegesi. Avete ricevuto il vostro mandato da partiti politici che sostengono il multiculturalismo”.
Il compito principale della giuria sarà quello di scegliere tra due perizie psichiatriche: la prima aveva stabilito che Breivik non era capace di intendere e volere; la seconda, i cui risultati sono comparsi qualche giorno fa, non ha invece trovato tracce di psicosi. Nel primo caso il destino del terrorista sarebbe quello di finire in un manicomio criminale. Nel secondo, il sistema detentivo norvegese prevede una pena massima di 21 anni, allungabile indefinitamente se, secondo i giudici, vi fossero possibilità di reiterazione del reato. In un’aula stracolma, una delle testimonianze più toccanti è stata quella di uno dei sopravvissuti alle stragi, il 28enne Vegard Groeslie Wennesland: “L’ultima volta che l’ho visto dal vivo stava sparando ai miei amici”.