Home / Notizie / Cronaca / L’epidemia è in rapido peggioramento. Gli anziani restino in casa

L’epidemia è in rapido peggioramento. Gli anziani restino in casa

“L’epidemia è in rapido peggioramento. Sono necessarie misure, con precedenza per le aree maggiormente colpite, che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleggerire la pressione sui servizi sanitari, comprese restrizioni nelle attività non essenziali e restrizioni della mobilità”. Così nel monitoraggio settimanale iss-Ministero della Salute per la settimana 12-18 ottobre 2020 (aggiornato al 20 ottobre 2020). La situazione in Italia evidenzia segnali di criticità dei servizi territoriali e del “raggiungimento imminente di soglie critiche dei servizi assistenziali”. L’evidenza di casi rapidamente in aumento con Rt nazionale di 1.5 nel suo valore medio e significativamente sopra 1 indicano una situazione “complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale con rischio di criticità importanti a breve termine in numerose Regioni/PA italiane” Lo rileva il monitoraggio settimanale ministero Salute-Iss.

È fondamentale che la popolazione – e in particolare le persone anziane e i soggetti più fragili – rimangano a casa quando possibile e riduca tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie.

Potrebbe interessarti

Piacenza. 210.000 euro per la cultura a 31 associazioni

PIACENZA – “Insieme all’Assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi sono mesi che lavoriamo per recuperare anche …