Home / Notizie / Cronaca / Scuola, Tarasconi: “screening istantaneo per isolare i contagi senza interrompere le lezioni”
Katia Tarasconi

Scuola, Tarasconi: “screening istantaneo per isolare i contagi senza interrompere le lezioni”

«La Regione Emilia-Romagna ha fatto un lavoro importante e oggi, con tutte le incertezze legate a un momento storico che nessuno di noi per fortuna aveva mai vissuto prima d’ora, possiamo dire di essere sufficientemente pronti ad affrontare l’inizio dell’anno scolastico avendo considerato tutti gli aspetti critici». E’ la valutazione della consigliera regionale del Pd Katia Tarasconi al termine della Commissione congiunta scuola e sanità che si è riunita questa mattina a Bologna alla presenza degli assessori competenti Paola Salomoni (Istruzione) Raffaele Donini (Sanità) invitati a fare il punto della situazione visto che, oggi più che mai, salute e istruzione sono temi legati a doppio filo.

«Ci sono ancora incertezze e dubbi – prosegue Tarasconi – anche perché il Governo centrale è in ritardo su molti aspetti che riguardano la scuola ormai a pochi giorni dalla prima campanella, e un ruolo fondamentale nella partita contro il virus lo avranno tutti i cittadini chiamati a un grande senso di responsabilità nel segnalare immediatamente le proprie condizioni di salute e quelle dei loro figli per consentire di contenere eventuali focolai. Ma quel che la Regione poteva fare in termini di allestimento e potenziamento della “macchina” di prevenzione e tracciamento, lo ha fatto». La consigliera dem si riferisce in particolare ai dati forniti dall’assessore Donini con riferimento ai test sierologici, ai test rapidi e ai tamponi. Dati che parlano di una “potenza”, nel caso fosse necessario, di circa 25mila tamponi al giorno sul territorio regionale. E’ l’obiettivo che la Regione si prefigge di raggiungere entro poche settimane partendo dagli attuali 10mila tamponi al giorno che diventeranno 15mila entro fine mese grazie agli accordi che si stanno definendo con le farmacie e i medici di base emiliano-romagnoli. Il potenziamento dello screening è stato pensato anche per il personale scolastico ad ogni livello e, in genere, per tutta la popolazione scolastica allargata che comprende studenti, genitori e parenti: «Avere la possibilità di accedere ai test e se necessario ai tamponi con risultati forniti in poco tempo – precisa Tarasconi – è la chiave per tenere sotto controllo la situazione soprattutto in un periodo come quello invernale, con i sintomi da covid che si sovrapporranno ai sintomi da influenza stagionale». E proprio questo è uno dei temi toccati dalla consigliera del Pd nel suo intervento in Commissione. Intervento al quale l’assessore alla Sanità ha risposto spiegando che quest’anno in Regione verrà aumentato del 40% il numero dei vaccini anti-influenzali disponibili in modo da ridurre ancora di più l’impatto del virus influenzale.

E sempre nel corso del suo intervento, Tarasconi ha parlato dell’abbassamento dell’età media dei contagiati rispetto all’inizio della pandemia quando il coronavirus sembrava colpire quasi esclusivamente le persone anziane: «Oggi la metà dei nuovi contagiati ha un’età compresa tra i 10 e i 29 anni, quindi è in questa fascia di età che dobbiamo concentrare i nostri sforzi in termini di sensibilizzazione. Anche in considerazione del fatto che moltissimi sono asintomatici». E in effetti basti pensare che a Piacenza, solo nella giornata di ieri, 9 settembre, sono stati effettuati 838 tamponi, 7 di questi sono risultati positivi e ben 6 asintomatici.

Un “problema”, questo degli asintomatici, difficilmente affrontabile. «Quel che possiamo fare è muoverci tempestivamente non appena si è di fronte a un caso di contagio accertato» dice Tarasconi. E con riferimento alla scuola, qualora in una classe dovesse esserci un positivo al covid, scatterebbe immediatamente l’obbligo di mascherina anche al banco per tutti i compagni e la quarantena per la classe o l’intero plesso scolastico a seconda di quel che decideranno i dipartimenti di sanità pubblica e per il periodo di tempo limitato allo svolgimento dell’indagine epidemiologica. «L’obiettivo – spiega la consigliera regionale – è consentire la continuità didattica anche se dovesse verificarsi un contagio all’interno di una classe».

Ultimo tema sollevato da Katia Tarasconi in Commissione riguarda la necessità di allargare l’attenzione agli ambienti extrascolastici altrimenti si rischia di vanificare gli sforzi fatti nelle scuole: «Trasporti, attività sportive, oratori, luoghi di ritrovo. Lo sforzo deve essere quello di rendere questi ambienti sicuri, e molto dipenderà da quanto riusciremo a far capire alle ragazze e ai ragazzi l’importanza del distanziamento e dell’igiene, ma anche l’importanza di segnalare tempestivamente le proprie condizioni in caso di febbre». Un punto, quest’ultimo, su cui si è detto d’accordo anche l’assessore Donini che ha concluso auspicando che nei primi giorni di questo nuovo anno scolastico gli insegnanti si dedichino anche a formare i propri studenti sui comportamenti da tenere e sull’importanza di farlo. Solo così riusciremo a convivere con la pandemia e uscirne.

Potrebbe interessarti

Mobilità sostenibile. Bike to Work approda anche a Piacenza

La Giunta comunale ha approvato nella seduta di ieri, lunedì 14 settembre, lo schema di …

Lascia un commento