Home / Notizie / Cronaca / 6 milioni e 300 mila euro per la ripartenza. Largo consenso per il piano Barbieri
Patrizia Barbieri sindaco di Piacenza

6 milioni e 300 mila euro per la ripartenza. Largo consenso per il piano Barbieri

PIACENZA – A poco più di un mese dall’arrivo dei fondi speciali – 6 milioni e 300 mila euro – che il Governo ha destinato a Piacenza quale territorio tra i più colpiti in Italia dal virus Covid-19, ieri il consiglio comunale ha approvato la variazione di bilancio che punta a rispondere alle esigenze più pressanti per far ripartire la nostra città e per sostenere le categorie più in difficoltà. “Grazie alla tempestività dell’intervento, questi fondi sono ora a disposizione dei piacentini”, ha dichiarato il sindaco Patrizia Barbieri, “un contributo importante per affrontare insieme con determinazione e prospettiva la ripartenza del nostro territorio”.

“Come avevo già avuto modo di sottolineare nelle scorse settimane, abbiamo predisposto una serie di interventi pensati per rispondere alle richieste evidenziate dalle categorie sociali ed economiche, non limitandoci a misure di semplice assistenzialismo, ma cercando di realizzare progetti che contribuiscano a creare un circolo virtuoso per la ripresa socio-economica del nostro territorio,” ha spiegato la prima cittadina di Piacenza. “Prima di tutto abbiamo pensato alle persone più fragili e in difficoltà, destinando 2milioni e mezzo di euro per il sociale, di cui 1 milione per il fondo welfare, che è in via di costituzione insieme alla Curia e alla Fondazione di Piacenza e Vigevano, oltre alla partecipazione di Credit Agricole”.

“Per il restante milione e mezzo di euro abbiamo predisposto una serie di agevolazioni e contributi per le famiglie in difficoltà, per i minori, i disabili e gli anziani, il tutto con un incremento dei servizi sociali, perché nessuno rimanga indietro”.

“Abbiamo poi deciso di sostenere le nostre aziende e il mondo del lavoro destinando 2 milioni e 200mila euro a un fondo per la riduzione della Tari per le utenze non domestiche più colpite dal lockdown.
Interverremo in modo massiccio anche in ambito di servizi educativi, settori fortemente colpiti dall’emergenza, sostenendo in particolare le scuole parificate (410 mila euro) e i centri estivi per bambini che già in queste settimane stanno funzionando e accogliendo i bambini,” ha precisato Patrizia Barbieri. “Ultimo, ma non certo meno determinante ambito di intervento è quello della cultura e del turismo, due punti di riferimento fondamentali nel complessivo piano di ripartenza della nostra città, su cui stiamo lavorando in stretta sinergia con le realtà che operano sul nostro territorio. Senza dimenticare l’associazionismo sportivo e i suoi tanti operatori, anch’essi duramente colpito dalle restrizioni del lockdown, e a cui riserviamo un contributo di 100mila euro”.

“Riteniamo di aver agito con rapidità ed efficacia, chiedendo il confronto con tutti e recependo le indicazioni che ci sono giunte: anche per questo penso che su questo piano sia stata registrata ieri una larga adesione da parte del consiglio comunale”, ha concluso il sindaco. “Ovviamente si tratta di un primo passo all’interno di un cammino che ci deve vedere tutti impegnati in modo unitario per il bene di questa città. Di fronte alle difficoltà di questi tempi, determinazione, disponibilità, tempestività e attenzione devono essere sempre i nostri punti di riferimento, perché Piacenza e i piacentini hanno bisogno di risposte certe e immediate”.

Potrebbe interessarti

Esplosione Beirut

Beirut. 78 morti e 4.000 feriti. Aria tossica per il nitrato di ammonio

BEIRUT – Sale come era prevedibile il bilancio delle vittime della doppia esplosione avvenuta ieri …