Home / Notizie / Le 25 “chiarissime” regole sul Coronavirus, un mese dopo
Puffi

Le 25 “chiarissime” regole sul Coronavirus, un mese dopo

Una risata o un sorriso non ci salveranno, ma forse potranno regalarci un po’ di sollievo. Abbiamo raccolto sui social alcune versioni di un elenco di “regole chiarissime” per gestire il problema Coronavirus. A noi hanno strappato un sorriso.

LE 25 CHIARISSIME REGOLE SUL CORONAVIRUS:

  1. Non puoi uscire di casa per nessun motivo, ma se devi, allora puoi.
  2. TUTTI I NEGOZI SONO CHIUSI! Tranne quelli aperti.
  3. Non dovresti andare negli ospedali a meno che tu non debba andarci. Anche dal medico non puoi andare, purché tu non sia troppo malato.
  4. Hai l’obbligo di restare chiuso in casa con i tuoi familiari ma non devi assolutamente farti trovare chiuso in macchina con i tuoi familiari.
  5. Quando esci ricorda l’autocertificazione che è illegale, ma obbligatoria. Se non ce l’hai però non è un problema perché te ne verrà fornita una al momento del controllo.
  6. Le mascherine sono inutili! Però indossarne una può salvarti la vita.
  7. I guanti non aiuteranno, ma possono comunque aiutare.
  8. Gli animali ce lo hanno trasmesso ma non si possono infettare… tranne il gatto che è risultato positivo in Belgio a febbraio che non aveva letto l’ordinanza.
  9. Questo virus se ne andrà in estate, ma forse resterà per sempre. Non ha ancora deciso.
  10. Dovremo rimanere rinchiusi fino a quando non raggiungeremo l’immunità di gregge, che vuol dire contagiarci tutti, ma restando rinchiusi.
  11. Stanno preparando il vaccino per dotarci degli anticorpi per un virus che muta e non genera anticorpi. Nel frattempo chi è guarito non può ammalarsi nuovamente, o forse si. Ma solo in Corea.
  12. Il virus non ha effetto sui bambini tranne quelli che colpisce.
  13. Se ti ammalerai avrai molti sintomi, ma puoi anche ammalarti senza sintomi… puoi anche avere sintomi senza stare male e puoi essere contagioso senza avere sintomi. A discrezione.
  14. Per non ammalarsi bisogna mangiare sano e fare esercizio fisico. Una bella corsa di dieci chilometri in un appartamento di sessanta metri quadrati è tonificante e sviluppa la fantasia.
  15. È meglio prendere un po’ d’aria fresca, ma se non hai un cane, il giardino o il balcone, lascia perdere.
  16. Puoi farti consegnare il cibo dal ristorante a casa, che però potrebbe essere stato preparato da persone che non indossavano maschere o guanti. Quindi ti conviene far decontaminare il cibo fuori per tre ore, se non hai il cane che ti mangia tutto.
  17. Il virus si diffonde nell’aria per un metro, a volte due, ma se c’è vento forse di più.
  18. I locali potranno riaprire il 4 maggio, ma i clienti non potranno entrare.
  19. Se andrai al ristorante con tua moglie (con la quale condividi il letto) potrai arrivare al locale in auto insieme, ma dovrai cenare con una barriera di plexiglass in mezzo al tavolo.
  20. Non esiste una cura, tranne un medicinale contro i reumatismi ed uno contro il colera… la scienza sta facendo passi da gigante!
  21. Questo virus è mortale, ma non troppo, tranne che a volte può portare ad un disastro globale. In Italia ha già fatto molte vittime, ma forse meno degli anni passati e comunque, se sei in una casa di riposo, SCAPPA!
  22. Il virus rimane attivo su diverse superfici per due ore. No, quattro ore. Come dice? Sei ore? Forza, chi offre di più?
  23. Al mare quest’estate potrai avere ombrellone e lettini, ma solo se riuscirai a superare il labirinto di plexiglass.
  24. Il virus gira solo di sera quindi dalle 19… COPRIFUOCO!
  25. Nel dubbio, comunque, correte in piazza vestiti da Puffi.

Potrebbe interessarti

Musica in chiave di pace. Un progetto inclusivo che coinvolgerà 197 bambini

La musica è un linguaggio universale in grado di abbattere ogni tipo di barriera e …