Home / Eventi / Venerdì 20 dicembre. Appuntamento al Milestone eccezionalmente di venerdì con Antonio Faraò in trio

Venerdì 20 dicembre. Appuntamento al Milestone eccezionalmente di venerdì con Antonio Faraò in trio

Il prossimo concerto settimanale del Milestone, il locale della grande musica dal vivo, è stato anticipato in via del tutto eccezionale a venerdì 20 dicembre perché non ci si poteva certo lasciar sfuggire un artista del calibro di Antonio Faraò. Sempre in trio ma con una formazione diversa rispetto alla precedente: insieme a lui suonerà il fenomeno Ameen Saleem, per anni nel quintetto di Roy Hargrove, al basso e contrabbasso e Mike Baker alla batteria.

Per questa speciale serata oltre alla tessera dell’associazione Piacenza Jazz Club (valide sia quella 2019 sia la nuova 2020) è previsto un biglietto di ingresso di 10 euro.

Antonio Faraò è un’autentica punta di diamante del panorama jazz internazionale, che ha suonato con prestigiosi artisti come Joe Lovano, Didier Lockwood, Miroslav Vitous, Jack Dejohnette, Chris Potter, Benny Golson, Ivan Lins e molti altri. Il suo stile è inconfondibile: una brillantezza tecnica con un’impetuosa carica emotiva, una notevole vena compositiva e un travolgente senso ritmico. Antonio è stato invitato diverse volte da Herbie Hancock, assieme a Brandford Marsalis, Kurt Elling, Wayne Shorter, Marcus Miller, Al Jarreau e altri, a partecipare all’International Jazz Day, evento mondiale del Jazz organizzato dall’Unesco e dalle Nazioni Unite. Nel suo ultimo album Eklektik (Warner Music) compaiono, tra gli altri, diversi artisti di fama mondiale come Snoop Dogg, Marcus Miller e Bireli Lagrène.

Ameen Saleem è uno dei bassisti di maggior talento della scena jazz internazionale. Il suo primo album da leader “The Groove Lab”, registrato a New York e prodotto da Jando Music e Via Veneto Jazz è un disco brillante, carico di groove e dal sound raffinato: è il risultato del grande fermento artistico newyorkese e della poliedrica lifestyle di Brooklyn. Un giovane musicista in costante ricerca che crede nell’intreccio di diversi generi e stili, di cui è da tempo crocevia il suo studio-abitazione a Flat Bush, “tempio” di infinite session di sperimentazione sul suono e sul ritmo, un vero e proprio “groove lab” nel quale Ameen ha riunito un cast stellare di musicisti per interpretare le sue composizioni.

Mike Baker è un batterista che ha lavorato con Whitney Huston, Celine Dion, Giorgia ed è stato uno dei batteristi più apprezzati da Prince e Al Jarreau. Influenzato da batteristi-cantanti come Phil Collins e Don Henley, Baker ha realizzato anche un disco da cantante. Ha suonato con miti del jazz come Jimmy Smith, Wayne Shorter, Joe Zawinul e ha accompagnato leggende della black music come Gregory Hines e Harold Nicholas.

 

Per maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito www.piacenzajazzclub.it e seguire le sue pagine social su facebook, twitter e instagram.

Potrebbe interessarti

I commercianti di Vigolzone conquistano i social

I commercianti di Vigolzone conquistano il web sulle note dei Cani della Biscia

“Non ci aspettavamo un’accoglienza così calda per il nostro video; sono molto felice, soprattutto per …