Home / Notizie / Cronaca / Rancan (Lega): “Treni regionali fra ritardi e rotture di impianti di aria condizionata: pendolari “stremati”. La regione si dia una mossa nella posa dei nuovi treni”

Rancan (Lega): “Treni regionali fra ritardi e rotture di impianti di aria condizionata: pendolari “stremati”. La regione si dia una mossa nella posa dei nuovi treni”

“Considerando come ad oggi le promesse si siano sprecate, rimanendo tuttavia lettera morta, è venuto il momento per la Giunta regionale di dare risposte certe e precise ai pendolari – e più in generale a tutti i fruitori – della tratta ferroviaria Piacenza-Rimini, stremati dai ritardi e dalle frequenti rotture degli impianti di condizionamento delle carrozze-vagone?”.

Tant’è che il consigliere regionale della Lega, Matteo Rancan,ha depositato oggi un’interrogazione nella quale chiede alla Regione “quali azioni intenda intraprendere per diminuire i disagi dei pendolari e degli utilizzatori dei treni regionali sulle tratte da Piacenza fino a Rimini, fino all’inizio del servizio di trasporto con i treni Rock e Pop?”, “se la Giunta regionale conferma le notizie sulla posa dei nuovi treni (circa il 40% dei convogli) entro la fine di questa estate?” e “se vi sia la possibilità di avviare entro il mese di Agosto un numero maggiore di nuovi convogli con aria condizionata adeguata e posti a sedere di dimensioni più confortevoli”

“Anche questo inizio di estate ha provocato un aumento dei problemi e dei disservizi per i pendolari dell’Emilia Romagna – spiega l’esponente del Carroccio -: rotture degli impianti di aria condizionata, ritardi dovuti a guasti tecnici e lavori di manutenzione, cancellazioni di treni senza preavviso. Per citare alcuni esempi recenti, in data 24 giugno il Treno Regionale veloce 2285 delle 18.15 da Milano a Ravenna ha subìto un grave ritardo in partenza di 45 minuti a causa di un guasto tecnico, mentre il giorno successivo il medesimo treno è stato sostituito con un ViValto senza aria condizionata, posti a sedere insufficienti e senza posti per le valigie”.

A metà mese di Giugno i primi treni Rock e Pop (ossia i nuovi convogli che andranno a sostituire progressivamente i mezzi rotabili oggi oramai altamente obsoleti) hanno compiuto il primo viaggio tra Piacenza e Rimini: viaggio puramente istituzionale per mostrare alla stampa gli interni dei due convogli.

Come annunciato dalla Regione, oltre il 40% dei convogli sarà sui binari prima della fine dell’estate, circa l’80% entro dicembre, il 100% nei primi mesi del 2020.

“Ad oggi i disservizi su aria condizionata e ritardi rappresentano un problema rilevante soprattutto anche per coloro che sono possessori di abbonamenti mensili, semestrali e annuali. Nonostante le continue rassicurazioni da parte della Giunta regionale e gli incontri avvenuti con le Associazioni dei pendolari la situazione non sembra essere migliorata. Pertanto, nell’attesa dell’entrata in servizio dei nuovi convogli Rock e Pop, i pendolari e i viaggiatori dei treni regionali hanno diritto ad ottenere un servizio quanto meno decente, che preveda aria condizionata e numero di posti a sedere adeguati” conclude Rancan.

Potrebbe interessarti

Emmanuel Macron

Lockdown. Emmanuel Macron in Francia chiude tutto tranne le scuole per un mese

“Abbiamo fatto tutto quello che era possibile, ma le misure prese ora non bastano più”, …