Home / Raccolta per Tag: Philippe du Janerand

Raccolta per Tag: Philippe du Janerand

Poster del film "Riunione di condominio"

Riunione di condominio

I condomini dello stabile sito al numero 29 di Rue des Oursins si danno appuntamento per la consueta riunione annuale di condominio. L'amministratore Jean-Lous, uomo senza scrupoli, dirige la riunione e, tra liti, dissapori e piccoli contrasti, si consumano le storie di un teatro di varia umanità. Alla fine forse i condomini avranno trovato una maggiore comprensione, ma... Tipica commedia francese di caratteri, "Riunione di condominio" è un buon risultato. Niente di eccezionale o che non si sia già visto: ma la sceneggiatura è scritta in punta di penna, gli attori reggono il gioco con spirito e la regia asseconda con bravura i loro estri. Lasciando un messaggio - ci si dovrebbe impegnare maggiormente a capire esigenze e personalità altrui - che sarà pur minimo, ma di questi tempi è bene ripetere. E per una volta i soldi del biglietto non sembrano il risultato di un'appropriazione indebita.

Leggi di più »
Poster del film "Monsieur Batignole"

Monsieur Batignole

Edmond Batignole è un piccolo bottegaio nella Parigi del 1942 occupata dai nazisti. Uomo mediocre, né collaborazionista né perseguitato, approfitta egoisticamente della disgrazia dei vicini - una famiglia di ebrei denunciata alle autorità da suo genero - per occuparne l'appartamento. Quando però Simon, il figlioletto dei vicini fortunosamente scampato alla deportazione, bussa alla sua porta, Edmond si impietosisce e, in modo rocambolesco, aiuta il bimbo a rifugiarsi in Svizzera assieme a due cuginette. Sulle orme di Benigni, Jugnot realizza un film in equilibrio tra gravità e leggerezza, tra impegno civile e gusto romanzesco, rivisitando con emozione uno dei capitoli più controversi della storia francese. Presentato al festival di Locarno, il film ha riscosso in patria un notevole successo di pubblico e di critica. Resterà nella memoria l'affilata caratterizzazione che l'attore-regista offre del francese medio negli anni dell'Occupazione.

Leggi di più »
Poster del film "Molière in bicicletta"

Molière in bicicletta

Gauthier Valence è un attore celebre e amato dal pubblico, che lo segue appassionato in un medical drama francese. Stufo di interpretare eroi buoni di fiction televisive decide di mettere in scena Molière e di chiedere aiuto a Serge Tanneur, grande talento del teatro ritiratosi tre anni prima al culmine della sua carriera. Raggiunto Serge a l'Île de Ré, Gauthier prova a convincerlo a tornare a recitare, proponendogli "Il Misantropo", che Serge ha sempre sognato di interpretare. Adulato e lusingato, Serge fa resistenza e chiede a Gauthier qualche giorno di prova. Narcisi ed egoisti, decidono di fare a turno la parte di Alceste, il protagonista innamorato di Celimene e amico di vecchia data di Filinte. Alternando il ruolo di Alceste con quello di Filinte e ripetendo fino allo sfinimento la scena uno dell'atto primo, Serge e Gauthier arrivano al termine della 'recita' e a un passo dal capirsi.

Leggi di più »
Poster del film "Les choristes - I ragazzi del coro"

Les choristes – I ragazzi del coro

Il film inizia con un direttore d'orchestra (Pierre Morhange) che si ritrova davanti alla porta di casa un vecchio amico d'infanzia, Pepinot. Questi gli mostra un libro: sono gli appunti di Clement Mathieu, sorvegliante del collegio "Fond de l'Etang" scritti mentre lui lavorava nel collegio, dove i due amici avevano studiato. Clement Mathieu compositore e insegnante di musica, ha accettato l'impiego da sorvegliante nel collegio per bambini difficili, perché era disoccupato. Viene accolto dal Direttore Rachin che gli parla dei ragazzi che frequentano e del loro comportamento, gli presenta la sua regola (azione-reazione). Rachin avvisa Mathieu di stare attento e di non dargli alcuna giustificazione, affermando che i ragazzi capiscono solo se puniti, ma Mathieu crede che sia possibile attuare un sistema più conciliante, per educarli, instaurando con loro un dialogo e maggior comprensione per le loro vicende personali.

Leggi di più »
Poster del film "L'impero dei lupi"

L’impero dei lupi

Anna è la giovane moglie di un ufficiale di polizia francese. Da qualche tempo soffre di orribili allucinazioni e amnesia, al punto di non riconoscere il volto del marito. Mentre si preparano per lei procedure mediche sempre più complesse, la donna inizia a sospettare di non essere pazza, ma la pedina di una macchinazione terribile. Nel frattempo, nel X distretto, il giovane capitano Paul Nerteaux sta indagando sull'assassinio di tre giovani donne turche, trovate orrendamente mutilate. Per infiltrarsi nella comunità turca del quartiere, Nerteaux non ha altra scelta che rivolgersi a Schiffer, un ex collega con la fama di corrotto e violento...

Leggi di più »