Home / Raccolta per Tag: Luis Guzmán

Raccolta per Tag: Luis Guzmán

Poster del film "Yes Man"

Yes Man

Carl Allen è un impiegato divorziato orgogliosamente chiuso nella sua solitudine e insensibile alle richieste altrui. I clienti gli chiedono un prestito e lui lo nega, gli amici gli chiedono compagnia e lui si tira indietro, cercando di farsi bastare un dvd sul divano. Si protegge dai colpi che la vita gli ha dimostrato di saper sferrare, ma quanto altro si preclude così facendo? L'incontro con un ex collega lo convince a partecipare ad un seminario di “positività”, in cui il guru di turno lo esorta a rivoluzionare la sua vita rispondendo di sì ad ogni richiesta. Improvvisamente, si ritrova ad apprendere il coreano, a prodigarsi per un barbone, a presenziare alle feste a tema del capoufficio e ad accettare il passaggio in scooter di una sconosciuta di nome Allison. Carl dice sì all'amore per costrizione, in attesa di dire no alla costrizione in nome dell'amore.

Leggi di più »
Poster del film "Ubriaco d'amore"

Ubriaco d’amore

Presentato a Cannes 2002. Il disagio paradossale, la solitudine confusa, l'impossibilità di liberarsi della zavorra obbligata - a cominciare da quella famigliare - sono i temi di Anderson, così bene espressi in suoi film precedenti come Boogie Nights e Magnolia. Il protagonista è un giovane che avrebbe tutto, o quasi, ciò che occorre per vivere bene, solo che ci si trova malissimo. È coccolato all'esasperazione da ben sette sorelle. Lui, unico maschio guadagna abbastanza ma odia quello che fa. Inoltre, per via di una certa telefonata erotica si trova ad essere perseguitato, pericolosamente. Conta poco che uno spiraglio di dolcezza, e di ossigeno, gli arrivi dalla dolce Emily Watson. Il destino ha una via obbligata. Quella di tutti i personaggi di Anderson.

Leggi di più »
Poster del film "Turbo"

Turbo

Turbo non è come le altre lumache. Non ha paura del bambino della casa nel cui giardino vive con la comunità di suoi pari, non è soddisfatto del lavoro alla piantagione di pomodori e non ama la filosofia di fuga da ogni problema che propugnano le altre lumache, lui sogna le corse automobilistiche, la velocità e il brivido della conquista dei sogni più sfrenati, come gli insegna il suo idolo: il pilota Guy Gagné. Un giorno un incidente lo avvicinerà ai suoi sogni. Finito sul cofano di una macchina da corsa sarà risucchiato nel motore e immerso nella Nitro iniettata per fare da propulsore. Da quel momento Turbo diventa l'unica lumaca al mondo in grado di muoversi alla velocità di una macchina da corsa.

Leggi di più »
Poster del film "The Last Stand - L'ultima sfida"

The Last Stand – L’ultima sfida

Lo sceriffo Owens è un uomo rassegnato ad avere a che fare con i piccoli crimini che avvengono nella sonnolenta città di confine di Sommerton Junction, dopo aver abbandonato la polizia di Los Angeles in seguito ad un'operazione andata male, che ha lasciato il suo partner paralizzato. Una spettacolare evasione dal convoglio messo a disposizione dall'FBI però cambia le cose. Il più pericoloso e ricercato boss del narcotraffico, accompagnato da un ostaggio e dalla sua gang armata fino ai denti, ha iniziato una fuga a 200 miglia all'ora proprio in direzione di Sommerton Junction. Cittadina che rappresenta per l'autorità l'ultima possibilità di bloccare il fuorilegge prima che attraversi il confine e faccia perdere definitivamente le sue tracce. All'inizio Owens è riluttante a farsi coinvolgere. Quando però la sicurezza della sua cittadina viene messa a rischio, decide di fare di tutto per bloccare il criminale.

Leggi di più »
Poster del film "Terapia d'urto"

Terapia d’urto

Dave Buznik, un tranquillo impiegato newyorkese, in seguito ad uno spiacevole equivoco a bordo di un aereoplano, viene scambiato per un soggetto estremamente irascibile. Condannato da un giudice a seguire le sessioni per la gestione della rabbia tenute dal Dottor Buddy Rydell, Dave si imbatte in un medico alquanto bizzarro che usa metodi poco ortodossi... e se fosse lui il matto da legare?

Leggi di più »
Poster del film "Scemo & più scemo - Iniziò così..."

Scemo & più scemo – Iniziò così…

Alla fine degli anni'80, Harry e Lloyd si incontrano nelle aule del liceo di città. Harry, fino a quel giorno, ha studiato privatamente a casa con la madre, Lloyd, invece, vive nel seminterrato della scuola con il padre, che lavora come custode. Entrambi non sono propriamente dei geni: ma la loro presenza fa molto comodo al disonesto preside del liceo, che vuole intascarsi un grosso finanziamento destinato alla creazione di classi differenziali. Ma la demenza dei due sarà superiore persino ai suoi macchiavellismi... La moda del "prequel" - ultima frontiera di una Hollywood sempre più a corto di idee - contagia anche il comico. Con risultati purtroppo disastrosi. Che già l'originale "Scemo e più scemo" non fosse proprio una pietra miliare non è oggetto di contestazione: ma qua e là capitava di ridere.

Leggi di più »
Poster del film "Pelham 1 2 3 - Ostaggi in metropolitana"

Pelham 1 2 3 – Ostaggi in metropolitana

Walter Garber è un dirigente della metropolitana di New York, declassato per illecito e impiegato allo smistamento dei treni sulla linea di Lexington Avenue. In attesa di giudizio, una mattina resta coinvolto suo malgrado nel dirottamento di un treno partito da Pelham Bay. A capo di una banda di sequestratori senza scrupoli c'è Ryder, nome "d'arte" che nasconde identità e storia di un criminale raffinato e "ricercato". Presi in ostaggio diciotto newyorkesi e costretti nel vagone locomotore, Ryder trova nella voce e nella persona di Walter il suo negoziatore ideale. Rimandati dialogo e parole con la polizia, Ryder chiede al sindaco di New York dieci milioni di dollari per risparmiare la vita degli ostaggi. Negoziatore, sindaco e polizia avranno un'ora esatta per raccogliere la cifra e salvaguardare i passeggeri "in carrozza".

Leggi di più »