Home / Raccolta per Tag: Julia Stiles

Raccolta per Tag: Julia Stiles

Poster del film "Un principe tutto mio"

Un principe tutto mio

Quando il Principe Edvard di Danimarca si reca negli Stati Uniti per studiare all'università del Wisconsin, incontra una studentessa del college, Paige, che gli serve da bere al bar. Le cose tra i due non cominciano nel verso giusto ma poi nasce qualcosa e lei invita "Eddie" a passare le vacanze lì con la sua famiglia. Dopo il ritorno al college, il loro rapporto diventa più profondo. Un fotografo danese, che sta seguendo segretamente il principe Edvard, lo fotografa con la "amica del college" mentre i due sono in biblioteca e le foto vengono pubblicate su un giornale. Come risultato, la vera identità di Eddie viene rivelata a Paige.Il principe torna in Danimarca seguito da Paige. Quando lui le propone di sposarlo, e lei accetta, i genitori di Eddie cominciano ad istruire la ragazza sulla vita di corte. Anche la sorella minore del principe è felice dell'arrivo di Paige perché da sempre aveva desiderato avere una sorella.

Leggi di più »
Poster del film "The Bourne Supremacy"

The Bourne Supremacy

Due anni fa sperava di essersi lasciato alle spalle quel passato che non poteva ricordare, ma che lo perseguitava con misteriose immagini di morte e violenza. Il destino però torna a bussare alla porta di Jason Bourne, killer professionista senza più memoria, quando viene accusato (ingiustamente?) di aver ucciso il premier cinese. Dopo Bloody Sunday (ripreso dalla celeberrima canzone degli U2), il drama-documentario che racconta della tragedia a Londonderry nel '72 in cui 13 civili furono ammazzati dai soldati britannici (opera che vinse l'Orso d'Oro a Berlino), Paul Greengrass gira il sequel di The Bourne identity, passato a Locarno due anni fa.

Leggi di più »
Poster del film "The Bourne Identity"

The Bourne Identity

Un uomo gravemente ferito viene raccolto in mare. Una volta ristabilitosi scopre di aver perso totalmente la memoria ma non le proprie abilità, dal parlare varie lingue all’usare con disinvoltura armi e arti marziali. Il recupero di una cassetta di sicurezza presso una banca di Zurigo non fa che aggiungere confusione, visto che contiene sei passaporti diversi. Tra tutte l’identità più probabile sembrerebbe quella di Jason Bourne, americano residente a Parigi. Giocoforza recarvisi, convincendo una ragazza a dargli un passaggio in cambio di 10.000 dollari. Ma qualcuno della Cia sa benissimo chi è lo smemorato, e preferirebbe decisamente vederlo morto…

Leggi di più »
Poster del film "Save the Last Dance"

Save the Last Dance

Sara, una giovane ragazza bianca, è un'aspirante ballerina di danza classica, che sogna di entrare alla Juillard, la prestigiosa scuola di ballo di New York. Derek è invece un ragazzo di colore che aspira a diventare medico. I due si incontrano nel liceo del South Side di Chicago, dove Sara si è trasferita dopo la morte della madre, e si innamorano. Famiglia e amici, specialmente di Derek, ostacoleranno i due ragazzi, i quali però alla fine usciranno vincitori da questa lotta per affermare le loro aspirazioni e i loro sentimenti.

Leggi di più »
Poster del film "O come Otello"

O come Otello

Una volta accettato il fatto che Shakespeare è il più grande sceneggiatore mai esistito e che è davvero difficile prescindere da lui quando si voglia parlare di sentimenti seri, ecco che si ritenta la "contaminazione" così ben riuscita all'esordiente Luhrmann con Romeo+Giulietta: narrare una storia eterna con linguaggio attuale. L'ambiente non è dunque Cipro ma un college della Carolina del sud. Odine (Phifer) è lo studente leader, bravo in tutto, specialmente nello sport, è infatti il capitano della squadra di basket. E' amato da Desi (Stiles), bellissima e figlia del preside. Lo Jago moderno sarebbe Hugo, al quale dà corpo e volto l'emergente Josh Hartnett. La storia si sviluppa, appunto, secondo Shakespeare. Hugo instilla tremenda gelosia in Odine, che alla fine ucciderà l'amata.

Leggi di più »
Poster del film "Omen - Il Presagio"

Omen – Il Presagio

Robert Thorn e sua moglie Kathryn non riescono ad avere un figlio, la moglie ha avuto già due gravidanze interrotte e anche questa volta è andata male: il loro figlio è nato morto. La moglie è ancora incosciente e prima che si risvegli Padre Spiletto suggerisce all'uomo di adottare un bambino appena nato che per la donna sarà suo figlio, Damien. Trascorrono cinque anni e alcuni accadimenti bizzarri insospettiscono l'uomo, che lentamente scoprirà di essere vittima di una congiura. La baby sitter durante i festeggiamenti del quinto compleanno del bimbo si impicca davanti a lui.

Leggi di più »
Poster del film "Mona Lisa Smile"

Mona Lisa Smile

USA 1953, tempi di guerra fredda, maccartismo, integrazione razziale. Tutto molto lontano dal Wellesley College, prestigiosa scuola femminile, dove le materie sono un optional rispetto all'insegnamento base, principio fondamentale per le allieve: lo scopo primo nella vita di una donna resta ancora il matrimonio. Ed è in questa realtà che arriva la nuova insegnante di storia dell'arte: Katherine Watson, 36 anni, fiera “zitella” di estrazione operaia, convinta di poter aprire le menti delle sue represse, ma non sempre ottuse, aristocratiche allieve. Come è prevedibile si scontra contro il corpo insegnanti conservatore e con la diffidenza delle ragazze, ma non si arrende e spiegando come “leggere” Leonardo e Van Gogh, introducendo Pollock e facendosi coinvolgere anche nelle beghe amorose, riesce finalmente ad abbattere il muro di ostilità posto fra lei e le alunne.

Leggi di più »
Poster del film "Il lato positivo - Silver Linings Playbook"

Il lato positivo – Silver Linings Playbook

Pat esce dall'ospedale psichiatrico dopo otto mesi di trattamento con una sola idea in testa: rimettersi in forma e riconquistare la moglie Nikki. Un divieto di avvicinamento lo costringe, però, nel frattempo, in casa con la madre e il padre, che ha perso il lavoro e si è dato alle scommesse, e gli impone degli incontri settimanali con il dottor Patel. A questo punto, la già precaria autodisciplina di Pat viene sconvolta dall'incontro con Tiffany, giovane vedova con una recente storia di dipendenza da sesso e psicofarmaci. In cambio della sua intercessione presso Nikki, Tiffany vuole infatti che Pat le faccia da partner per un bizzarro concorso.

Leggi di più »
Poster del film "Hollywood, Vermont"

Hollywood, Vermont

Una troupe cinematografica lascia il New Hampshire e si trasferisce a Waterford, una graziosa cittadina del Vermont. Motivo: girare un film ispirato alla storia di un vecchio mulino. Peccato che l’edificio non esista più, il regista incontri ogni tipo di problema con gli attori, gli abitanti del luogo interferiscano con la lavorazione e lo sceneggiatore abbia perso la macchina da scrivere...

Leggi di più »