Home / Raccolta per Tag: Jon Abrahams

Raccolta per Tag: Jon Abrahams

Poster del film "We Are Your Friends"

We Are Your Friends

Un aspirante dj ventitreenne di nome Cole passa le sue giornate tra gli amici e il lavoro di notte. La sua quotidianità cambia quando incontra James, un carismatico dj che lo prende sotto la sua ala protettiva. Ben presto, però, Cole si innamora di Sophie, la ragazza di James, e man mano che la relazione proibita procede si vede costretto a dover scegliere tra l'amore, la lealtà e il futuro a cui è destinato.

Leggi di più »
Poster del film "Ti presento i miei"

Ti presento i miei

Greg è talmente innamorato di Pam che è pronto a chiedere la mano della ragazza ai genitori. Una telefonata che annuncia l’imminente matrimonio della sorella minore di Pam gli fa cambiare idea. Il viaggio a New York per il matrimonio della sorella diventa così l’occasione per presentarsi ai genitori di Pam. Al suo arrivo Greg si rende conto che dovrà faticare molto per ottenere il permesso di sposare Pam.

Leggi di più »
Poster del film "They - Incubi dal mondo delle ombre"

They – Incubi dal mondo delle ombre

Difficile la vita per chi da bambino sognava di avere mostri nella propria stanzetta. Julia, Billy, Sam e Terry, quattro giovani americani, hanno avuto problemi simili, e le ombre che li perseguitavano da piccoli sono tornate per portarseli nel loro mondo. Billy non regge alle visioni, e si uccide. Sam e Terry vengono catturati. Julia, brillante studentessa di psicologia prossima alla laurea, combatte con tutte le sue forze, ma alla fine deve soccombere. E a nulla valgono le sue disperate richieste d'aiuto, rivolte al suo analista, che la va a trovare nello stanzino del manicomio dove è stata rinchiusa, ma non la trova poiché la giovane è oltre una porta, imprigionata dai propri mostri.

Leggi di più »
Poster del film "Scene da un crimine"

Scene da un crimine

Un titolo basato su una storia vera il cui proposito non era quello di realizzare un film sulla mafia, bensè di coinvolgere nell'introspezione dei personaggi e nelle svolte impreviste delle loro vite. Ma film sulla mafia rimane, pur senza un briciolo di azione, scontato ed un po' piatto nonostante l'impegno dei bravi interpreti.

Leggi di più »
Poster del film "Scary Movie"

Scary Movie

Tutto ha inizio con l'assassinio della bellissima studentessa liceale Drew Decker. I suoi compagni di classe scoprono che c'è un serial killer intorno a loro, anche se non sembra troppo originale... i suoi 'modi operandi' sono infatti ispirati ai classici horror degli ultimi anni. Cindy e i suoi amici devono proteggersi dal pericolo in ogni modo.

Leggi di più »
Poster del film "Prime"

Prime

Rafi è una donna di trentasette anni appena uscita da un divorzio, sola, depressa e in cura da una psichiatra. Incontra casualmente David, un giovane pittore di ventitré anni ed è amore a prima vista. Tra i due inizialmente sembra funzionare tutto alla perfezione, ma, con il passare del tempo, le diverse esigenze dovute alla differenza di età (Rafi vuole avere un figlio, David è attratto dalla playstation ed è ancora legato ai suoi amici), e le diverse culture di appartenenza (David è ebreo, Rafi no), rendono il percorso sentimentale della coppia difficile e accidentato. A complicare il tutto ci si mettono gli amici di Rafi che sono contrari a questa relazione e soprattutto Liza, la madre di David, che, guarda caso, è anche la psicoanalista di Rafi.

Leggi di più »
Poster del film "La maschera di cera"

La maschera di cera

Teen-horror costruito ad hoc per lanciare la prezzemolina d'America Paris Hilton nel magico & meraviglioso mondo del cinema, La maschera di cera (remake di una discreta pellicola del 53', diretta da Andrè de Toth) riesce a risultare perlomeno sufficiente, grazie ad una messa in scena curata e alcune sequenze di notevole impatto visivo. Gli ingredienti del film di genere ci sono tutti: sei ragazzi in formazione tipo (due belle da copertina, due personaggi minori da macello, l'eroe vittima e l'eroe che si salva), la città che non esiste su nessuna mappa ma che il gruppo, guarda caso, trova senza problemi, la violenza a volte funzionale, a volte gratuita, dialoghi banali, colpi di scena scarsi quando non telefonati, la citazione colta che dovrebbe dare un tono al film (in questo caso, il fatto che nel cinema della cittadina venga proiettato Che fine ha fatto Baby Jane?) ed una confezione di lusso. ..

Leggi di più »