Home / Raccolta per Tag: Benicio del Toro

Raccolta per Tag: Benicio del Toro

Poster del film "Vizio di forma"

Vizio di forma

Larry Doc Sportello (Joaquin Phoenix) è un detective privato della Los Angeles del 1969. Dipendente dalle droghe e dai metodi insoliti, Sportello viene contattato da un'ex amante per risolvere un interessante caso che, tra miriadi di azioni criminali, riguarda un'infedeltà coniugale ma anche le istituzioni mentali e un gruppo di poliziotti chiamati Bigfoot.

Leggi di più »
Poster del film "Traffic"

Traffic

Javier Rodriguez e Manolo Sanchez sno due poliziotti impegnati a contrastare il traffico di droga sul confine tra Stati Uniti e Messico. Il loro capo è il generale Salazar, il principale nemico dei cartelli della droga. Ogni giorno i due sono tentati di appropriarsi di parte dei carichi sequestrati e di arricchirsi. Javier è il più resistente alle pressioni. Intanto negli Stati Uniti il giudice della Corte Suprema dell'Ohio, Robert Wakefield, viene incaricato dal Presidente di coordinare un'efficace attività antidroga con i partner messicani. A casa però Robert e la consorte debbono assistere impotenti al precipitare nell'abisso della dipendenza della figlia sedicenne. Carlos Ayala, un trafficante ricco di coperture, rischia di venire incastrato in fase processuale da un testimone eccellente.

Leggi di più »
Poster del film "The hunted - La preda"

The hunted – La preda

Un ex studente della scuola di guerra, che è stato uno dei migliori delle forze speciali, ora è impazzito e riempie di cadaveri il bosco in cui si è rifugiato. Il suo insegnante decide di dargli la caccia, di braccarlo come un animale per poterlo neutralizzare definitivamente. Una riflessione sulle conseguenze della guerra sull'uomo, un film che racconta del rimorso e della follia di esseri umani che, per motivi diversi e con modalità diverse, sono stati costretti, nel passato, a venire a patti con la violenza. La narrazione è spesso eccessiva e disarmonica, ma risulta efficace nel parlare del conflitto: di due paesi, di due uomini, di due modi di vedere. L'impostazione del racconto è manichea, ma serve al regista per dimostrare che la presa di coscienza (da parte di chi ha subìto o ha partecipato ad una guerra) necessariamente porta alla perdita di lucidità e di equilibrio, alla pazzia, appunto.

Leggi di più »
Poster del film "Somewhere"

Somewhere

Un attore, che conduce un'esistenza sregolata e alloggia al Chateau Marmont - celebre hotel losangelino frequentato da sempre dalle star di Hollywood - è costretto a mettere in discussione tutto il suo passato, quando sua figlia, una ragazzina di undici anni, si trasferirà a vivere da lui.

Leggi di più »
Poster del film "Sicario"

Sicario

Al confine tra Stati Uniti e Messico, in una zona dove non esiste la legge, Kate, un'agente dell'FBI idealista è arruolata da un agente del governo in una task force d'elite impegnata nella sempre più difficile guerra al traffico di droga. Guidati da un consulente dal passato discutibile, la squadra parte per una missione segreta che costringerà Kate a mettere in discussione tutto ciò in cui credeva, per poter sopravvivere.

Leggi di più »
Poster del film "Snatch - Lo strappo"

Snatch – Lo strappo

Una scalcinata banda di rapinatori decide di mettere a segno il "colpo della vita": rapinare un grossista di diamanti ed impossessarsi di un pezzo da collezionisti grande quanto una pallina da golf! Il diamante fa gola a molti ed inizia a passare di mano in mano coinvolgendo direttamente ed indirettamente tutti i protagonisti.

Leggi di più »
Poster del film "Sin City"

Sin City

Sin City è una città nera, dove la notte non tramonta mai, abitata da una schiera di personaggi più cupi della notte stessa. Tutti cattivi, ognuno a modo suo: Marv, tenero bestione con un talento creativo per la sofferenza altrui; Kevin, ragazzo emotivo che ritrova la serenità divenendo uno spietato divoratore di esseri umani; la sua abietta guida spirituale il cardinale Roark, padrone della città; Dwight, fascinoso criminale che asseconda il suo destino e dispensa morte a piene mani; Gail, sua amata e regina delle prostitute che governano la città vecchia, donne che danno grande piacere, se si paga bene e si sta alle regole, o grande dolore, se si va oltre il seminato; un bastardo giallo, che violenta e mangia bambine impunito, coperto dal mostro suo padre che è anche Senatore della città, e contrastato solo da Hartigan, uno sbirro sul viale del tramonto disposto ad una carneficina per fermarlo e salvare Nancy, timida ballerina di lap dance.

Leggi di più »
Poster del film "Perfect Day"

Perfect Day

I protagonisti di questa movimentata avventura sono quattro operatori umanitari impegnati nei Balcani nel 1995, a guerra appena finita. La loro missione è rimuovere un cadavere da un pozzo, per evitare che contamini l’acqua della zona circostante. La squadra, guidata dal carismatico Mambrú (Benicio Del Toro), comprende Sophie (Mélanie Thierry), ingenua idealista appena arrivata dalla Francia, la bella e disinibita Katya (Olga Kurylenko) e l’incontenibile B (Tim Robbins), volontario di lungo corso e allergico alle regole. Dopo una rocambolesca serie di eventi, i quattro capiranno che si tratta di un compito più difficile del previsto, in un paese in cui anche trovare una corda può diventare un’impresa impossibile.

Leggi di più »
Poster del film "Le belve"

Le belve

Ben e Chon sono due amici per la pelle che condividono tutto, dall’amore per la bella Ophelia – detta O - all’attività di coltivatori e spacciatori della miglior marijuana della California del Sud. È stato Chon, ex marine, a riportare i primi semi dall’Afghanistan, poi è venuto Ben, botanico e buddista, che ne ha fatto un prodotto sopraffino, buono per far dollari così come per alleviare il dolore dei malati terminali. La vita scorre dunque idilliaca per il fortunato trio e i loro amici, finché un brutale cartello di trafficanti messicani non decide di fare affari con loro, che lo vogliano o meno.

Leggi di più »
Poster del film "La promessa"

La promessa

Sean Penn, al suo terzo lungometraggio, dimostra la stoffa dell'abile confezionatore di film di buon livello capaci (ed è già molto) di tenere desta l'attenzione dello spettatore. Il film si ispira al romanzo omonimo dello scrittore svizzero Friedrich Durrenmatt, anche se ben poco resta dello spirito tipicamente centroeuropeo di un autore che affermava la prevalenza del 'gioco' sul 'messaggio'. L'ispettore di polizia Jerry Black è giunto al giorno della pensione. Arriva però la notizia del ritrovamento del cadavere straziato di una bambina e Black si offre per l'avvio delle indagini. Queste hanno breve durata perché il presunto colpevole viene catturato e sembra 'firmare' la propria confessione sottraendo una pistola a un poliziotto e sparandosi in bocca. Il caso è chiuso ma Black non è convinto: ha promesso solennemente alla madre di prendere l'assassino.

Leggi di più »