Home / Redazione

Redazione

Metronotte. L’allarme mette in fuga i ladri in un magazzino di arredamenti

Non è riuscito il colpo che i malviventi avevano programmato per la serata di ieri in un magazzino di arredamenti di Piacenza; l’allarme ha infatti messo in fuga i ladri. Il segnale di intrusione è pervenuto poco dopo le 22.00 alla centrale operativa dell’istituto di vigilanza Metronotte Piacenza, che ha immediatamente inviato sul posto una pattuglia per un controllo. L’agente, durante il controllo, ha notato che il portone del deposito era stato forzato ed il lucchetto tranciato. I malviventi però, scoraggiati dal suono della sirena, hanno immediatamente abbandonato il loro intento, mandando in fumo il colpo e la titolare ha riferito che non vi erano ammanchi.
Sul posto sono intervenuti i carabinieri per i rilievi utili alle indagini.

Metronotte. La scorsa notte due furti sventati in contemporanea

Sono scattati a distanza di pochi minuti l’allarme presso un negozio di biciclette nei dintorni di Cadeo e quello di un esercizio commerciale sito nella zona industriale della Caorsana; fortunatamente, in entrambi i casi, il tempestivo intervento delle pattuglie di Metronotte Piacenza ha impedito che i colpi andassero a segno. All’una e cinquantaquattro la centrale operativa di strada Caorsana ha inviato una pattuglia presso un negozio di biciclette di Roveleto per una verifica e la guardia, sopraggiunta in un minuto, ha notato immediatamente la forzatura di una finestra e la presenza di un piccone sulla pensilina sottostante la finestra stessa. I ladri hanno dovuto interrompere il loro intento, l’intrusione non è avvenuta ed il peggio è stato scongiurato. All’una e cinquantanove un altro segnale di allarme è giunto alla centrale operativa di Metronotte, che immediatamente ha richiesto l’intervento di una pattuglia presso un esercizio commerciale nella zona di via Caorsana. Appena raggiunto l’obiettivo, l’agente ha visto una BMW allontanarsi a forte velocità in direzione di via Orsi. Da qui è scaturito un inseguimento da parte della pattuglia di vigilanza fino a via Dossarelli, dove i malviventi sono riusciti a far salire a bordo tre individui, per poi ripartire di nuovo a velocità sostenuta. Dopo aver imboccato la Caorsana, giunto all’altezza di via dell’Anselma, il conducente della BMW, tallonato dalla pattuglia di Metronotte Piacenza, ha invertito la marcia e si è diretto verso l’imbocco dell’autostrada; a questo punto, dopo una brusca inversione, si è allontanato verso Mortizza per poi arrivare ad abbandonare la vettura contro un cumulo di terreno in una strada dissestata in via Argine, nei pressi del fiume Po. Approfittando del buio e della folta vegetazione, i malintenzionati sono riusciti a far perdere le loro tracce ma, grazie al sopraggiungere della vigilanza, non sono riusciti a portare a termine il furto. In loco, infatti, un secondo agente giunto a presidio dell’obiettivo preso di mira dai ladri, ha riscontrato il tentativo di manomettere il sistema di allarme e la forzatura di una porta tagliafuoco.

Sul posto, oltre alla polizia, sono sopraggiunti i titolari che non hanno riscontrato ammanchi.

Metronotte. Salvato un cane travolto da un’auto in fuga e sventato furto in azienda

Pare strano che non si sia accorto di aver travolto un animale l’autista che, nella tarda serata di ieri, ha travolto con la propria vettura un cane che attraversava la strada nel comune di Rottofreno, proseguendo però la propria corsa senza accertarsi dell’accaduto. Fortunatamente, una guardia Giurata di Metronotte Piacenza, che stava effettuando un controllo presso un abbonato nelle vicinanze, ha assistito alla scena e, pur non riuscendo ad annotare il numero di targa dell’auto coinvolta, ha immediatamente prestato soccorso all’animale ferito, riuscendo a salvarlo da una fine peggiore. Il cane è stato assistito fino all’arrivo dei padroni, rintracciati dall’agente, e del servizio medico di primo intervento dedicato agli animali. Alcune ore più tardi, intorno alle 4 di questa mattina, grazie al sistema di allarme collegato con la centrale operativa di strada Caorsana, una guardia giurata di Metronotte Piacenza è intervenuta presso una ditta ubicata ai Casoni di Gariga, riuscendo a mandare in fumo un furto. Giunto sul posto, il vigilante ha notato alcune luci accese, la forzatura di una recinzione e, all’interno degli uffici, alcuni armadietti aperti e a soqquadro. Immediatamente il titolare dell’azienda, informato dagli operatori, si è recato sul posto, dichiarando che gli ammanchi si limitavano ad oggetti di scarso valore e che il peggio era stato scongiurato. L’arrivo della guardia ha evidentemente disturbato i ladri, costringendoli ad abbandonare il loro intento e a darsi alla fuga

Metronotte. Salvataggio di un cane e ritrovamento di una vettura rubata

È stato un fine settimana all’insegna dell’operatività per le guardie di Metronotte Piacenza che, tra sabato e domenica scorsi, sono riuscite a recuperare un’auto rubata e a salvare un cane smarrito. Nel pomeriggio di sabato 7 aprile, durante un controllo in via Torre della Razza, un agente di vigilanza ha notato la presenza di una Lancia Y, con vari segni di danneggiamento, in un parcheggio piuttosto isolato. Insospettito, il metronotte ha richiesto un controllo della targa, dal quale è emerso che  il furto della vettura era precedentemente stato denunciato alle autorità competenti. Sul posto sono intervenute le Forze dell’Ordine per il recupero del veicolo. All’alba di domenica 8 aprile, invece, una guardia in servizio nella zona di Borghetto di Roncaglia ha ritrovato un cane smarrito che vagava nella zona industriale. Per evitare pericoli all’animale e alla circolazione, l’agente ha informato il 113 che, a sua volta, ha richiesto l’intervento del canile municipale per il recupero del randagio.

Metronotte. Guardia giurata salva un cucciolo e lo consegna alla Polizia Zoofila

Aveva appena terminato un controllo in una ditta di Sarmato, la guardia che, nel pomeriggio del 2 aprile, ha notato la presenza di un cagnolino in un campo adiacente all’azienda. La guardia si è avvicinata all’animale riuscendo a conquistare la sua fiducia e, riscontrando la mancanza di collare e targhetta di riconoscimento, ha segnalato la cosa alla centrale operativa di Metronotte Piacenza, richiedendo l’invio sul posto della Polizia Zoofila. Il cucciolo, di circa tre mesi di età, è stato così tratto in salvo dagli agenti, che lo hanno preso in consegna per gli accertamenti e per evitare che l’animale potesse mettersi in pericolo o provocare incidenti.

Metronotte. Cane ritrovato dalla guardia giurata

Grazie all’intervento di un metronotte, si è risolta con un lieto fine la vicenda di un cane che si era smarrito allontanandosi dalla propria abitazione, vagando nella notte lungo la Statale 45. Durante un controllo presso un’attività di Ancarano, una guardia di Metronotte ha notato che l’animale, impaurito e spaesato, si aggirava nel pressi della statale, col rischio di essere investito dalle automobili o di provocare incidenti alle vetture che, su quel tratto di strada, transitano ad elevata velocità. Il vigilante si è allora avvicinato al cane e, dopo aver guadagnato la sua fiducia, è riuscito a leggere il numero di telefono impresso sul collare e a mettersi in contatto con il proprietario. Dopo breve tempo, il padrone è accorso e, felice per il ritrovamento, ha potuto riabbracciare la sua amata bestiola.

Metronotte. La neve non ferma le guardie giurate; furto sventato in officina

Non sono riusciti nel loro intento i ladri che, nella serata di ieri, noncuranti della neve che ha ricoperto le strade del piacentino, hanno tentato di rubare una vettura da una officina di Pontenure. Poco dopo le 22.00 alla centrale operativa di Metronotte Piacenza è giunto un segnale di allarme; in pochi minuti, due pattuglie di vigilanza hanno raggiunto l’obiettivo e verificato che una finestra ed una porta del capannone erano aperte in corrispondenza di una vettura custodita all’interno del cortile. All’esterno dell’officina, i metronotte hanno riscontrato la presenza di un’automobile di medie dimensioni, sulla quale i carabinieri, intervenuti su richiesta della vigilanza privata, hanno riscontrato cacciaviti ed arnesi da scasso. Dalla visione delle immagini di sorveglianza è emerso che tre persone si erano introdotte nell’area di pertinenza dell’azienda ed avevano tentato di rubare l’auto presente nel cortile; grazie all’allarme e al tempestivo intervento delle guardie, si erano però date alla fuga nei campi limitrofi, abbandonando sul posto il veicolo utilizzato per il colpo.

Sul posto è intervenuto anche il titolare dell’officina per verificare la situazione.

Metronotte. Doppietta su un intervento: Furto sventato in un bar e recupero della vettura rubata ed utilizzata per realizzarlo.

Duplice risultato la notte scorsa per le guardie giurate di Metronotte Piacenza: un furto è stato sventato in un bar di Fiorenzuola e contestualmente è stata recuperata una vettura rubata utilizzata per il colpo presso il locale. Sono circa le 04.30 quando la centrale operativa dell’istituto di vigilanza di Strada Caorsana riceve un allarme da un bar di Fiorenzuola; immediatamente vengono inviate due pattuglie che, al loro arrivo, vedono scappare tre individui incappucciati attraverso il cantiere dell’Ospedale della cittadina, lasciando a terra una macchina cambiamonete. I tre malviventi riescono a far perdere le loro tracce, abbandonando sul posto una vettura risultata poi rubata dalle verifiche con le Forze dell’Ordine. Il titolare del locale, sopraggiunto per le verifiche del caso, ha riferito di non aver subito ammanchi e i Carabinieri di Caorso, intervenuti per i rilievi, hanno preso contatto con il proprietario dell’auto ritrovata per le pratiche di restituzione.

Sul veicolo rubato sono stati rinvenuti vari arnesi da scasso.

Il sindaco di Piacenza (Patrizia Barbieri) e il Direttore dell’Unione Commercianti (Giovanni Struzzola), in visita alla sede di Metronotte Piacenza.

In un momento in cui il tema della sicurezza è un argomento molto sentito da tutti, il Sindaco di Piacenza, Patrizia Barbieri, e il Direttore dell’Unione Commercianti, Giovanni Struzzola, hanno fatto visita, in data odierna, alla sede dell’Istituto di Vigilanza Metronotte Piacenza. Il primo cittadino e il Direttore dell’Unione Commercianti hanno così potuto toccare con mano le ultime tecnologie in termini di sicurezza che l’istituto piacentino, leader del settore, utilizza quotidianamente per l’espletamento dei servizi. Dalle moderne dotazioni delle pattuglie, come i nuovi sistemi satellitari di comunicazione e i visori termici portatili in dotazione alle guardie giurate in intervento, ai nuovi sistemi di sicurezza installati e gestiti dalla Centrale Operativa di Strada Caorsana. Oggi, a soli sei anni di distanza, il gruppo che fa capo a Metronotte Piacenza vanta oltre 200 dipendenti con più di 40 pattuglie che si muovono su tutto il territorio della città e della provincia. Per dare la misura della crescita aziendale, nel 2011 l’Istituto aveva chiuso il bilancio con un fatturato di 280mila di euro. Oggi il fatturato del gruppo si attesta sui 7 milioni di euro. Si parla di gruppo perché a Metronotte Piacenza fanno ora capo cinque realtà attive in vari settori della security: dai servizi di vigilanza armata alla protezione dei dati, dall’installazione e la gestione dei più avanzati sistemi d’allarme e video sorveglianza per aziende, privati ed enti a progetti di sicurezza specifici per pubbliche amministrazioni. Ma non solo: Metronotte Piacenza è attiva anche nel sociale con una rete di imprese, la Primogenita Assistenza, in grado di erogare servizi sanitari e assistenziali grazie alla collaborazione con realtà importanti del territorio.

Una crescita, quella di Metronotte Piacenza, che assume ancora più rilevanza se si considera che si colloca in un periodo di profonda crisi economica. «Il segreto del nostro successo – spiega Pietro Ercini, Presidente e socio fondatore di Metronotte Piacenza – si basa su due fattori distinti ma legatissimi tra loro. In primo luogo la territorialità, ovvero la conoscenza profonda dell’area geografica in cui operiamo e di tutte le sue dinamiche. In secondo luogo la ricerca dell’eccellenza assoluta nel nostro lavoro. Ciò che per altri del nostro settore potrebbe essere considerato un buon livello, per noi è il punto di partenza. Vogliamo il meglio, vogliamo offrire il meglio e puntiamo costantemente e meticolosamente alla piena soddisfazione di chi si rivolge a noi».
 La piena soddisfazione dei clienti, secondo Giampaolo Zilocchi, Direttore Tecnico di Metronotte, si può raggiungere solo offrendo l’eccellenza nel settore della sicurezza; dalla formazione degli uomini alla tecnologia, che è la migliore attualmente presente sul mercato internazionale. La nuova sede di strada Caorsana è l’espressione di tutto questo. Una sede ipertecnologica, dunque, e pensata in chiave moderna sotto ogni punto di vista. Ci sono ampi spazi dedicati al personale, ad esempio, con tanto di palestra e area multifunzionale che comprende anche una zona ricreativa per i bambini dei dipendenti, in pieno stile americano. E poi un open space con postazioni di lavoro, uffici, sala riunioni eccetera.

Ma il cuore pulsante della sede è la nuova centrale operativa, attiva 24 ore su 24 e completamente rinnovata. E’ il fiore all’occhiello dell’Istituto: «Abbiamo scandagliato il mercato internazionale di settore facendo le scelte più avanzate» ci tiene a sottolineare Giampaolo Zilocchi. Parliamo di soluzioni tecnologiche che rendono questa centrale una struttura dinamica, unica a livello nazionale; è una sorta di “regia” grazie alla quale gli operatori specializzati sono in grado di gestire applicativi complessi e di comunicare in modo bidirezionale con le guardie presenti sul territorio garantendo un monitoraggio del territorio senza pari nel settore della sicurezza privata.

Metronotte. Furto sventato in azienda a Gariga

Erano da poco passate le 21.00 di ieri, quando la centrale operativa di Metronotte Piacenza ha ricevuto un segnale di allarme da una ditta di Gariga. Grazie a sofisticati sistemi di telecamere termiche, l’operatore di centrale ha notato la presenza di alcuni individui che si muovevano all’interno della ditta. Immediatamente è stata inviata sul posto una pattuglia che ha constatato che il cancello principale era aperto e che un portone laterale era stato scardinato. Da un controllo delle vie limitrofe è emerso che i ladri erano riusciti a darsi alla fuga e la titolare, giunta sul posto per il controllo, ha confermato che non vi erano ammanchi.

Sul posto sono intervenuti anche i Carabinieri della stazione di San Giorgio.