Home / Jessica Scaglione (pagina 583)

Jessica Scaglione

Coltivava marijuana in un campo vicino a casa: denunciato

I carabinieri hanno sorpreso il 54enne nell’innaffiare le sue piantine

Ponte dell’Olio. Sono stati i vicini a informare le autorità: le strane piantine e i movimenti dell’uomo erano piuttosto sospetti. I carabinieri, intervenuti sul luogo, lo hanno sorpreso mentre si avviava ad innaffiare tre piantine di un metro e sessanta, che aveva piantato in un campo non coltivato qualche mese fa. L’operaio 54enne (F.G.) è stato denunciato per coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio: già noto alle autorità per vicende analoghe, l’uomo ha manifestato la volontà di intraprendere un percorso di disintossicazione al Sert, sostenendo di aver coltivato la marijuana per uso personale.
Nella sua abitazione sono stati trovati un bilancino di precisione ed alcuni semi già seccati in un barattolo.

Siria. Attacco con gas nervino: milletrecento le vittime

Così accusano gli attivisti con immagini shock. Damasco smentisce

Sarebbero milletrecento i morti, tra cui donne e bambini, uccidi dal regime di Assad, nel corso di un bombardamento con gas nervino che ha coinvolto i sobborghi di Damasco. Così sostengono gli attivisti siriani, ma Damasco smentisce tutto riguardo alla strage. Sono state diffuse, a sostegno dell’accusa dei ribelli, immagini shock che mostrano decine di corpi in file ordinate, privi di alcuna ferita visibile, fatto compatibile con l’impiego di un gas letale: se questo fosse vero, si tratterebbe del più grave attacco con armi non convenzionali al mondo degli ultimi 25 anni, una notizia che scuote gli Stati Uniti e la Ue, i quali hanno richiesto che gli ispettori dell’Onu già presenti in Siria da domenica procedano alle indagini sul luogo della strage, per verificare se sia stato utilizzato del gas nervino.
Il capo della missione Ake Sellstrom ha confermato che sono in corso discussioni con le autorità siriane; gli ispettori procederanno anche, come deciso dopo le trattative delle scorse settimane, ad appurare che i gas letali non siano stati utilizzati in altre tre occasioni a partire dallo scorso dicembre.

Elisabetta Gregoraci: gli scatti super sexy dei suoi addominali scolpiti

Le fotografie in bikini dalla villa in Sardegna, mentre gioca con un drago gonfiabile

Non delude mai Elisabetta Gregoraci: gli scatti delle sue vacanze in Sardegna la mostrano tonica ed abbronzata, con addominali scolpiti ed un fisico atletico da fare invidia. Nel suo bikini bianco, che mette in mostra le forme sode, fa un figurone: ma gli scatti pubblicati sull’album estivo di Instagram la mostrano anche mentre posa accanto a Flavio Briatore, palestrata e dal ventre piatto accanto al suo… più abbondante, o mentre si trova insieme al piccolo Nathan Falco, il figlio nato nel 2010. Sarà la palestra o saranno i “ritocchi”? Poco importa: con addominali del genere, la Gregoraci passa la prova bikini con un dieci e lode.

Multe. Riduzioni sulle sanzioni se si paga entro cinque giorni

Cinque i giorni di tempo per beneficiare dello sconto: ma la riduzione non si applica ad alcuni casi

È il comando della polizia municipale di Piacenza a ricordarci che, a causa dell’entrata in vigore della legge di conversione del decreto n.69 del 21 giugno 2013, prevista per la giornata di mercoledì 21 agosto, saranno applicate alcune modifiche all’articolo 202 del Codice della Strada, specificamente in merito al pagamento delle sanzioni. Sarà possibile beneficiare di una riduzione sulla multa del 30% nel caso in cui questa venga pagata entro il quinto giorno dalla data di contestazione, della notifica via posta, o dalla data del preavviso lasciato sul parabrezza del veicolo. Non sarà possibile applicare questo sconto, invece, nei casi in cui non sia contemplato il pagamento in misura ridotta, o per le infrazioni che prevedono la sanzione accessoria della confisca del mezzo o della sospensione della patente.
Esclusi dalla possibilità di riduzione anche i casi in cui l’infrazione non è inclusa nel Codice Stradale, ma nella legislazione ad esso complementare. Si ricorda di fare particolarmente attenzione nel pagare l’importo esatto, compresi i decimali: un pagamento errato fa perdere il diritto al beneficio. Inoltre, il pagamento della sanzione fa venir meno il diritto a presentare ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto.

Auto invade un cantiere sull’A1: rimane ucciso un operaio

Ancora da accertare le cause dell’incidente: forse un colpo di sonno

È accaduto martedì mattina intorno alle 10:20, nel tratto della A1 tra Fidenza e Parma, al chilometro 101: un’automobile ha invaso un cantiere segnalato per cause ancora da definire, forse a causa di un colpo di sonno, e ha travolto Rosario Bonafede, un operaio 52enne di Fiorenzuola, che in quel momento era al lavoro proprio nel cantiere. L’automobilista è rimasto ferito: è stato chiuso il tratto Piacenza-Parma, tra la complanare per Piacenza e il bivio per la A15, ed è rimasto chiuso fino alle 13:30 circa. Cinque i chilometri di coda, secondo i rapporti dell’Ansa.

Egitto. Arrestato Badie, il leader dei Fratelli Musulmani

Sarà riesaminato domani il ricorso per la scarcerazione di Mubarak

Giungono dalla tv di Stato egiziana le notizie riguardanti la cattura e l’arresto di Mohamed Badie, guida spirituale dei Fratelli Musulmani, fermato nel suo appartamento nei pressi di Rabaa, al Cairo. Assieme a lui arrestato anche Youssef Talaat, portavoce dell’Alleanza della fondazione pro-Morsi. Le immagini mostrate sull’emittente Ontv mostrano Badie in buone condizioni mentre viene portato via da uomini armati. Nel frattempo continuano le stragi: oltre 60 persone morte in due diversi massacri durante la giornata di ieri. Venticinque agenti di polizia sono stati fermati da 11 uomini armati, poi legati: gli uomini hanno quindi aperto il fuoco contro di loro, uccidendoli.
Verrà riesaminato nella giornata di domani il ricorso presentato dall’avvocato di Hosni Mubarak, contro la sua detenzione per aver ottenuto tangenti dal direttore del quotidiano statale al Ahram. Non essendo ancora stato condannato, avrebbe diritto ad una libertà condizionata, in un ospedale militare o ai domiciliari.

Anna Tatangelo e Gigi D’Alessio. È crisi? Gigi smentisce

Su Facebook la smentita della notizia che ha fatto in poco tempo il giro del web

Nuvole nere all’orizzonte per la coppia di cantanti, ormai da settimane: tra Gigi ed Anna i litigi aumentano, e si fanno furiosi, al punto che la Tatangelo avrebbe lasciato la villa nei pressi di Porto Rotondo in cui stavano passando le vacanze, infuriata dopo un tremendo litigio. Così almeno sostiene il sito Dagospia, la cui notizia ha fatto il giro del web in pochissimo tempo, al punto che in tanti hanno cercato conferme su Facebook proprio sulla pagina di Gigi D’Alessio. Ma il cantante napoletano smentisce: "Tra me ed Anna va alla grande", dice, e cerca di rassicurare i fan, preoccupati per le sorti della coppia.

Piacenza. Rapinatore alla Banca Popolare di Lodi in via Farnesiana

Si è fatto consegnare i soldi dopo aver intimato ”Questa è una rapina”

È ancora da quantificare la somma sottratta nel pomeriggio del 19 agosto alla filiale della Banca Popolare di Lodi in via Farnesiana: il rapinatore solitario si è presentato intorno alle 14:30, a volto scoperto fatta eccezione per un paio di occhiali da sole, come primo cliente della giornata, e ha minacciato i tre cassieri presenti al momento. Dopo aver intimato “Questa è una rapina”, con una mano in tasta che ha fatto presumere ai dipendenti della banca che fosse armato, si è fatto consegnare alcune mazzette di denaro, quindi si è dato alla fuga a piedi, forse atteso da qualcuno in automobile.
I carabinieri sono intervenuti prontamente allo scattare dell’allarme, ma le ricerche al momento non hanno dato alcun esito: sono in corso le indagini per identificare ed arrestare il ladro.

Biana: crolla una tettoia. Rimane gravemente ferita una donna

Si trovava sotto la tettoia quando questa è crollata, schiacciandola. Cause da definirsi

Il fatto è accaduto a Travano, località tra Biana e Recesio nel comune di Bettola. Sono ancora da verificare le cause che hanno portato la tettoia di un porticato in legno, nei pressi di un’abitazione, a crollare, proprio mentre sotto di essa si trovava una donna di 54 anni, che è rimasta schiacciata sotto di essa: i parenti sono riusciti ad estrarla e hanno chiamato i soccorsi, che sono intervenuti insieme ai vigili del fuoco. Si è rivelato necessario l’intervento di un’eliambulanza per condurre la donna all’ospedale di Parma, dove sta ricevendo cure per le numerose ferite riportate in seguito all’incidente: è grave, ma non sarebbe in pericolo di vita. I carabinieri svolgeranno i rilievi, e indagheranno sul motivo del crollo.

Gibilterra. La fregata della Royal Navy aumenta le tensioni

Si tratterebbe di una normale esercitazione: ma le navi britanniche spostano i riflettori sul conflitto tra Londra e Madrid

Ha fatto la sua entrata durante la mattinata del 19 agosto nella base navale di Gibilterra, scortata da due rimorchiatori, e seguita da altre due unità militari britanniche, che sono rimaste di fronte alla rocca, nelle acque di Punta Europa: ma nonostante si trovi lì solo per una normale esercitazione, la presenza della fregata Hms Westminster della Royal Navy fa discutere. Questo a causa delle tensioni tra i due stati separati dallo stretto in questione, la Spagna e l’Inghilterra, che ha sovranità sull’isola dal 1713. Tra i motivi delle discussioni, l’erezione di una barriera di cemento allo scopo di proteggere la fauna ittica dello stretto, che però renderebbe impossibile la pesca in quel tratto, cosa che ha spinto numerosi pescatori iberici a manifestare.
Si parla inoltre dei severissimi controlli alla frontiera con Gibilterra che Madrid ha richiesto, necessari, secondo il governo locale, a combattere il contrabbando: Londra sembra dissentire, protestando che si tratti di controlli sproporzionati, e con una motivazione prettamente politica. Nel frattempo il premier spagnolo Mariano Rajo ha richiesto un incontro con il presidente della Commissione Europea José Manuel Durao Barroso, per discutere del contenzioso riguardo a Gibilterra.