Home / Jessica Scaglione

Jessica Scaglione

Trattore fuori controllo si schianta contro il muro di un’abitazione

Agazzano (Piacenza). Danni ingenti, ma nessuna grave conseguenza a persone in seguito all’incidente avvenuto nel corso della giornata di lunedì 18 giugno a Tavernago, nel comune di Agazzano, dove per ragioni tuttora da verificare il conducente di un grosso trattore, dotato di un’imponente benna sulla parte anteriore, avrebbe perso il controllo del suo mezzo, finendo con l’invadere una proprietà privata.

Il trattore avrebbe poi terminato la sua corsa schiantandosi contro il muro dell’abitazione; fortunatamente il conducente non avrebbe riportato gravi conseguenze, e nessuno dei proprietari dell’abitazione si trovava nella zona interessata al moment0 dell’incidente. L’incidente ha causato gravi danni, ma il fabbricato ha retto all’urto.

Incidente stradale in via Millo. Scontro tra tre veicoli, solo ferite lievi tra i coinvolti

Piacenza. Si è fortunatamente concluso senza gravi conseguenze per le persone coinvolte l’incidente stradale avvenuto nel corso della mattinata di oggi, martedì 19 giugno, in via Millo. Per cause che al momento rimangono da verificare ben tre automobili si sarebbero violentemente scontrate, nei pressi dell’incrocio con via Falconi.

I mezzi avrebbero riportati danni, mentre fortunatamente gli automobilisti non avrebbero riportato altro che lievi ferite.

Bomba trovata sul Trebbia. Concluse le operazioni di bonifica

Piacenza. Si sono concluse con successo nel corso della mattinata di oggi, martedì 19 giugno, le operazioni di bonifica e distruzione della bomba rinvenuta nel greto del fiume Trebbia nei pressi di Ponte Lenzino, nel comune di Corte Brugnatella. A condurre le operazioni, gli artificieri del Secondo Reggimento Genio Pontieri, che a partire dalle 8:30 hanno dato il via ai lavori sul posto, per poi spostare l’ordigno su un convoglio che, sotto scorta da parte delle forze dell’ordine, alle 11:30 circa è partito per trasportare la bomba fino alla cava di Albarola.

Raggiunta tale destinazione, l’ordigno bellico risalente alla Seconda Guerra Mondiale (una bomba d’aereo americana del peso di circa 250 chili) è stato distrutto.

Lega all’attacco: “Censimento Rom e Sinti: qual è il problema? La nostra regione, a guida Pd, li sta già monitorando dal 2015″

“La querelle relativa alla legittimità di un censimento per Rom e Sinti non ha ragione di esistere, se non al fine di una mera strumentalizzazione politica, fra l’altro mal orchestata, dalla sinistra contro il Segretario federale della Lega Nord, nonché ministro degli Interni, Matteo Salvini: forse nel quartier generale di Via del Nazareno non sono stati informati che la “rossa” Emilia-Romagna, feudo del Partito Democratico, sta già monitorando da anni la popolazione di Rom e Sinti sul territorio regionale, in virtù proprio di una sua Legge, la numero 11 del 16 luglio 2015”.

Il Gruppo Lega Nord in Regione non solo non le manda a dire all’opposizione di Governo, ma coglie anche l’occasione della polemica divampata contro il ministro Salvini, per chiedere conto alla Giunta dell’assemblea legislativa regionale dei dati emersi dal monitoraggio in essere sulle comunità di Sinti e Rom stanziati sul territorio.

Il Gruppo del Carroccio ha infatti depositato oggi un’interrogazione, a prima firma Daniele Marchetti, nella quale chiede alla Giunta di viale Aldo Moro “quali siano i dati raccolti dal sistema informativo previsto dalla Strategia regionale per l’inclusione di Rom e Sinti”.

“Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha annunciato che il Viminale sta elaborando un dossier sulla popolazione Rom presente nel nostro Paese, immediate le critiche e strumentalizzazioni divampate, come al solito a orologeria, dalla Sinistra. Ebbene, forse qualcuno all’interno del Partito Democratico ha la memoria corta, oppure Martina e soci sono talmente allo sbando da non sapere che “il monitoraggio di Rom e Sinti è realtà dal 2015, in Emilia-Romagna”. Con la Legge regionale 16 luglio 2015 n.11, la nostra Regione si è posta l’obiettivo di superare “le aree di sosta dei nomadi presenti sul nostro territorio”. E lo ha fatto elaborando una “Strategia regionale per l’inclusione di Rom e Sinti”, attuata col supporto di uno specifico sistema informativo “capace di restituire costantemente una fotografia aggiornata degli insediamenti presenti in regione e di alcuni elementi qualitativi che, a loro volta, possano fornire spunti per una valutazione del cambiamento nel grado di integrazione di queste due comunità (scolarizzazione, lavoro, salute, ecc.)” spiegano i consiglieri del Carroccio Alan Fabbri (capogruppo), Fabio Rainieri (vice-presidente Assemblea legislativa), Gabriele Delmonte, Matteo Rancan, Marco Pettazzoni, Andrea Liverani, Massimiliano Pompignoli e Stefano Bargi.

“Poiché tale Legge regionale prevede, attraverso la clausola valutativa (art.7, c.1), che l’Assemblea “attui un controllo triennale sui risultati raccolti” e che “la Giunta presenti una relazione contenente l’attività realizzata, i soggetti coinvolti e gli effetti prodotti” siamo dunque a chiedere, a tre anni dall’inizio del monitoraggio su Rom e Sinti, quali siano, ad oggi, i dati emersi” chiosa il documento del Carroccio.

Ritrovato privo di vita il 60enne scomparso nei boschi di Ottone

Piacenza. Tragica conclusione per le ricerche del sessantenne di Piacenza del quale non si avevano notizie dallo scorso giovedì, 14 giugno; le ricerche sarebbero partite nel primo pomeriggio di domenica 17 giugno, e si sarebbero concentrate nel comune di Ottone, dove l’uomo sarebbe giunto prendendo i mezzi pubblici. Non avendo più ricevuto sue notizie, i parenti hanno fatto scattare l’allarme.

Purtroppo il corpo dell’uomo è stato ritrovato nei pressi di un casolare abbandonato a breve distanza da Ottone, privo di vita.

Tentato furto ai danni di una prostituta. Scatta la denuncia per un 23enne

Piacenza. È stato denunciato a piede libero e dovrà rispondere dell’accusa di tentato furto un 23enne nigeriano fermato dalla polizia nel corso della tarda serata di domenica 17 giugno. A far scattare l’intervento delle forze dell’ordine la richiesta d’aiuto da parte di una 26enne romena, che intorno alle 23:30 sarebbe stata avvicinata da un giovane di colore in bici; avrebbe raccontato di essere prima stata accostata con la scusa di chiederle quanto volesse per una prestazione sessuale, ma che il giovane avrebbe poi tentato di strapparle via la borsetta.

La giovane sarebbe riuscita a respingerlo ed a recuperare il cellulare, mentre lo sconosciuto si allontanava; avrebbe così chiesto l’intervento del 113. Gli agenti hanno rintracciato poco dopo un 23enne nascosto dietro ad un concessionario, a breve distanza, e per lui è scattata la denuncia.

Ordigno bellico in Trebbia. Strade chiuse e 70 evacuati, domani le operazioni di bonifica

Piacenza. Pesa 250kg l’ordigno rinvenuto nel greto del fiume Trebbia, a Ponte Lenzino, nel comune di Corte Brugnatella: si tratterebbe di una bomba d’aereo americana inesplosa, con ancora entrambe le spolette, risalente alla Seconda Guerra Mondiale. Nel corso della giornata di domani, martedì 19 giugno, a partire dalle ore 8:30, saranno effettuate le operazioni di bonifica e disinnesco dell’ordigno bellico da parte dei militari del Secondo Reggimento Genio Pontieri.

Una settantina di persone residenti nella zona in un raggio di 1800 metri dall’area delle operazioni sono state evacuate, e saranno chiuse al traffico numerose strade tra Marsaglia, Brallo e Cerignale: in particolare saranno chiuse la strada Statale 45, la strada Provinciale 17, e quelle comunali nelle aree interessate. Sarà inoltre interdetto l’accesso al fiume fino a conclusione delle operazioni dei militari. In seguito alla rimozione delle spolette, l’ordigno sarà trasportato a Vigolzone, nella cava di Albarola, dove si procederà alla sua distruzione.

Decine di furti a segno anche nel piacentino. 23 persone arrestate dai carabinieri

Sarebbero riusciti a mettere a segno ben 132 tra furti e rapine nel giro di circa 16 mesi, alcune decine dei quali anche nel Piacentino: sono 23 gli arresti in seguito ad un’operazione condotta dai carabinieri in contrasto ad un vasto sodalizio criminale nelle province di Pavia, Piacenza, Brescia, Milano, Padova ed Alessandria. Il blitz delle forze dell’ordine è scattato all’alba di oggi, lunedì 18 giugno, in esecuzione di ordinanze firmate dal tribunale di Pavia in seguito ad indagini da parte dei militari dell’aliquota Operativa della Compagnia di Stradella.

Tre persone sarebbero agli arresti domiciliari, e due sarebbero state sottoposte ad obbligo di dimora, mentre altre 11 persone, incluso un residente di Castel San Giovanni, sono state denunciate. Dovranno rispondere, a vario titolo, delle accuse di associazione a delinquere, rapina, furto, ricettazione, e porto abusivo di armi; secondo quanto emerso dalle indagini sarebbero sospettati di essere i membri di tre diverse bande, forse coordinate da un italiano di Casteggio, socio di un compro oro e di un’agenzia immobiliare.

Una delle bande, che sarebbe composta da individui di nazionalità kosovara e moldava, avrebbe avuto base nella provincia di Piacenza, dove sarebbero stati messi a segno 19 furti, oltre a 10 tentativi falliti, tra il mese di marzo del 2017 e quello di giugno dello stesso anno. Delle altre due bande, un’altra sarebbe stata composta da soggetti di nazionalità albanese, stanziati a Stradella, mentre l’ultima sarebbe stata composta da individui di nazionalità romena e moldava, a San Damiano al Colle. I 132 episodi si sarebbero concentrati in un periodo tra il febbraio del 2017 ed il giugno del 2018, in diverse province del Nord Italia.

Il satellite Fermi festeggia i suoi dieci anni di osservazioni nello spazio

Compie dieci anni il satellite Fermi, che nello scorso decennio ha osservato i lampi gamma generati dalle esplosioni più energetiche rilevate nell’universo. Il satellite della Nasa porta il nome di Enrico Fermi, ed ha permesso di confermare la teoria di Albert Einstein secondo cui lo spazio-tempo è fluido è continuo, e di rilevare, nell’agosto del 2017, il lampo gamma di un’esplosione che aveva generato onde gravitazionali.

Il satellite compie le sue osservazioni grazie anche ai contributi dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), oltre all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) ed all’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf); tra i suoi strumenti, l’italiano LAT (Large Area Telescope), con cui è stato possibile osservare migliaia di sorgenti di raggi gamma, incluso l’evento GRB 130427A, il più potente lampo di raggi gamma mai osservato. Inoltre il satellite Fermi è dotato dello stromento GBM (Gamma-ray Burst Monitor), che permette di osservare in qualsiasi istante il cielo nella sua interezza.

Pulmino rubato al Piacenza Calcio ritrovato grazie alla segnalazione di un cittadino

Piacenza. Si è fortunatamente conclusa per il meglio la vicenda del pulmino sottratto da ignoti nella notte tra giovedì 14 e venerdì 15 giugno al Piacenza Calcio. Un cittadino infatti avrebbe segnalato di aver visto il mezzo, dopo la denuncia sporta da parte del club e l’appello lanciato ai cittadini.

In una nota del Piacenza, la vicenda era stata descritta come un “vile gesto ai danni del club e dei nostri ragazzi che sta colpendo diverse società sportive che con sudore e denaro portano avanti attività a favore della collettività.”