Home / Jessica Scaglione

Jessica Scaglione

Vigolzone, scontro tra auto e moto. Motociclista trasportato all’ospedale

Vigolzone (Piacenza). Ancora incidenti intorno alle 18:00 della serata di sabato 16 novembre, in via Roma, a Vigolzone. Un violento scontro tra un’auto e una moto si sarebbe verificato lungo la strada provinciale Valnure, nei pressi dell’incrocio con via Papa Giovanni XXIII. Rimangono al vaglio della Polizia Locale le dinamiche di quanto accaduto.

Sul posto anche i soccorsi: il motociclista, che avrebbe riportato contusioni, è stato trasportato all’ospedale cittadino.

Incidente in via Rogerio, coinvolti un’auto, una bici, e un furgone. Tre i feriti

Piacenza. Incidente nel pomeriggio di sabato 16 novembre all’incrocio tra via Grandi e via Rogerio. Secondo una dinamica tuttora da verificare sarebbe avvenuto un violento scontro tra un’automobile Fiat 500, una bici, ed un furgone cassonato, un incidente che avrebbe provocato il ferimento di almeno tre persone. Non si escluderebbe la possibilità che a causare lo scontro sia stata una mancata precedenza da parte dell’automobile, che avrebbe provocato il primo impatto con il cassonato, un Ducato.

Il furgone avrebbe così travolto un ciclista prima di schiantarsi a sua volta contro un muro. Sul posto sono intervenuti soccorsi e vigili del fuoco, insieme alla polizia municipale. Non sarebbero gravi le condizioni del conducente del Ducato e del ciclista: ferito anche un passeggero dell’automobile.

Cervo taglia la strada a un mezzo sulla strada Statale 45 e viene travolto

Piacenza. È rimasto ucciso un cervo che, intorno alle 10:30 della mattinata di sabato 16 novembre, avrebbe tagliato la strada ad un’automobile lungo la strada Statale 45. Alla guida del mezzo, una Fiat Panda, vi sarebbe stata una donna che procedeva lungo la strada a Piancasale: l’animale le avrebbe improvvisamente tagliato la strada, e lei non sarebbe riuscita ad evitarlo in tempo, nonostante procedesse a velocità moderata.

Per l’animale non c’è stato nulla da fare; illesa la conducente. Sul posto sono intervenuti i soccorsi ed i carabinieri.

Tir precipita sfondando il guard rail, autista incastrato nella cabina

Piacenza. Incidente poco prima le 5:00 del mattino di sabato 16 novembre lungo l’autostrada A21, all’altezza di Piacenza. Per ragioni da verificare l’autista di un autoarticolato, un 48enne di nazionalità ungherese, avrebbe perso il controllo del suo mezzo, uscendo di strada, e sfondando il guard rail. Il mezzo pesante sarebbe così precipitato per alcuni metri, terminando la sua terrificante corsa in un parcheggio.

Sul posto sono intervenuti polstrada, soccorsi e vigili del fuoco: l’autista, rimasto incastrato nell’abitacolo del mezzo, è stato messo in salvo e trasportato al pronto soccorso in gravi condizioni. Illeso il cane che viaggiava a bordo del mezzo.

Fiorenzuola. Esplosione dopo un guasto elettrico in garage

Fiorenzuola (Piacenza). Incendio intorno alle 14:00 del primo pomeriggio di venerdì 15 novembre a Fiorenzuola, in via Kennedy, nella cantina seminterrato di una villetta. Sarebbe stato proprio il proprietario dell’abitazione, che al momento si trovava in casa, a chiedere sul posto l’intervento dei vigili del fuoco e carabinieri: avrebbe visto il fumo espandersi intorno alla sua abitazione, ed avvertito un forte botto. Lo stesso suono sarebbe stato sentito da alcuni residenti, ed avrebbe avuto origine in un seminterrato adibito a cantina e garage.

Dietro al rogo e all’esplosione vi sarebbe un guasto all’impianto elettrico: le fiamme così scaturite avrebbero raggiunto alcuni liquidi infiammabili, e la combustione avrebbe generato vapori al punto tale da causare una detonazione, durante la quale una porta interna ed il portone del garage sono stati divelti. L’intervento dei vigili del fuoco è durato circa due ore, per contenere l’incendio ai piani inferiori, e quindi rimettere in sicurezza la zona; al momento la casa sarebbe stata dichiarata solo parzialmente agibile.

Anziano morto durante una lite. Chiesta l’assoluzione della badante dall’accusa di omicidio

Piacenza. Risale al 15 novembre del 2014 l’episodio conclusosi con la morte di un pensionato di 85 anni, deceduto in seguito ad una lite in via dei Ripalta, a San Lazzaro. La badante dell’anziano, una 51enne di origini ecuadoriane, avrebbe in tale occasione avuto un veemente litigio con una vicina di casa, e sarebbe stata inizialmente accusata di aver preso a calci e pugni l’anziano, e di avergli causato una ferita alla testa che, due mesi e mezzo dopo, lo avrebbe portato alla morte.

Tuttavia, nel corso della requisitoria finale che ha avuto luogo nella mattinata di venerdì 15 novembre, il pm Matteo Centini avrebbe richiesto la condanna a 2 anni e 2 mesi di reclusione per lesioni (nei confronti della vicina) e resistenza a pubblico ufficiale, chiedendo invece l’assoluzione per le accuse di omicidio e di minacce, questa volta nei confronti di un altro vicino di casa. Sembrerebbe che la morte dell’anziano possa essere imputabile ad una caduta accidentale, e che non siano stati riscontrati sull’uomo segni compatibili con traumi da pestaggio.

Ponte Pievetta, rimane incastrato un camion. Non avrebbe rispettato il divieto di transito

Piacenza. Ha causato disagi al traffico e code l’incidente avvenuto intorno alle 9:30 della mattinata di venerdì 15 novembre al Ponte Pievetta, tra Pieve Porto Morone e Castel San Giovanni. Un mezzo pesante, che non avrebbe rispettato il divieto di transito a mezzi dal peso superiore alle 3.5 tonnellate, sarebbe rimasto incastrato. Non si tratta del primo episodio di questo genere accaduto sul ponte, e non sarebbero stati registrati feriti.

La situazione è stata ripristinata grazie all’intervento di Sicurezza&Ambiente e Sagit. L’attuale restrizione al transito di alcune categorie di veicoli dovrebbe terminare alla fine del 2020, in seguito alla partenza e successiva chiusura di un cantiere per effettuare i lavori necessari a permettere questo cambiamento.

San Giorgio. Travolta mentre soccorre un automobilista, 24enne in gravi condizioni

San Giorgio (Piacenza). Verserebbe in condizioni gravi una 24enne rimasta travolta, nel tardo pomeriggio di giovedì 14 novembre, da un’automobile di passaggio lungo la strada provinciale 6, alle porte di San Giorgio. Rimangono da chiarire i dettagli di quanto accaduto, ma sembrerebbe che la ragazza si sia fermata, insieme ad un’amica, per aiutare un automobilista finito fuori strada; sarebbe stata però investita da una Punto che procedeva in direzione San Giorgio. L’auto avrebbe poi a sua volta urtato un altro mezzo.

Sul posto sono sopraggiunti i soccorsi, insieme ai vigili del fuoco ed agli agenti della polizia municipale: la giovane, gravemente ferita ad un arto, è stata trasportata verso il pronto soccorso, mentre la sua amica sarebbe fortunatamente quasi illesa.

Droga. 34 arresti dopo la segnalazione di una madre nei confronti del figlio

Piacenza. Porta il nome “Barone Rosso” l’operazione che ha portato all’arresto da parte dei carabinieri di 34 persone (17 in flagranza) tra Piacenza, Rivergaro, Bobbio, Vigolzone e Bergamo, oltre all’obbligo di firma per altri sette individui. Una madre residente in Val Trebbia avrebbe fatto una segnalazione a proposito del figlio, preoccupata per i traffici in cui sarebbe stato coinvolto. Le indagini sono scattate nel marzo del 2018, e sono durate un anno, un lasso di tempo in cui sarebbe emersa l’esistenza di una rete di spaccio in grado di muovere ingenti quantitativi di droga.

Il nome dell’operazione nascerebbe dal soprannome dato ad uno dei membri di spicco di questo giro di spaccio, un individuo di origini marocchine particolarmente temuto, e sfuggito all’arresto. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati oltre 2 chili di hashish, 140 grammi di cocaina, e 5 grammi di marijuana

Lupa di sei mesi trovata uccisa con un colpo di fucile al Parco dello Stirone

Piacenza. Giunge dall’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale “Parchi del Ducato” la notizia: una lupa di circa sei mesi sarebbe stata trovata morta a causa di un colpo di fucile, al Parco Regionale dello Stirone e del Piacenziano, ad Alseno. La notizia è stata diffusa sul sito dell’Ente e sul suo profilo Facebook: sembrerebbe che a notare l’animale sia stato un passante, che ha riportato la cosa agli uffici del Parco.

L’atto, commesso nei confronti di una specie protetta da leggi Italiane ed Europee, è reato penale. Sono in corso indagini da parte dei Carabinieri Forestali di Castell’Arquato.