Home / Nicola Bellotti

Nicola Bellotti

Comunicatore 2.0?Fotografo gentiluomo?Ottimista, passionario, eccessivamente empatico?Cattolico

Confermati i Venerdì Piacentini. Si inizia il 20 giugno

Si sono accesi ufficialmente i motori della macchina organizzativa per i Venerdì Piacentini 2018 che, anche in questa ottava edizione, si svolgeranno nelle ultime due date di giugno e le prime tre di luglio, ovvero il 22 e 29 giugno, il 6, 13 e 20 luglio.
E’ infatti in occasione della prima conferenza dei servizi svoltasi ieri mattina, che si è alzato anche il sipario sulla nuova locandina dell’evento che, con la sua grafica un po’ caotica (ispirata all’astrattismo, al futurismo e al mondo dei graffiti) e con il suo titolo “Il Festival COOL-turale” vuole strizzare l’occhio e commentare con un sorriso l’esito del recente sondaggio condotto dall’Università Cattolica di Piacenza, che ha visto la kermesse estiva collocarsi al primo posto tra gli eventi “culturali” della città. Un commento scherzoso da parte dell’agenzia di comunicazione Blacklemon che dal 2011 cura la manifestazione e che, anche a fronte di questo importante riconoscimento, sceglie di non volersi prendere troppo sul serio, preferendo sentirsi «artefice di un evento più “cool” che “culturale” in senso stretto».

Inaugurato oggi on line anche il nuovo sito dei Venerdì Piacentini dove è già possibile scaricare i moduli per gli artisti che intendano candidarsi ad esibirsi durante le 5 serate. Per i moduli riservati ai commercianti e gli esercizi pubblici che vogliano come ogni anno approfittare della manifestazione per ampliare il proprio plateatico, gli organizzatori sono ancora al lavoro in attesa di conoscere le disposizioni definitive dell’Amministrazione Comunale rispetto all’utilizzo del suolo pubblico.

Anche quest’anno, al timone dell’iniziativa, l’associazione Quartiere Roma con il suo presidente Antonio Resmini e tutto lo staff dell’agenzia di comunicazione Blacklemon, in stretta collaborazione con l’assessore al commercio Paolo Mancioppi e l’Amministrazione Comunale (che mette a disposizione materiali e uffici) e le associazioni di categoria Confesercenti e Unione Commercianti, presenti fin dalle prime edizioni.
La riuscita della manifestazione è resa possibile come ogni anno grazie al sostegno di diversi partner (come la Fondazione di Piacenza e Vigevano che ha già confermato il suo contributo o l’azienda TRS Ecologia) e grazie all’allestimento di un’area espositiva per le aziende private.

In attesa quindi di conoscere tutte le novità e la programmazione dei Venerdì Piacentini 2018, chi fosse interessato può trovare tutte le informazioni e i contatti sul sito www.venerdipiacentini.it e restare aggiornato seguendo i canali social www.facebook.com/venerdipiacentini e www.instagram.com/venerdi_piacentini

Social Media e Digital. Dati e tendenze 2018

Il nostro pianeta è abitato da 7 miliardi e mezzo di persone e più della metà dell’intera popolazione – 4 miliardi di individui – è connessa ad Internet. Ma cosa combinano i terresti sul web? Come ogni anno Blacklemon, agenzia di comunicazione che dal 1999 si occupa di digital marketing in Italia, ha provato a raccontarlo con un’indagine che scende nel dettaglio fino alle abitudini dei piacentini.

Nell’indagine scopriamo che gli italiani che vivono in Italia sono 59 milioni. Sono online 43 milioni di persone (il 73% della popolazione, con una crescita del 10% rispetto al 2017). 34 milioni di italiani hanno un profilo attivo sui social media (anche qui il 10% in più rispetto all’anno precedente). L’83% della popolazione ha un cellulare o uno smartphone (49 milioni di italiani). Su Facebook ci sono oltre 30 milioni di profili italiani attivi, su Instagram circa 16 milioni.
Gli italiani trascorrono circa 6 ore al giorno online (quasi il doppio del tempo passato davanti alla TV) e in media 2 ore sui social media. Gli utenti Facebook fanno una media di 14 accessi al giorno. 30 milioni di italiani accedono ai social con il proprio smartphone.

Amazon Prime aumenta, ma sfida Netflix (e Spotify)

Il prezzo dell’abbonamento annuale di Amazon Prime aumenterà a EUR 36/anno (equivalente a EUR 3/mese) a partire dal 4 aprile 2018 per le nuove iscrizioni e, per dare notifica del cambiamento con adeguato anticipo, a partire dal 4 maggio 2018 per i clienti già iscritti. A chi è già abbonato, il nuovo prezzo verrà applicato a partire dal febbraio 2019.

L’abbonamento ad Amazon Prime consente di acquistare da www.amazon.it senza spese di spedizione per un anno, ma non solo. Il servizio è una combinazione di shopping e intrattenimento che sfida Netflix e Spotify. Negli Stati Uniti (dove l’abbonamento costa però tre volte tanto, circa 90 euro) il canone comprende archiviazione in cloud, accesso al catalogo di film e serie TV in streaming e accesso al catalogo musicale.

In Italia l’abbonamento comprende Prime Video con tutti i nuovi titoli che si aggiungeranno alla selezione (incluse serie TV esclusive come McMafia, Philip K. Dick’s Electric Dreams e The Marvelous Mrs. Maisel e Prime Photos, che offre spazio di archiviazione illimitato per conservare immagini fotografiche.

Seggiovia impazzita in Georgia. Il video shock

GUDAURI – Il bilancio è di otto turisti feriti, due in modo molto grave, a causa di un guasto a una seggiovia del complesso sciistico di Gudauri in Georgia. Lo ha comunicato il Ministro della Sanità georgiano, David Serghienko. I medici hanno fornito soccorso tempestivo sul posto. Due dei turisti hanno riportato traumi gravi: si tratta di un uomo ucraino e una donna svedese, in stato di gravidanza.

In rete sono emersi dei video in cui si vede la seggiovia impazzita lanciare gli sciatori come birilli nel suo tratto a valle. Ad evitare un bilancio più grave sono state solo le grida di alcune persone che hanno avvisato i turisti del pericolo e li esortavano a saltar giù prima dell’arrivo della seggiovia.

Pallanuoto paralimpica. A Piacenza primo torneo con squadre di 5 regioni

Domenica 18 marzo 2018, a Piacenza, presso il Centro Natatorio FIN Raffalda-Activa di Via Casella, si terrà il primo torneo di pallanuoto paralimpica “Pallanuoto per Tutti”, organizzato dalle società KOSMO TRS Pallanuoto Piacenza e Waterpolo Ability Lombardia ASD, con la partecipazione di 5 squadre integrate di atleti disabili e normodotati e il patrocinio della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico (FINP) e dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) dell’Emilia Romagna.
Per la prima volta dopo una storica esperienza degli anni Ottanta, si sfideranno in un girone unico all’italiana:

  • Kosmo Pallanuoto Piacenza, per l’Emilia-Romagna;
  • Waterpolo Ability, per la Lombardia;
  • WPA Don Calabria, per il Veneto;
  • Delfini Blu Palermo, per la Sicilia;
  • Octopus Pallanuoto Roma, per il Lazio.

Proprio questi ultimi, capitanati dal Alfredo Francesconi, avevano partecipato a quella storica esperienza e domenica torneranno in acqua per confrontarsi con questa nuova stagione della pallanuoto paralimpica, a un anno dal suo riconoscimento come disciplina promozionale da parte della FINP, su impulso proprio di Waterpolo Ability Lombardia ASD.
Divertimento assicurato e piacevoli sorprese grazie alla partecipazione straordinaria di Rappresentanti delle Associazioni e Istituzioni sul territorio e di Atleti conosciuti a livello nazionale e internazionale.

“Abbiamo colto con grande entusiasmo l’opportunità di organizzare il primo torneo Pallanuoto per Tutti” commenta Claudio Dodici presidente di KOSMO TRS Pallanuoto Piacenza “questa manifestazione sposa a pieno la nostra filosofia secondo la quale lo sport deve essere prima di tutto partecipazione e diffusione di una cultura e di valori che vanno oltre il solo risultato. Per noi sarà l’inizio di un nuovo progetto per la formazione di una squadra di pallanuoto paralimpica piacentina. Ringrazio Waterpolo Ability, società pioniera in questo sport, per la collaborazione e le società che, anche con trasferte importanti, parteciperanno alla manifestazione. Grazie a Ettore Diamanti vero motore dell’organizzazione”.

“Siamo orgogliosi per questo torneo”, aggiunge Simona Pantalone, presidente di Waterpolo Ability Lombardia ASD. “Ci emoziona soprattutto l’entusiasmo dimostrato dalle squadre, alcune delle quali macineranno più di 1.400 km per esseri qui. Sono grata a Kosmo per aver sposato il progetto pallanuoto paralimpica e per la straordinaria organizzazione: non poteva essere diversamente in una regione da sempre attenda a salute e welfare, in cui non poteva certo mancare il sostegno al waterpoloability project”.

“Come diceva Einstein “Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa”” aggiunge Ettore Diamanti, referente organizzativo-tecnico per la KOSMO TRS PN PC e direttore sportivo di Waterpolo Ability Lombardia ASD. “Noi vogliamo essere quegli sprovveduti e siamo convinti che grazie a questa iniziativa, molti ragazzi del nostro territorio potranno avvicinarsi a questo meraviglioso sport per integrarsi e crescere insieme”.

KOSMO TRS Pallanuoto Piacenza nasce il 29 giugno 2016 dalla volontà di un gruppo di ragazzi, che hanno sviluppato negli anni una grande passione per la pallanuoto, e del loro allenatore Vadim Rojdestvenskyi (ex nazionale russo ed ucraino) per il quale waterpolo è una filosofia di vita. Kosmo è impegnata a creare sinergie con il tessuto sociale cittadino per offrire ai giovani la possibilità di praticare lo sport e formare la cultura sportiva. Oggi dopo poco meno di due anni di attività la società piacentina conta cinque squadre che militano nei campionati Acquagol, Under 13, Under 17, Promozione e Master della FIN Lombardia.

Waterpolo Ability Lombardia ASD nasce il 7 gennaio 2017 per raccogliere l’esperienza di un gruppo di atleti disabili e normodotati che negli anni 2014 e 2015, ha partecipato al Campionato di PallanuotoItalia, nella categoria under 18 e nel 2016 ha preso parte ad alcuni collegiali itineranti sul territorio nazionale. Diventa la prima società affiliata alla FINP e grazie la creazione di uno staff tecnico multidisciplinare composto da tecnici e arbitri, sviluppa un modello di allenamento e propone un regolamento per la disciplina che viene ufficialmente riconosciuta il 24 marzo 2017.

Fiorenzuola. Tutti pazzi per il Festival dell’Anolino

FIORENZUOLA – Nemmeno la pioggia è riuscita a rovinare la festa. Sotto la grande tensostruttura che il Comune di Fiorenzuola ha allestito in piazza Caduti si è radunata una folla di buongustai alla ricerca dell’anolino preferito. Si sa che il vero anolino, il perfetto Anvëin, è solo quello della nonna, tuttavia gli chef stellati (e non) che hanno aderito al Festival ce l’hanno messa tutta per andarci vicino, con le ricette tradizionali piacentine, quella con il ripieno di stracotto, tipica di Piacenza, e quella di magro della Val d’Arda, solo con il formaggio.

Il Festival dell’Anolino di Fiorenzuola è una kermesse sulla quale la nuova amministrazione della Città della gastronomia ha puntato particolarmente, confidando di dare vita ad un evento sempre più importante e prestigioso nel tempo. Gli assessori Marcello Minari e Lorenza Rossi hanno supervisionato ogni fase della creazione di questo weekend con un team composto dall’Associazione Vetrine in Centro, dai cuochi di Chef To Chef e, da quest’anno, anche dall’agenzia di Comunicazione Blacklemon. L’iniziativa è stata supportata dall’Istituto Professionale Alberghiero Raineri-Marcora e si è svolta grazie al contributo della Regione Emilia Romagna e della Camera di Commercio.

La due giorni ha visto scendere in campo ben 8 ristoratori del territorio che hanno proposto ogni sera la propria versione del “re” delle paste ripiene, l’anolino. Domenica a pranzo i visitatori hanno potuto assaggiare le proposte creative di grandi chef come i nostri Filippo Chiappini Dattilo (Anolini in vellutata di funghi e cubetti croccanti di goletta piacentina) e Claudio Cesena (Anolini della Valdarda tartufati con salsa al parmigiano e asparago piacentino), o come gli ospiti Pierluigi Di Diego, chef stellato di Ferrara (Cappelletti di anguilla selvaggia in brodo speziato), e Emilio Barbieri da Modena (Tortellini in brodo di Cappone).

Elezioni. A Piacenza entrano Foti e Pisani. Lega primo partito. Chance per Murelli

2ELEZIONI 2018 – A scrutinio quasi terminato, il Movimento 5 Stelle si conferma il primo partito alle elezioni politiche con il 31% dei consensi, mentre il centrodestra è la prima coalizione con un risultato che va oltre il 37%. La coalizione di centrosinistra, invece, fa registrare un 24%, con il Pd però che non arriva al 20% tanto alla Camera quanto al Senato.

A Piacenza Tommaso Foti (Fratelli d’Italia) e Pietro Pisani (Lega) conquistano i seggi dell’uninominale a Camera e Senato, ottenendo il 49% e il 46%. Ha una chance anche la piacentina Elena Murelli, seconda nel listino della Lega al plurinominale.

 

Tentata rapina in Farmacia. Cordani (Federfarma): “siamo il bancomat della microcriminalità”

PIACENZA – Un criminale armato di cutter ha tentato di rapinare la farmacia Boselli, ma è stato messo in fuga da uno dei titolari che ha reagito prontamente. “Dispiace ritrovarsi a commentare di nuovo uno spiacevole episodio di microcriminalità che ha come vittime dei colleghi, ai quali va tutta la solidarietà della categoria”, ha commentato Paolo Cordani, segretario di Federfarma, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione. “Questa volta i due farmacisti, dotati di buona struttura fisica, e valutata soprattutto l’assenza di clienti, sono riusciti a difendere i loro beni e mettere in fuga il criminale, ma il nostro appello in questi casi, come categoria, è quello di adottare sempre la massima cautela per evitare spiacevoli conseguenze, aggiungendo la beffa al danno”. E’ capitato in altre città che per difendere la propria attività, il titolare sia rimasto ferito dagli aggressori.

“É risaputo che le farmacie siano uno dei bancomat della microcriminalità,” ha continuato Cordani. “I dati, in questo senso, in Italia e in regione sono particolarmente allarmanti. Il fatto tra l’altro ci lascia leggermente perplessi in quanto i bottini sono sempre più esigui (in molti casi poche centinaia di euro), sia per la diffusione della moneta elettronica, sia per i depositi continui. Di contro il rischio a cui si espongono i ladri è elevato in quanto praticamente tutte le farmacie sono dotate di videocamere di sorveglianza.
Auspichiamo la maggior attenzione possibile da parte delle forze dell’ordine per le farmacie aperte per turno e in zone calde, comprendendone le difficoltà e ringraziandole sempre e comunque per il lavoro svolto. Da parte nostra valuteremo forme di sorveglianza privata da adottare in modo compatto e che ci garantiscano di svolgere il nostro lavoro al servizio del cittadino tutti i giorni dell’anno in modo più sereno”.

Festival dell’Anolino di Fiorenzuola

17388284ef52cdec31bfea01d03f5de3Sabato 10 e Domenica 11 marzo, a Fiorenzuola d’Arda, andrà in scena la seconda edizione del Festival dell’Anolino e delle paste fresche ripiene in brodo dell’Emilia Romagna. Fiorenzuola può fregiarsi di essere una delle 12 “Città della Gastronomia” e proprio per questo ha deciso di puntare su uno dei piatti tipici del territorio piacentino: gli anvëin.

Sabato e domenica sera saranno proposti gli anolini in brodo di Piacenza e di Fiorenzuola (di carne e di formaggio) secondo l’interpretazione di 7 diversi ristoratori locali. Domenica a pranzo, invece, scenderanno in campo i cuochi di “Chef to Chef” che proporranno 5 varianti dell’anolino con ricette gourmet.

Secondo le tradizioni piacentine, gli anolini sono una pasta fresca ripiena tipica dei giorni di festa e del pranzo di Natale. Il ripieno degli anolini è di stracotto di manzo, Grana Padano, uova e pan grattato, ma ogni famiglia ha la sua ricetta segreta. A Fiorenzuola e in Val d’Arda si è diffusa una variante “di magro” in cui si utilizzano per il ripieno solo Grana Padano, pan grattato e uova. L’anolino prevede di essere cotto e servito in brodo, meglio se di cappone. Se a Parma hanno una forma circolare, gli anvëin piacentini sono a forma di mezzaluna e leggermente più piccoli. A Fidenza e nella bassa piacentina il ripieno è fatto solo con pane grattugiato scottato nel brodo, con sale, noce moscata, uova e Parmigiano-Reggiano.

Parte a Piacenza il progetto scuola-lavoro di McDonald’s

PIACENZA – Si è svolta oggi, alle 14.30 nel ristorante McDonald’s di Via Emilia Pavese di Piacenza, la presentazione dell’accordo con l’istituto paritario “G. Marconi” per il progetto “Benvenuti Studenti”, in merito all’alternanza scuola-lavoro.

Il progetto educativo si propone di aiutare gli studenti a sviluppare le “Soft Skills”, fondamentali per l’inserimento nel mondo del lavoro, fra cui le principali: l’abilità nella comunicazione interpersonale, la capacità di problem solving , la disciplina, la costanza e l’attenzione ai dettagli per il raggiungimento di obiettivi e il senso di responsabilità, come emerge dalla ricerca dell’Istituto Toniolo commissionata da McDonald’s.

In base al progetto che ha preso il via a Piacenza, 4 studenti dell’istituto Marconi svolgeranno il loro percorso di Alternanza Scuola-Lavoro presso il ristorante di McDonald’s.
“Benvenuti Studenti” nasce dalla firma di un protocollo d’intesa con il MIUR, e offrirà a un numero sempre crescente di studenti, l’opportunità di svolgere esperienze formative volte allo sviluppo di competenze specifiche e trasversali, all’interno delle strutture McDonald’s.
Per quanto concerne i 4 ragazzi che hanno iniziato in questi giorni il loro percorso di alternanza, l’istituto paritario G. Marconi ha concordato, insieme al personale McDonald’s, un progetto formativo integrato che si focalizza su alcuni aspetti che permetteranno loro di toccare con mano quanto studiato sui banchi scolastici.
L’obiettivo di Benvenuti Studenti è l’acquisizione e il consolidamento delle cosiddette soft skill, competenze trasversali e relazionali quali la capacità di comunicazione, l’attitudine al lavoro in team, le relazioni interpersonali e il problem solving, capacità fondamentali per l’inserimento in un futuro contesto lavorativo.

Gli studenti, seguiti costantemente dal personale McDonald’s con funzione di tutor aziendale, verranno coinvolti nelle mansioni previste dal Piano Formativo concordato con la scuola e il Ministero, utilizzando diverse modalità formative: teoriche in aula, in modalità e-learning e on the job.