Home / Ghita Pasquali (pagina 20)

Ghita Pasquali

Una notte per decidere

TITOLO ORIGINALE: Up at the Villa
ANNO: 2000
GENERE: Dramma, Romance
REGISTA: Philip Haas
ATTORI: Kristin Scott Thomas, Sean Penn, Anne Bancroft, James Fox, Derek Jacobi, Jeremy Davies, Roger Hammond, Dudley Sutton, Massimo Ghini, Lorenza Indovina, Gianfranco Barra

DESCRIZIONE:
Bella fotografia, dove la Toscana rappresentata non è solo bucolica , ma anche quella inquietante focolaio delle idee fasciste. Ma il dato storico è qui solo una cornice alle vicende dei personaggi, che crescono e si sviluppano all’interno di intrighi sentimentali e politici.

Una notte in giallo

TITOLO ORIGINALE: Walk of Shame
ANNO: 2014
GENERE: Commedia
REGISTA: Steven Brill
PRODUTTORE: Sidney Kimmel, Gary Lucchesi, Tom Rosenberg
ATTORI: Elizabeth Banks, James Marsden, Gillian Jacobs, Ethan Suplee, Sarah Wright, Oliver Hudson, Willie Garson, Vic Chao, Lawrence Gilliard Jr., Ken Davitian, Alphonso McAuley, Da'Vone McDonald, Bill Burr, P. J. Byrne, Ann Reilly, Liz Carey, Gary Sievers, Jesse Erwin, Chris Conner, Sam Upton

TRAMA:
Un’aspirante presentatrice del telegiornale, dopo una notte di baldoria alcolica seguita a una delusione lavorativa, si risveglia nel letto di uno sconosciuto senza memoria né soldi né auto, ma utilizza il telefono fisso per controllare la sua segreteria telefonica, dove ha ricevuto un messaggio dal suo produttore che le annuncia di essere nuovamente in corsa per la grande promozione, a condizione di arrivare presso l’emittente televisiva entro l’inizio della trasmissione. La donna dovrà affrontare un duro viaggio attraverso la caotica Los Angeles in preda ai postumi della sbornia in tempo per ricevere l’agognata promozione e realizzare il suo sogno.

Una notte da leoni 3

TITOLO ORIGINALE: The Hangover Part III
ANNO: 2013
GENERE: Commedia
REGISTA: Todd Phillips
PRODUTTORE: Todd Phillips, Daniel Goldberg
ATTORI: Bradley Cooper, Ed Helms, Zach Galifianakis, Justin Bartha, Ken Jeong, John Goodman, Melissa McCarthy, Jeffrey Tambor, Heather Graham, Mike Epps, Sasha Barrese, Jamie Chung, Sondra Currie, Gillian Vigman, Oliver Cooper, Mike Vallely, Grant Holmquist, Oscar Torre, Billy Choi, Jonny Coyne, Silvia Curiel, Betty Murphy, Jim Lau, Lela Loren, Harrison Forsyth, Roger Schueller, Jenny Ladner, Scott Anthony Leet, Tim Sitarz, Danny Le Boyer, Damion Poitier, Tiffany Tynes

TRAMA:
Da Los Angeles a Tijuana in Messico e di nuovo a Las Vegas. Il capitolo conclusivo di Una notte da leoni racconta del rapimento di Doug da parte di un certo Marshall. Quest’ultimo è un criminale che ha un conto in sospeso con Leslie Chow e solo Phil, Stu e Alan possono riuscire nell’impresa di trovarlo e consegnarglielo per salvare la vita a Doug.

Una notte da leoni 2

TITOLO ORIGINALE: The Hangover Part II
ANNO: 2011
GENERE: Commedia
REGISTA: Todd Phillips
PRODUTTORE: Steve Bing
ATTORI: Bradley Cooper, Ed Helms, Zach Galifianakis, Justin Bartha, Ken Jeong, Paul Giamatti, Mike Tyson, Jeffrey Tambor, Mason Lee, Jamie Chung, Sasha Barrese, Gillian Vigman, Aroon Seeboonruang, Nirut Sirichanya, Yasmin Lee, Nick Cassavetes, Sondra Currie, Bryan Callen, Brody Stevens, Michael Berry Jr., Andrew Howard, Penpak Sirikul, Crystal the Monkey

TRAMA:
Sono passati due anni dalla folle notte di Las Vegas in cui Phil, Stu e Alan rischiarono di far saltare il matrimonio del loro amico Doug. Anche se ancora in cerca dei pezzi mancanti della sua psiche, Stu è finalmente in procinto di sposarsi e, per l’occasione, ha deciso di invitare Doug e Phil ad una sfarzosa (e astemia) cerimonia in Thailandia presso la villa dei futuri suoceri. L’unico problema è che il viziato e pazzoide Alan non si è mai scordato quella fatidica notte a Las Vegas e, venuto a sapere del matrimonio di Stu, fa di tutto per farsi invitare, ansioso di poter passare un’altra notte assieme ai suoi unici amici. A parte qualche screzio fra Alan e il geniale fratello adolescente della sposina e un futuro suocero non proprio entusiasta dello sposo, tutto sembra procedere tranquillo. Finché qualche giorno dopo, arriva la solita telefonata da parte di Phil: “Abbiamo combinato un casino. Un’altra volta”.

Una notte con la regina

TITOLO ORIGINALE: A Royal Night Out
ANNO: 2015
GENERE: Thriller, Romance, Dramma
REGISTA: Julian Jarrold
PRODUTTORE: Douglas Rae, Robert Bernstein
ATTORI: Sarah Gadon, Bel Powley, Emily Watson, Rupert Everett, Jack Reynor, Roger Allam, Ruth Sheen, Jack Laskey, Jack Gordon

TRAMA:
Nel 1945, in tutto il mondo si celebra la fine della guerra. A Londra, due giovani sorelle adolescenti, la principessa Margaret e la sorella Elizabeth ottengono per la prima volta di aggregarsi alla festa, preparandosi a vivere mille avventure per loro inedite prima di far rientro a casa, a Buckingham Palace.

Una notte agli studios

TITOLO ORIGINALE: Una notte agli studios
ANNO: 2013
REGISTA: Claudio Insegno

TRAMA:
Gli Studios sono in pericolo poiché un grande produttore americano senza scrupoli vuole radere al suolo tutti i teatri di posa. Il compito di salvare “la fabbrica dei sogni” tocca a due comparse imbranate, aiutati da un’aitante giornalista. Dovranno andare sui set e si ritroveranno a recitare in un film ambientato nell’Antica Roma, in un Poliziesco anni ’70, in un Horror e infine in un film Boccacesco.

Una magica notte d’estate

TITOLO ORIGINALE: El sueño de una noche de San Juan
ANNO: 2005
REGISTA: Angel de la Cruz, Manolo Gómez
PRODUTTORE: Manolo Gómez
ATTORI: Gabino Diego, Pedro Abrunhosa, Ben Bishop

TRAMA:
Il padre di Elena è molto malato e per tentare di guarirlo la ragazza decide di varcare la porta tra il mondo degli umani e quella dell’universo degli gnomi e delle fate che si apre tutti gli anni durante il solstizio d’estate.

DESCRIZIONE:
liberamente ispirato al “sogno di una notte di mezza estate” di shakesperare, la pellicola è priva della magia che dovrebbe trasmettere, oltre che caratterizzata da una certa frammentarietà dovuta ad una storia di per sè poco articolata. tra folletti e fate, aiutati dal coinvolgimento della forza visiva tipica del grande schermo, viene allontanato il pericolo maggiore, quello cio? di rischiare di annoiarsi.

Una lunga domenica di passioni

TITOLO ORIGINALE: Un long dimanche de fiançailles
ANNO: 2004
GENERE: Guerra, Dramma, Mistero, Romance
REGISTA: Jean-Pierre Jeunet
ATTORI: Audrey Tautou, Gaspard Ulliel, Dominique Pinon, Chantal Neuwirth, André Dussollier, Ticky Holgado, Marion Cotillard, Dominique Bettenfeld, Jodie Foster, Jean-Pierre Darroussin, Denis Lavant, Rufus, Jérôme Kircher, Denis Lavant, Albert Dupontel, Elina Löwensohn, Jean-Claude Dreyfus

TRAMA:
Francia, 1919. Mathilde, una ragazza di 19 anni rimasta claudicante in seguito alla poliomielite, ha perso in guerra il suo fidanzato Manech, partito due anni prima per il fronte e destinato ad andare a combattere sulla Somma. La ragazza è convinta che lui sia ancora vivo nonostante le informazioni avute da un sergente che ha conosciuto Manech, che le confida di aver assistito alla fucilazione del soldato e di altri quattro commilitoni presso Bingo Crepuscolo. I cinque infatti erano stati condannati a morte dalla corte marziale per essersi automutilati allo scopo di lasciare il fronte. Tra incertezze e false speranze Mathilde inizia una disperata ricerca per scoprire le sorti di Manech e dei suoi sfortunati compagni…

DESCRIZIONE:
jeunet e la tatou tornano sul grande schermo più affiatati che mai con una nuova versione de ‘il favoloso mondo di amelie’ che in patria ha già riscosso un enorme successo. in effetti i due film sono molto simili, con gli stessi colori pastello e i toni favolistici, ma lo sfondo è quello della guerra di trincea del 15-18 le cui crudeltà in molti punti stridono fortemente con l’atmosfera sognante della narrazione.

Una hostess tra le nuvole

TITOLO ORIGINALE: View from the Top
ANNO: 2003
GENERE: Commedia, Romance
REGISTA: Bruno Barreto
PRODUTTORE: Brad Grey, Matthew Baer, Bobby Cohen
ATTORI: Gwyneth Paltrow, Christina Applegate, Candice Bergen, Marc Blucas, Kelly Preston, Joshua Malina, Stacey Dash, Frederick Coffin, Mike Myers, Mark Ruffalo, Rob Lowe, Jon Polito, Concetta Tomei, Robyn Peterson, Nadia Dajani, John Francis Daley, Priscilla Taylor, Matt Roth, Donna Marie Recco, Daniel Raymont, Connie Sawyer, David Hayward, Chelsey Cole, Troy Evans, Merrilee McCommas, George Kennedy, Candice T. Cain, Valentin Siroon

TRAMA:
Donna Jensen (Gwyneth Paltrow), giovane donna piena di ideali, originaria di una piccola città in cui non succede mai nulla, sogna di diventare una hostess di prima classe e di entrare a far parte dello scintillante mondo del jet set internazionale. Scoprirà che la strada che porta al successo non è priva di ostacoli.

DESCRIZIONE:
filmetto senza pretese, ricco di luoghi comuni, che mira ad offrire un paio d’ore di disimpegno. il pubblico maschile non potrà che apprezzare le belle gambe della paltrow messe sapientemente in risalto; quello femminile rimarrà affascinato dall’atmosfera da copertina e dagli abiti griffatissimi.

Una fragile armonia

TITOLO ORIGINALE: A Late Quartet
ANNO: 2012
GENERE: Dramma
REGISTA: Yaron Zilberman
ATTORI: Philip Seymour Hoffman, Christopher Walken, Imogen Poots, Catherine Keener, Wallace Shawn, Mark Ivanir, Madhur Jaffrey, Liraz Charhi, Megan McQuillan, Pamela Quinn, Brooklyn Parkinson Group, Cristian Puig, Rebeca Tomas

TRAMA:
Quando un apprezzato violoncellista riceve una diagnosi che cambia radicalmente la sua vita, il futuro del quartetto d’archi di cui fa parte diviene incerto: emozioni represse, rivalità personali e passioni incontrollabili minacciano, infatti, di far deragliare anni di amicizia e collaborazione. Mentre si preparano al concerto per l’anniversario dei loro 25 anni, molto probabilmente l’ultimo insieme, a preservare ciò che hanno costruito saranno solo gli stretti legami intimi e il potere della musica.

DESCRIZIONE:
Zilberman mette in scena una storia complessa, che parla soprattutto della musica ma anche della famiglia e dell’importanza di saper cogliere l’attimo dal momento che nulla è per sempre. Il cast è superlativo, anche se talvolta un po’ ”ingabbiato” da una direzione toppo rigida, e non mancano momenti un po’ prolissi. ”Una fragile armonia” è un racconto delicato e poetico che sicuramente avrebbe potuto dire un po’ di più (alcune importanti tematiche non vengono approfondite a dovere), ma comunque capace di commuovere il suo pubblico.