Home / Notizie / Cronaca / Coronavirus. Droni per controllare gli spostamenti come in Cina
Droni Coronavirus

Coronavirus. Droni per controllare gli spostamenti come in Cina

L’Enac, l’Ente nazionale per l’aviazione civile, ha dato il via libera, al momento fino al prossimo 2 aprile, all’uso in deroga dei droni per monitorare gli spostamenti dei cittadini sul territorio comunale, come è stato fatto in Cina durante la quarantena. I droni potranno volare nei comuni interessati e la concessione è stata fatta nell’ottica di garantire il contenimento dell’emergenza epidemiologica coronavirus. Saranno le forze di Polizia e le polizie locali a poter utilizzare i droni che sono già attivi in diversi comuni. L’ufficialità è stata data con una nota inviata ai ministeri dell’Interno, dei Trasporti e della Giustizia, allo Stato Maggiore dell’Aeronautica, all’Enav, all’Associazione nazionale dei comuni italiani e ai Comandi delle polizie locali.

Potrebbe interessarti

Crollo vendite Libertà e quotidiani

Il crollo costante dei quotidiani e la pirateria su Telegram

E’ un quadro sempre più sconfortante quello relativo alle vendite dei quotidiani. Spariscono le edicole, …

Lascia un commento