Home / Notizie / Cronaca / Sabato 26 ottobre. In arrivo al Milestone il gruppo internazionale e pluripremiato ZZ Quartet con Simone Zanchini

Sabato 26 ottobre. In arrivo al Milestone il gruppo internazionale e pluripremiato ZZ Quartet con Simone Zanchini

Sabato 26 ottobre al Milestone, il locale di musica dal vivo ad alto tasso di qualità, è in programma una delle perle di questa stagione. Occasione assai rara per il pubblico italiano dato che si esibiscono principalmente all’estero, salirà sul palco lo ZZ International Quartet, un quartetto internazionale di altissimo livello che include musicisti provenienti da quattro paesi diversi e che propone composizioni rigorosamente originali. Il quartetto è composto da Simone Zanchini alla fisarmonica e ai live electronics, Ratko Zjaca alla chitarra elettrica, Martin Gjaconovski al contrabbasso e Adam Nussbaum alla batteria.

Per questa speciale serata oltre alla tessera dell’associazione Piacenza Jazz Club (valide sia quella 2019 sia la nuova 2020 con l’effigie di Ornette Coleman) è previsto un biglietto di ingresso di 10 euro.

 

Il fisarmonicista Simone Zanchini, grande amico del Piacenza Jazz Club, torna a grande richiesta e lo fa con questo ensemble che possiede un’unica e completa visione musicale, assorbendo e riflettendo i svariati modi di fare musica dei suoi componenti, pur mantenendo picchi di individualismo invidiabili e un livello di scrittura della musica di altissima qualità.

I brani in scaletta sono scritti da Simone Zanchini e dal chitarrista croato Ratko Zjaca e spaziano dalla tranquilla intimità alla bruciante intensità. Diverse sono le influenze musicali, tra cui Jazz, musica classica, World-Music e libera improvvisazione. Esse compongono ed esaltano questo progetto fatto di composizioni originali. I brani proposti sfumano i confini tra musica scritta e improvvisazione, dando vita a paesaggi sonori unici tanto radicati nella tradizione quanto spinti fortemente oltre i confini della moderna musica di oggi.

Andando a conoscere più da vicino i membri del quartetto corre l’obbligo partire dall’italiano Simone Zanchini. La sua ricerca musicale spazia dai confini della musica contemporanea alla sperimentazione acustica ed elettronica, mescolando esperienze e influenze super raffinate in un approccio assolutamente personale alla materia su cui improvvisa. Musicista eclettico, svolge un’intensa attività con gruppi di diversa estrazione musicale, che sia Contemporanea, Jazz o Classica.

Ratko Zjaca è un chitarrista, compositore e artista discografico pluripremiato, con molte registrazioni all’attivo acclamate dalla critica che ha registrato ed eseguito con alcuni dei musicisti più influenti nel jazz e nella musica moderna. È un musicista innovativo, riconosciuto come un chitarrista tecnicamente avanzato, è molto versatile e suona in diversi ambiti musicali, ma è noto soprattutto per il suo lavoro nel linguaggio moderno del Jazz e dell’improvvisazione.

Martin Gjakonovski è nato a Skopje, in Macedonia, da una famiglia di musicisti jazz. Suo padre era il fondatore e direttore della Jazz Radio Big Band macedone e sua madre una cantante. Ad aprirgli la porta della scena jazz internazionale è stata la partecipazione a un seminario con il bassista di Coltrane Reggie Workman.

Il newyorkese Adam Nussbaum è uno dei turnisti più seri e preparati del mondo del Jazz contemporaneo. La sua eccezionale esperienza nel tempo e nello stile, unita alla sorprendente ingegnosità improvvisativa, lo rendono uno dei batteristi più apprezzati e richiesti del mondo.

Potrebbe interessarti

Strana routine per Madonna. “Dopo il bagno nel ghiaccio bere l’urina fa bene”

A 61 anni non ha ancora finito di stupire Madonna, la celebre cantante che, nel …