Home / Notizie / Cronaca / “Ci può stare”, il nuovo album di Giuliano Ligabue presentato a Summertime In Jazz

“Ci può stare”, il nuovo album di Giuliano Ligabue presentato a Summertime In Jazz

Summertime in Jazz, la rassegna itinerante dell’estate musicale della Val Trebbia e della Val d’Arda, presenta un evento in esclusiva. Il cantante e chitarrista Giuliano Ligabue ha scelto infatti questa data all’interno della rassegna per presentare il suo nuovo lavoro discografico dal titolo “Ci può stare”.

Questo evento speciale e molto atteso da tutti i numerosi estimatori dell’artista avrà luogo venerdì 26 luglio alle 21.30 nell’ariosa piazza Patrioti di Cortemaggiore, suo paese natale (rinviato a data da destinarsi in caso di maltempo conclamato).

Come tutti quelli della rassegna anche questo evento è gratuito grazie al sostegno fondamentale della Fondazione di Piacenza e Vigevano e alla fruttuosa e fattiva collaborazione con i Comuni di volta in volta coinvolti, in questo caso quello di Cortemaggiore.

Il cantante e chitarrista di origini magiostrine negli ultimi mesi ha intensamente lavorato a un nuovo progetto che vede la luce, sia in versione digitale che fisica, proprio venerdì 26 luglio 2019, in concomitanza con il concerto all’interno di Summertime in Jazz. Si tratta di una tappa importante per l’artista, dato quello in uscita è il suo primo album di inediti, prodotto da Edizioni Musicali Bagutti.

“Ci può stare” è il titolo scelto e riunisce inediti cantati in lingua italiana a cover in inglese, un viaggio tra Swing, ritmi latini e R&B per raccontare chi è oggi Giuliano Ligabue. Un disco che rappresenta un’istantanea di questo particolare momento di crescita musicale dell’artista, che si è sperimentato, e ha deciso di “raccontarsi” nel modo in cui un musicista riesce a farlo meglio, attraverso la sua musica. Un linguaggio che ben si allinea alla contemporaneità, fotografata in maniera cristallina, e restituita con il filtro dell’ironia, è unito ad una composizione musicale fresca ed attuale, che affonda le radici nel Jazz e ripercorre, in effetti, diversi stili musicali.

L’esigenza compositiva è cresciuta nel tempo, come la rilettura di grandi brani di successo che diventano espressioni originali: cucire su di sé l’abito migliore, trovare la formula più efficace, sperimentare.

Insieme a Ligabue sul palco suonerà la sua Swing Band che affianca alla sezione ritmica, che vede Stefano Caniato al pianoforte, Michele Mazzoni al basso e Marco Orsi alla batteria, anche quattro fiati che sono Gianni Satti alla tromba, Alessandro Bertozzi al sax contralto, Walter Pandini al sax tenore e Cristiano Boschesi al trombone.

Tutte le info in tempo reale su www.summertimejazz.it oppure sui social, la pagina www.facebook/summertimeinjazz, il profilo Twitter www.twitter/pcjazzclub attraverso l’hashtag #SummertimeInJazz o su Instagram con il profilo del Piacenza Jazz Club.

Potrebbe interessarti

Sessismo e giornali. Quanti indizi servono per fare una prova?

Due anni fa il New York Times ha chiesto a Jessica Bennett, giornalista, di ricoprire …