Home / Notizie / Cronaca / Lega: “Nonni in cattedra per insegnare la storia, le tradizioni e il dialetto”

Lega: “Nonni in cattedra per insegnare la storia, le tradizioni e il dialetto”

Chi, meglio dei nostri nonni, potrebbe essere più efficace nell’insegnarci la nostra storia e le nostre tradizioni? E quale strumento migliore per veicolare nella maniera più efficace e naturale il “mos maiorum” se non l’utilizzo del dialetto?

La proposta di far salire nelle cattedre delle scuole emiliano-romagnole i nostri nonni arriva dal Gruppo Lega Nord della Regione Emilia-Romagna, che presenterà un ordine del giorno collegato alla Legge di Bilancio, a prima firma del consigliere Matteo Rancan, che impegna la Giunta a prevedere le risorse necessarie per l’insegnamento del dialetto e delle tradizioni locali nelle scuole primarie di tutto il territorio regionale.

“Un modo per non perdere le nostre tradizioni, favorire l’invecchiamento attivo e lo scambio intergenerazionale” – spiegano i leghisti, che aggiungono: “Nel 2015 anche l’Unesco ha inserito l’emiliano e il romagnolo come due lingue distinte e meritevoli di tutela. E proprio l’Unesco ha denunciato che il 90% delle lingue europee è a rischio di estinzione. In particolar modo, il dialetto emiliano e quello romagnolo risultano essere lingue “sicuramente in via di estinzione”, in quanto sono principalmente le generazioni più anziane e non le nuove generazioni a parlarle”.

La conservazione dei dialetti contribuisce alla comprensione dell’ambiente in cui si vive, alla formazione del senso di cittadinanza e di appartenenza della popolazione locale e favorisce la memoria storica. Inoltre, sviluppa un senso di identità collettiva.

“Il dialetto porta con sé un patrimonio fondamentale basato su valori ed esperienze della comunità che lo parla e costituisce un solido collante sociale e culturale” sottolineano Alan Fabbri, Fabio Rainieri, Gabriele Delmonte, Daniele Marchetti, Marco Pettazzoni, Massimiliano Pompignoli, Stefano Bargi e Andrea Liverani.

Tanto più che in virtù della Legge Regionale 18 luglio 2014, n. 16 “Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia – Romagna” l’ente di viale Aldo Moro si è già attivato per favorire il riconoscimento e lo sviluppo delle identità culturali e delle tradizioni storiche delle comunità residenti nel territorio regionale. E lo ha fatto anche istituendo il Comitato scientifico per la salvaguardia, la valorizzazione e la trasmissione dei dialetti dell’Emilia – Romagna, che ha il compito di presentare annualmente una relazione sulle attività svolte e sui risultati raggiunti.

Potrebbe interessarti

Bobbio. 44enne travolta da un albero alto 15 metri. Soccorsa grazie al cellulare

Bobbio (Piacenza). Avrebbe potuto avere coincidenze ben più gravi l’incidente avvenuto nel pomeriggio di giovedì …