Home / Notizie / Cronaca / Leroy Merlin. Dopo le proteste reintegrati i tre facchini licenziati a Castel San Giovanni

Leroy Merlin. Dopo le proteste reintegrati i tre facchini licenziati a Castel San Giovanni

Castel San Giovanni (Piacenza). Sono stati reintegrati i tre facchini licenziati allo stabilimento Leroy Merlin di Castel San Giovanni, in seguito alle proteste della giornata di mercoledì 9 maggio, con blocchi e scontri nei pressi della sede dell’azienda. La notizia è stata diffusa dall’Unione Sindacale di Base Usb, che comunica quanto emerso dalla riunione in Prefettura a Piacenza che fino a notte ha coinvolto i rappresentanti dell’azienda, quelli della cooperativa subappaltatrice Premium Net, e quelli sindacali.

“La lotta dei facchini di Leroy Merlin e dell’Usb ha dato i primi frutti”, sarebbe affermato in una nota. “I tre lavoratori licenziati come rappresaglia per aver contestato il caporalato diffuso nella galassia di appalti, subappalti e finte cooperative, hanno riottenuto il posto. Altro risultato non meno importante: saranno ridiscusse tutte le sanzioni comminate a decine di lavoratori per le lotte delle ultime settimane alla Leroy Merlin di Castel San Giovanni e Rozzano e alla Ceva di Somaglia”.

Potrebbe interessarti

Auto sbanda ed abbatte un cartello stradale. Scatta la denuncia per guida in stato di ebbrezza

Piacenza. Dovrà rispondere dell’accusa di guida in stato di ebbrezza un 20enne di Podenzano che, …