Home / Notizie / Cronaca / Sventato passaggio di stupefacenti durante il colloquio col fratello in carcere

Sventato passaggio di stupefacenti durante il colloquio col fratello in carcere

Piacenza. È finito nei guai il fratello di un individuo di origini magrebine detenuto al carcere delle Novate: è quanto diffuso dal sindacato di polizia penitenziaria Sinappe. Sembrerebbe che l’uomo, in visita al fratello nel corso della giornata di mercoledì 11 aprile, abbia tentato di scambiare le sue scarpe con quelle dell’altro, scena inusuale che è subito apparsa sospetta ed è stata segnalata al responsabile dell’Area. Gli agenti sono subito intervenuti, ed in seguito a controlli sarebbe emerso che nelle scarpe del fratello in visita, nascosti in un’intercapedine, sarebbero stati contenuti circa 80 grammi di una sostanza stupefacente.

La segreteria regionale del Sinappe ha espresso gratitudine e stima a causa dell’intervento del presonale in contrasto all’introduzione illecita di sostanze stupefacenti nelle carceri: “la Polizia Penitenziaria del carcere di Piacenza, e non solo”, avrebbe dichiarato la segreteria regionale, “in silenzio e con grande abnegazione opera quotidianamente per contrastare il fenomeno dello spaccio negli Istituti di pena, sempre crescente anche a causa del cospicuo numero di detenuti tossicodipendenti. Oltre alle droghe tradizionali il personale in divisa è impegnato a contrastare anche la cessione tra reclusi di farmaci, tra i quali ad esempio il subutex, somministrato quale terapia metadonica ai detenuti tossicodipendenti.”

“Auspichiamo, pertanto, che la formazione professionale della Polizia Penitenziaria possa riguardare maggiormente le modalità investigative in materia di contrasto all’uso ed al commercio di stupefacenti e, nello specifco, le modalità operative e di servizio necessarie a prevenire i tentativi di introduzione di droga in carcere. Sarebbe, inoltre, utile e necessario che si desse fnalmente seguito alle procedure, avviate da tempo e mai concluse, per la costituzione di una unità cinofila regionale che supporti costantemente l’attività di prevenzione e contrasto dello spaccio di stupefacente presso tutti gli Istituti di Pena del Distretto Emilia Romagna e Marche”, conclude la segreteria regionale del Sinappe.

Potrebbe interessarti

A nove anni dal furto, ritrovate due opere d’arte rubate da una chiesa

Alseno (Piacenza). Erano state sottratte ben nove anni fa le due opere d’arte recuperate al …