Home / Notizie / Cronaca / In 3.200 per Piacenza Bricks. Lego e solidarietà con la Fondazione Ronald McDonalds

In 3.200 per Piacenza Bricks. Lego e solidarietà con la Fondazione Ronald McDonalds

PIACENZA – Una location più difficile, lontana dal centro storico e dalle passeggiate in famiglia, ma ricca di fascino. Piacenza Bricks, con il suo evento Piace Mattoncini, ha vinto la sfida portando ben 3.200 persone in sole 8 ore, nella splendida Sala degli Arazzi della Galleria Alberoni, per ammirare mondi costruiti con i mitici LEGO. La mostra, inaugurata dal sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri che si è intrattenuta con i tanti bambini che hanno esposto i loro piccoli capolavori, è ormai un appuntamento atteso dai piacentini e dai visitatori dalla vicina Lombardia.

Oltre 150 metri lineari di paesaggi e città interamente in LEGO, castelli medievali, ambientazioni spaziali, treni in movimento, mezzi da lavoro, auto da corsa e le chicche realizzate appositamente per questa edizione di Piace Mattoncini: la riproduzione dell’Ecce Homo, l’opera di Antonello da Messina del 1473 custodita proprio nella Galleria Alberoni, e la Ferrari 125 S, la prima autovettura costruita nel 1947 dalla neonata casa automobilistica italiana in soli due esemplari, che ha esordito 70 anni fa proprio sul circuito cittadino di Piacenza.

LEGO Piacenza Bricks 2017Piace Mattoncini 2017 ha promosso anche le attività della Fondazione Ronald McDonald, una realtà no profit che ha l’obiettivo di aiutare i bambini malati attraverso l’apertura e la gestione di Case Ronald e Family Room nei pressi dei principali centri pediatrici in Italia, che offrono una “Casa lontano da casa” in cui le famiglie dei bambini malati e lungodegenti trovano alloggio gratuitamente, potendo così restare vicino al proprio bimbo in ospedale. La Fondazione è presente in oltre 60 paesi e ad oggi sono state realizzate 355 Case Ronald, 200 Family Room e 49 Unità Mobili, che servono ogni anno 5,7 milioni di bambini.

Potrebbe interessarti

cane

Cane messo in salvo da due escursionisti sui monti tra Val Nure e Val d’Aveto

Si chiama Birba il segugio messo in salvo grazie all’intervento di due giovani escursionisti, che …

Lascia un commento