Home / Notizie / Cronaca / Esplosione raffineria nel pavese. Nessun effetto significativo sull’aria nel piacentino
eni

Esplosione raffineria nel pavese. Nessun effetto significativo sull’aria nel piacentino

“Non si segnalano al momento effetti significativi sulla qualità dell’aria nel Piacentino a seguito dell’incendio della raffineria Eni di Sannazzaro (Pavia)”. È quanto diffuso dall’Arpae Emilia-Romagna in seguito alle analisi successive all’esplosione della raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi (Pavia) nel pomeriggio di giovedì 1 dicembre. Più precisamente, secondo le misurazioni, “l’unico inquinante che ha avuto un incremento è stato il biossido di azoto (NO2), e nella sola stazione di Piacenza Giordani-Farnese, presso la quale alle ore 23 dell’1 dicembre è stato registrato un valore massimo di 223 µ/m3”.

“Il valore, allo stato attuale, non è possibile correlarlo all´incendio che ha interessato la raffineria di Sannazzaro, tenendo conto anche dei valori massimi giornalieri di NO2 e i valori medi giornalieri di PM10 registrati nelle altre stazioni della Rete regionale della Qualità dell’aria, che hanno mostrato comunque una tendenza a un progressivo aumento a partire dal 29 novembre scorso, incremento che rientra nella normale variabilità dovuta alle condizioni meteorologiche”. Arpae prosegue affermando che “nel corso dell´incendio, i venti hanno soffiato prevalentemente verso est, indirizzando i fumi nella direzione dell´asta del Po. Nella notte trascorsa, in tutta la Pianura Padana è stata presente una forte inversione termica, che ha limitato la dispersione dei fumi lungo la verticale”. Continua il monitoraggio della situazione in tutte le zone interessate.

Potrebbe interessarti

inquinamento

Pm10 sopra i limiti per il decimo giorno consecutivo. Scattano i provvedimenti di secondo livello

Piacenza. A causa del decimo sforamento consecutivo dei valori di Pm10 sul territorio Piacentino, scatteranno …