Home / Notizie / Cronaca / La zucca di Halloween. La vera storia di Jack O’Lantern
la vera storia di Jack O’Lantern - Halloween

La zucca di Halloween. La vera storia di Jack O’Lantern

Avete preparato le zucche per questo Halloween? Ora non vi resta che scoprire il perché la zucca intagliata sia diventata il simbolo di una festa che dagli Stati Uniti si è diffusa anche in Italia e che negli ultimi anni sta divertendo grandi e bambini.

Riproponiamo la vera storia della zucca di Halloween e di Jack O’Lantern, che riuscì a gabbare il diavolo per ben 2 volte.

Il giorno di Halloween, negli Stati Uniti e in molti altri Paesi del mondo, si usa adornare le case con teste spaventose intagliate nelle zucche, svuotate e illuminate con ceri e candele. Questa usanza nasce da un’antica leggenda. Il protagonista di questa storia è Jack, un fabbro che viveva nell’antica Irlanda. Quest’uomo era un ubriacone, un poco di buono, ma era molto astuto. Un giorno, in un vecchio pub, Jack incontrò il diavolo venuto a reclamare la sua anima. Ma con uno stratagemma l’ubriacone riuscì a convincere il diavolo a trasformarsi in una moneta per permettergli un’ultima bevuta sulla Terra.
Appena il diavolo si trasformò in moneta, Jack lo mise nel suo borsellino accanto ad una croce d’argento, in modo che egli non potesse più ritrasformarsi. Il diavolo, dopo avere a lungo dibattuto con Jack, lo convinse a liberarlo in cambio di altri 10 anni di vita.
Trascorsi i 10 anni il diavolo si presentò a reclamare l’anima di Jack. Ma l’astuto fabbro chiese al diavolo di realizzare un ultimo piccolo desiderio. Voleva solo sentire il sapore di una mela prima di morire, così il diavolo si arrampicò su un albero per raccoglierla e jack incise una croce sul tronco, imprigionandolo di nuovo. Dopo una furiosa lite e ore di discussione i due giunsero ad un compromesso. Jack avrebbe liberato il diavolo e questi, in cambio, gli avrebbe risparmiato la dannazione eterna.

Così Jack visse il resto della vita in modo dissoluto, commettendo ogni genere di crimine. Quando venne l’ora della sua morte salì in Paradiso e, ovviamente, fu rispedito all’inferno. Qui il diavolo, vincolato dal patto, non poté accoglierlo e lo rimandò sulla Terra. Jack obiettò che fuori era freddo e buio, e il diavolo gli lanciò un tizzone d’inferno (in grado di ardere in eterno) che lui infilò in una rapa per illuminare il cammino.
L’anima tormentata di Jack, quindi, nella notte di Halloween cerca un rifugio. E la gente, per tenere Jack lontano dalla propria dimora, ha iniziato a mettere lanterne intagliate nelle rape fuori dalla porta di casa.
La rapa è diventata una zucca a causa della più grande “carestia di patate” che l’Irlanda possa ricordare. In quegli anni molti irlandesi emigrarono in America e qui sostituirono la rapa con la nostra zucca americana.

Potrebbe interessarti

calice

Rubati i calici dell’Eucaristia. Il Parroco fa appello: “Restituiteli, non hanno valore di mercato”

Piacenza. Doppio furto in due chiese in centro città, quella di San Francesco e quella …