Home / Notizie / Cronaca / Scandalo Alfano. Il fratello dirigente in Poste Italiane senza concorso a 200.000 euro
Italian Interior Minister, Angelino Alfano, during the press conference with with the new Head of Italian Police, Alessandro Pansa (not pictured), at Chigi Palace in Rome, Italy, 31 May 2013.
ANSA/GUIDO MONTANI
Italian Interior Minister, Angelino Alfano, during the press conference with with the new Head of Italian Police, Alessandro Pansa (not pictured), at Chigi Palace in Rome, Italy, 31 May 2013. ANSA/GUIDO MONTANI

Scandalo Alfano. Il fratello dirigente in Poste Italiane senza concorso a 200.000 euro

Il titolo di Dagospia è di quelli che fanno tremare: “L’INCHIESTA DI ‘REPORT’ SU ALESSANDRO ALFANO, IL FRATELLO DEL MINISTRO ASSUNTO COME DIRIGENTE IN POSTE ITALIANE SENZA CONCORSO E CON 200.000 EURO DI STIPENDIO”.

“Gestisce l’enorme patrimonio immobiliare che Poste Italiane può vantare in Sicilia,” scrive il sito, dopo la messa in onda del programma. “Un incarico da dirigente che gli conferisce il potere di indire gare d’appalto. Solo che non potrà farlo. Il motivo? Alessandro Alfano, fratello del ministro dell’Interno, non ha il curriculum richiesto per bandirle”. Il fratello del leader del Nuovo Centro Destra sembra sia titolare solo di una laurea triennale in Economia, ottenuta dopo 16 anni d’iscrizione all’università di Palermo con la valutazione di 93/110. Ma non è finita. La laurea in questione in passato era già finita al centro di un’indagine su un giro di esami comprati all’interno dello stesso ateneo siciliano.

Intervistato dall’inviato del programma di Rai Tre, Giorgio Mottola, Alessandro Alfano ha tentato in ogni modo di bloccare la messa in onda di Report. A suo dire, l’intervista era stata “ottenuta contro la mia volontà e da una persona che non si è qualificata come giornalista”. Falso. Come si è evinto dal servizio che la conduttrice Milena Gabanelli ha mandato in onda nonostante le pressioni.

Alessandro Alfano si è comunque difeso, dichiarando che “sarebbe stato sufficiente al giornalista un semplice approfondimento per verificare la infondatezza delle accuse che mi vengono mosse sia con riferimento alla natura del mio titolo di studio, sia ai titoli da me posseduti all’atto dell’instaurarsi del rapporto di lavoro, sia con riferimento alle procedure relative alla selezione per Segretario Generale della Camera di Commercio di Trapani. Bastava forse ricordare che quasi tutti gli episodi citati sono già stati oggetto di approfondite verifiche giudiziarie che hanno certificato la correttezza del mio operato, la mia evidente condizione di parte lesa in un procedimento penale nel quale sono stato archiviato e cioè a seguito del quale non ho nemmeno subito un processo perché tutto si concluso ben prima del processo, con parole nette e chiare del giudice”.

Potrebbe interessarti

delmonte

Delmonte (LN): “Iren faccia bidoni più grandi per semplificare la ‘differenziata’ delle persone invalide”

“Perché Iren non fornisce alle persone con disabilità contenitori più grandi così da dilatare i …