Home / Cinema / Vajont – La diga del disonore
Poster del film "Vajont - La diga del disonore"
© 2001 Rai Cinemafiction − Tutti i diritti riservati.

Vajont – La diga del disonore

TITOLO ORIGINALE: Vajont - La diga del disonoreANNO: 2001GENERE: DrammaREGISTA: Renzo MartinelliATTORI: Michel Serrault, Daniel Auteuil, Laura Morante, Anita Caprioli, Philippe Leroy, Jorge Perugorría, Jean-Christophe Brétigniere, Nicola Di Pinto, Federica Martinelli, Eleonora Martinelli, Maurizio Trombini, Bruno Bilotta, Paco Reconti, Antonio Fabbri, Leo GullottaTRAMA:Lo sapevano tutti nel Vajont che della montagna Toc (che vuol dire qualcosa di marcio, di friabile) non ci si poteva fidare. Tina Merlin lo scriveva continuamente nei suoi articoli sull’Unità. Ma quelli che avevano progettato la più alta diga del mondo non potevano e non volevano prestare ascolto a quei suoni e a quei segni sinistri che…

Giudizio finale

Il nostro giudizio - 8

8

su 10

Questo è il giudizio in sintesi da parte dei nostri critici e da parte dei lettori. Vota anche tu, esprimendo la tua valutazione in stelline

User Rating: Be the first one !

TITOLO ORIGINALE: Vajont – La diga del disonore
ANNO: 2001
GENERE: Dramma
REGISTA: Renzo Martinelli
ATTORI: Michel Serrault, Daniel Auteuil, Laura Morante, Anita Caprioli, Philippe Leroy, Jorge Perugorría, Jean-Christophe Brétigniere, Nicola Di Pinto, Federica Martinelli, Eleonora Martinelli, Maurizio Trombini, Bruno Bilotta, Paco Reconti, Antonio Fabbri, Leo Gullotta

TRAMA:
Lo sapevano tutti nel Vajont che della montagna Toc (che vuol dire qualcosa di marcio, di friabile) non ci si poteva fidare. Tina Merlin lo scriveva continuamente nei suoi articoli sull’Unità. Ma quelli che avevano progettato la più alta diga del mondo non potevano e non volevano prestare ascolto a quei suoni e a quei segni sinistri che preannunciavano la catastrofe.Il film ricorda il Disastro del Vajont, che nel 1963 costò la vita a circa duemila persone. La vicenda, reale, viene raccontata intrecciandola con la storia d’amore di Olmo Montaner, che nel film è uno dei pochi sopravvissuti alla tragedia, ma che è, in realtà, un personaggio del tutto inventato.

DESCRIZIONE:
Martinelli non smentisce la sua fama di maestro, riuscendo a creare una pellicola indubbiamente spettacolare ma anche di una profondit? rara, tutta incentrata sullo scontro di due elementi: l’uomo e la natura. E’ una disperata denuncia della follia degli uomini, che sconvolge e sgomenta soprattutto in giorni come quelli attuali.

Potrebbe interessarti

gettyimages-535829617_super

Il Parco delle Cinque Terre diventa set per DigitaLife

Dopo il Nicaragua un altro set speciale per DigitaLife, il film collettivo che racconterà i …