Home / Cinema / Un fantastico via vai
Poster del film "Un fantastico via vai"
© 2013 Rai Cinema − Tutti i diritti riservati.

Un fantastico via vai

TITOLO ORIGINALE: Un fantastico via vaiANNO: 2013GENERE: CommediaREGISTA: Leonardo PieraccioniATTORI: Leonardo Pieraccioni, Serena Autieri, Giorgio Panariello, Maurizio Battista, Marco Marzocca, Massimo Ceccherini, Marianna Di Martino, Giuseppe Maggio, Chiara Mastalli, David Sef, Alice BellagambaTRAMA:Arnaldo Nardi è un quarantacinquenne con un buon lavoro e una bella famiglia, composta dalla moglie Anita e dalle figlie gemelle di nove anni Martina e Federica. Arnaldo è un uomo calmo, sereno, indeciso e a cui piace la routine della sua vita. Lavora in banca e spesso esce con due suoi colleghi e amici: Giovannelli ed Esposito. Accade che Giovannelli (noto playboy) una sera prende in prestito…

Giudizio finale

Il nostro giudizio - 4

4

su 10

Questo è il giudizio in sintesi da parte dei nostri critici e da parte dei lettori. Vota anche tu, esprimendo la tua valutazione in stelline

User Rating: Be the first one !

TITOLO ORIGINALE: Un fantastico via vai
ANNO: 2013
GENERE: Commedia
REGISTA: Leonardo Pieraccioni
ATTORI: Leonardo Pieraccioni, Serena Autieri, Giorgio Panariello, Maurizio Battista, Marco Marzocca, Massimo Ceccherini, Marianna Di Martino, Giuseppe Maggio, Chiara Mastalli, David Sef, Alice Bellagamba

TRAMA:
Arnaldo Nardi è un quarantacinquenne con un buon lavoro e una bella famiglia, composta dalla moglie Anita e dalle figlie gemelle di nove anni Martina e Federica. Arnaldo è un uomo calmo, sereno, indeciso e a cui piace la routine della sua vita. Lavora in banca e spesso esce con due suoi colleghi e amici: Giovannelli ed Esposito. Accade che Giovannelli (noto playboy) una sera prende in prestito lo scooter di Arnaldo per andare da una delle sue donne e per sbaglio dimentica nel sottosella delle manette rosa con su scritto Natasha. Il giorno dopo la moglie di Arnaldo trova queste manette nello scooter di suo marito e lo sbatte fuori di casa…

DESCRIZIONE:
In modo meno ridanciano e scanzonato che nei suoi film precedenti (persino l’esuberante Massimo Ceccherini viene ”contenuto”), Leonardo Pieraccioni imbastisce l’ennesima commediola leggera leggera che sfiora tematiche importanti ma lo fa con apparente malavoglia e scarsa incisività. Un film che privo, degli innumerevoli stereotipi su cui è basato, sarebbe stato sicuramente più gradevole. Brutto e fuori luogo il finale.

Potrebbe interessarti

gettyimages-535829617_super

Il Parco delle Cinque Terre diventa set per DigitaLife

Dopo il Nicaragua un altro set speciale per DigitaLife, il film collettivo che racconterà i …