Home / Cinema / The Road to Guantanamo
Poster del film "The Road to Guantanamo"
© 2006 Screen West Midlands − Tutti i diritti riservati.

The Road to Guantanamo

TITOLO ORIGINALE: The Road to GuantanamoANNO: 2006GENERE: Documentario, DrammaREGISTA: Mat Whitecross, Michael WinterbottomPRODUTTORE: Andrew Eaton, Melissa Parmenter, Michael WinterbottomATTORI: Riz Ahmed, Farhad Harun, Waqar Siddiqui, Afran Usman, Shahid Iqbal, Sher Khan, Jason SalkeyTRAMA:Quattro amici di età che va dai 19 ai 23 anni (Ruhel, Asif, Shafiq e Monir) partono dall'Inghilterra per il matrimonio di uno di loro in Pakistan. Siamo nell'autunno del 2001. Dopo una serie di vicissitudini tre di loro vengono arrestati dalle truppe americane e portati nella base di Guantanamo. Ne usciranno due anni dopo totalmente scagionati dall'accusa di terrorismo dopo aver subito torture psicologiche e fisiche brutali.DESCRIZIONE:Un…

Giudizio finale

Il nostro giudizio - 6

6

su 10

Questo è il giudizio in sintesi da parte dei nostri critici e da parte dei lettori. Vota anche tu, esprimendo la tua valutazione in stelline

User Rating: Be the first one !

TITOLO ORIGINALE: The Road to Guantanamo
ANNO: 2006
GENERE: Documentario, Dramma
REGISTA: Mat Whitecross, Michael Winterbottom
PRODUTTORE: Andrew Eaton, Melissa Parmenter, Michael Winterbottom
ATTORI: Riz Ahmed, Farhad Harun, Waqar Siddiqui, Afran Usman, Shahid Iqbal, Sher Khan, Jason Salkey

TRAMA:
Quattro amici di età che va dai 19 ai 23 anni (Ruhel, Asif, Shafiq e Monir) partono dall’Inghilterra per il matrimonio di uno di loro in Pakistan. Siamo nell’autunno del 2001. Dopo una serie di vicissitudini tre di loro vengono arrestati dalle truppe americane e portati nella base di Guantanamo. Ne usciranno due anni dopo totalmente scagionati dall’accusa di terrorismo dopo aver subito torture psicologiche e fisiche brutali.

DESCRIZIONE:
Un titolo low-budget, un po’ film e molto documentario che, oltre ad utilizzare immagini di repertorio, usa per le ricostruzioni i reali protagonisti della vicenda che raccontano in prima persona la loro esperienza. Si tratta quindi di un opera dalla forte connotazione politica, niente affatto imparziale e che certo non sarà gradita a tutti proprio per le scelte che ne stanno alla base, ma ben realizzata e dall’innegabile impatto emotivo.

Potrebbe interessarti

gettyimages-535829617_super

Il Parco delle Cinque Terre diventa set per DigitaLife

Dopo il Nicaragua un altro set speciale per DigitaLife, il film collettivo che racconterà i …