Home / Cinema / The Grudge
Poster del film "The Grudge"
© 2004 Ghost House Pictures − Tutti i diritti riservati.

The Grudge

TITOLO ORIGINALE: The GrudgeANNO: 2004GENERE: Horror, Thriller, MisteroREGISTA: Takashi ShimizuPRODUTTORE: Sam Raimi, Robert Tapert, Takashige IchiseATTORI: Sarah Michelle Gellar, Jason Behr, William Mapother, Clea DuVall, KaDee Strickland, Grace Zabriskie, Bill Pullman, Rosa Blasi, Ted Raimi, Takako Fuji, Ryo Ishibashi, Yoko Maki, Yuya Ozeki, Takashi Matsuyama, Hiroshi MatsunagaTRAMA:E' un' abitudine statunitense,da qualche tempo, realizzare remake di film girati solo pochi anni prima, talvolta, con la medesima regia, per adattare successi d'oltroceano al lifestyle americano. E' accaduto anche con Ju-on, lungometraggio nipponico di Takashi Shimizu. Una giovane infermiera si reca in una casa per accudire una anziana donna con gravi problemi psichici.…

Giudizio finale

Il nostro giudizio - 6

6

su 10

Questo è il giudizio in sintesi da parte dei nostri critici e da parte dei lettori. Vota anche tu, esprimendo la tua valutazione in stelline

User Rating: Be the first one !

TITOLO ORIGINALE: The Grudge
ANNO: 2004
GENERE: Horror, Thriller, Mistero
REGISTA: Takashi Shimizu
PRODUTTORE: Sam Raimi, Robert Tapert, Takashige Ichise
ATTORI: Sarah Michelle Gellar, Jason Behr, William Mapother, Clea DuVall, KaDee Strickland, Grace Zabriskie, Bill Pullman, Rosa Blasi, Ted Raimi, Takako Fuji, Ryo Ishibashi, Yoko Maki, Yuya Ozeki, Takashi Matsuyama, Hiroshi Matsunaga

TRAMA:
E’ un’ abitudine statunitense,da qualche tempo, realizzare remake di film girati solo pochi anni prima, talvolta, con la medesima regia, per adattare successi d’oltroceano al lifestyle americano. E’ accaduto anche con Ju-on, lungometraggio nipponico di Takashi Shimizu. Una giovane infermiera si reca in una casa per accudire una anziana donna con gravi problemi psichici. Lentamente scoprirà l’esistenza di fantasmi e presenze venuti da un orrendo passato. A differenza dell’originale, che qualche brivido lo dava grazie a una trama costruita sulle storie di singoli personaggi che entravano nella casa (era interessante il cambio di stato mentale prima-dopo), la versione a stelle e strisce si perde subito introducendo in pochi minuti tutte le icone possibili del cinema horror: una casa, un bambino murato vivo, un gatto, un misterioso libro e una vasca da bagno (per non citare la doccia…). Il film si trasforma, di conseguenza, in un banale mix di culture e di tradizioni anglonipponiche.

DESCRIZIONE:
Film low budget, ma già campione di incassi negli USA, remake di un recente horror giapponese e girato dal medesimo regista. Decisamente più occidentalizzato dell’originale che privilegiava il mistero a scapito di qualsivoglia spiegazione, è un titolo tecnicamente ben fatto, ma talmente piegato alle leggi del blockbuster da risultare poco originale. Ottimi i momenti di vera tensione, purtroppo un po’ isolati.

Potrebbe interessarti

gettyimages-535829617_super

Il Parco delle Cinque Terre diventa set per DigitaLife

Dopo il Nicaragua un altro set speciale per DigitaLife, il film collettivo che racconterà i …