Home / Cinema / Sucker Punch
Poster del film "Sucker Punch"
© 2011 Legendary Pictures − Tutti i diritti riservati.

Sucker Punch

TITOLO ORIGINALE: Sucker PunchANNO: 2011GENERE: Azione, Fantasy, ThrillerREGISTA: Zack SnyderPRODUTTORE: Deborah Snyder, Zack SnyderATTORI: Emily Browning, Abbie Cornish, Jena Malone, Vanessa Hudgens, Jamie Chung, Carla Gugino, Oscar Isaac, Richard Cetrone, Jon Hamm, Scott Glenn, Gerard Plunkett, Malcolm Scott, Ron Selmour, Revard Dufresne, Alan C. Peterson, Kelora Clingwall, Frederique De Raucourt, Monique Ganderton, Lee Tomaschefski, Eli Snyder, Cainan Wiebe, Danny Bristol, Danielle Benton, Paula Giroday, Louise Hradsky, Daniela Dib, Brad Kelly, Peter James Bryant, Patrick Sabongui, John R. Taylor, Chris Nowland, Ian Tracey, Sean Campbell, Michael Adamthwaite, Phillip MitchellTRAMA:Unica erede del patrimonio di famiglia alla morte della madre, incolpata dell'uccisione della…

Giudizio finale

Il nostro giudizio - 8

8

su 10

Questo è il giudizio in sintesi da parte dei nostri critici e da parte dei lettori. Vota anche tu, esprimendo la tua valutazione in stelline

User Rating: Be the first one !

TITOLO ORIGINALE: Sucker Punch
ANNO: 2011
GENERE: Azione, Fantasy, Thriller
REGISTA: Zack Snyder
PRODUTTORE: Deborah Snyder, Zack Snyder
ATTORI: Emily Browning, Abbie Cornish, Jena Malone, Vanessa Hudgens, Jamie Chung, Carla Gugino, Oscar Isaac, Richard Cetrone, Jon Hamm, Scott Glenn, Gerard Plunkett, Malcolm Scott, Ron Selmour, Revard Dufresne, Alan C. Peterson, Kelora Clingwall, Frederique De Raucourt, Monique Ganderton, Lee Tomaschefski, Eli Snyder, Cainan Wiebe, Danny Bristol, Danielle Benton, Paula Giroday, Louise Hradsky, Daniela Dib, Brad Kelly, Peter James Bryant, Patrick Sabongui, John R. Taylor, Chris Nowland, Ian Tracey, Sean Campbell, Michael Adamthwaite, Phillip Mitchell

TRAMA:
Unica erede del patrimonio di famiglia alla morte della madre, incolpata dell’uccisione della sorella, in realtà avvenuta per mano del malvagio patrigno, e da questi rinchiusa in un terribile manicomio, Baby Doll medita la fuga. Tra visioni, sogni, aspirazioni e metafore immagina la sua permanenza come la vita in un bordello in cui le prostitute danzano per attirare l’attenzione dei clienti e farsi scegliere. Quando danza per distrarre i clienti invece Baby Doll immagina la propria strada verso la libertà come un’iperbolica battaglia tecnologica tra katane, armi automatiche e nemici mostruosi.

Potrebbe interessarti

gettyimages-535829617_super

Il Parco delle Cinque Terre diventa set per DigitaLife

Dopo il Nicaragua un altro set speciale per DigitaLife, il film collettivo che racconterà i …