Home / Cinema / Storia di una ladra di libri
Poster del film "Storia di una ladra di libri"
© 2013 Studio Babelsberg − Tutti i diritti riservati.

Storia di una ladra di libri

TITOLO ORIGINALE: The Book ThiefANNO: 2013GENERE: DrammaREGISTA: Brian PercivalPRODUTTORE: Ken Blancato, Karen RosenfeltATTORI: Roger Allam, Sophie Nélisse, Heike Makatsch, Julian Lehmann, Gotthard Lange, Rainer Reiners, Kirsten Block, Geoffrey Rush, Emily Watson, Nico Liersch, Ludger Bökelmann, Paul Schalper, Nozomi Linus Kaisar, Oliver Stokowski, Robert Beyer, Hildegard Schroedter, Levin Liam, Ben Schnetzer, Sandra Nedeleff, Rafael Gareisen, Carl Heinz Choynski, Rainer Bock, Barbara Auer, Mike Maas, Sebastian Hülk, Matthias Matschke, Beata Lehmann, Laina Schwarz, Marie Burchard, Georg Tryphon, Joachim Paul Assböck, Martin Ontrop, Jan Andres, Stephanie Stremler, Carina WieseTRAMA:Germania, 1939. Liesel Meminger è una ragazzina di pochi anni che ha perduto un fratellino…

Giudizio finale

Il nostro giudizio - 4

4

su 10

Questo è il giudizio in sintesi da parte dei nostri critici e da parte dei lettori. Vota anche tu, esprimendo la tua valutazione in stelline

User Rating: Be the first one !

TITOLO ORIGINALE: The Book Thief
ANNO: 2013
GENERE: Dramma
REGISTA: Brian Percival
PRODUTTORE: Ken Blancato, Karen Rosenfelt
ATTORI: Roger Allam, Sophie Nélisse, Heike Makatsch, Julian Lehmann, Gotthard Lange, Rainer Reiners, Kirsten Block, Geoffrey Rush, Emily Watson, Nico Liersch, Ludger Bökelmann, Paul Schalper, Nozomi Linus Kaisar, Oliver Stokowski, Robert Beyer, Hildegard Schroedter, Levin Liam, Ben Schnetzer, Sandra Nedeleff, Rafael Gareisen, Carl Heinz Choynski, Rainer Bock, Barbara Auer, Mike Maas, Sebastian Hülk, Matthias Matschke, Beata Lehmann, Laina Schwarz, Marie Burchard, Georg Tryphon, Joachim Paul Assböck, Martin Ontrop, Jan Andres, Stephanie Stremler, Carina Wiese

TRAMA:
Germania, 1939. Liesel Meminger è una ragazzina di pochi anni che ha perduto un fratellino e rubato un libro che non può leggere perché non sa leggere. Abbandonata dalla madre, costretta a lasciare la Germania per le sue idee politiche, e adottata da Rosa e Hans Hubermann, Liesel apprende molto presto a leggere e ad amare la sua nuova famiglia. Generosi e profondamente umani gli Hubermann decidono di nascondere in casa Max Vandenburg, un giovane ebreo sfuggito ai rastrellamenti tedeschi. Colto e sensibile, Max completa la formazione di Liesel, invitandola a trovare le parole per dire il mondo e le sue manifestazioni. Perché le parole sono vita, alimentano la coscienza, aprono lo spazio all’immaginazione, rendono sopportabile la reclusione. Fuori dalla loro casa intanto la guerra incombe e la morte ha molto da fare, ricoverando pietosa le vittime di Hitler e dei suoi aguzzini, decisi a fare scempio degli uomini e dei loro libri.

Potrebbe interessarti

gettyimages-535829617_super

Il Parco delle Cinque Terre diventa set per DigitaLife

Dopo il Nicaragua un altro set speciale per DigitaLife, il film collettivo che racconterà i …