Home / Cinema / Hipnos
Poster del film "Hipnos"
© 2004 DeA Planeta Home Entertainment − Tutti i diritti riservati.

Hipnos

TITOLO ORIGINALE: HipnosANNO: 2004GENERE: Horror, ThrillerREGISTA: David CarrerasATTORI: Cristina Brondo, Demián Bichir, Marisol Membrillo, Julián Villagrán, Féodor Atkine, Natalia SánchezTRAMA:Beatriz Vargas è una giovane psichiatra, bella e sensuale come Barbara Steele, che finisce impiegata presso una clinica per malattie mentali specializzata in ipnosi. La clinica, neanche a dirlo, è ubicata su un'impervia scogliera lontana da qualsiasi centro abitato. Sulla clinica piove incessantemente e le notti, immancabilmente, sono più lunghe dei giorni. Nella clinica medici e pazienti sembrano convivere la stessa condizione di alienati. Su tutti si distinguono l'onnipresente Ulloa, guardone allucinato a cui non sfuggono le grazie generose della dottoressa…

Giudizio finale

Il nostro giudizio - 2

2

su 10

Questo è il giudizio in sintesi da parte dei nostri critici e da parte dei lettori. Vota anche tu, esprimendo la tua valutazione in stelline

User Rating: Be the first one !

TITOLO ORIGINALE: Hipnos
ANNO: 2004
GENERE: Horror, Thriller
REGISTA: David Carreras
ATTORI: Cristina Brondo, Demián Bichir, Marisol Membrillo, Julián Villagrán, Féodor Atkine, Natalia Sánchez

TRAMA:
Beatriz Vargas è una giovane psichiatra, bella e sensuale come Barbara Steele, che finisce impiegata presso una clinica per malattie mentali specializzata in ipnosi. La clinica, neanche a dirlo, è ubicata su un’impervia scogliera lontana da qualsiasi centro abitato. Sulla clinica piove incessantemente e le notti, immancabilmente, sono più lunghe dei giorni. Nella clinica medici e pazienti sembrano convivere la stessa condizione di alienati. Su tutti si distinguono l’onnipresente Ulloa, guardone allucinato a cui non sfuggono le grazie generose della dottoressa Vargas, e una bambina non bene identificata, solo nell’epilogo capiremo perché, a cui un trauma ha da tempo tolto voce e volontà di vivere. Una notte, una delle tante del film, la bambina in questione viene trovata con le vene tagliate dentro a una vasca, da quel momento realtà e allucinazioni si confondono nella mente della protagonista e dello spettatore che insieme scopriranno, che “niente è quello che sembra”.

DESCRIZIONE:
thriller psicologico in cui, recita il sottotitolo, “nulla è come sembra”. il problema è proprio questo: non solo lo spettatore, ormai abituato a questo incipit da una vera e propria ondata di pellicole basate su questo assunto, è troppo smaliziato per non cercare di guardare oltre, ma, oltrettutto, nonostante una smaniosa ricerca della novità la sceneggiatura risulta ben poco originale. mediocri le interpretazioni, discreta la fotografia.

Potrebbe interessarti

gettyimages-535829617_super

Il Parco delle Cinque Terre diventa set per DigitaLife

Dopo il Nicaragua un altro set speciale per DigitaLife, il film collettivo che racconterà i …