Home / Cinema / Emotivi anonimi
Poster del film "Emotivi anonimi"
© 2010 Angoa-Agicoa − Tutti i diritti riservati.

Emotivi anonimi

TITOLO ORIGINALE: Les émotifs anonymesANNO: 2010GENERE: Dramma, Commedia, RomanceREGISTA: Jean-Pierre AmérisPRODUTTORE: Nathalie Gastaldo, Philippe GodeauATTORI: Isabelle Carré, Benoît Poelvoorde, Lorella Cravotta, Lise Lamétrie, Swann Arlaud, Pierre Niney, Jacques Boudet, Grégoire Ludig, Céline Duhamel, Philippe Fretun, Alice Pol, Philippe Gaulé, Joëlle Sechaud, Isabelle Gruault, Claude Aufaure, Philippe Laudenbach, Stéphan Wojtowicz, Marie-Christine Demarest, Christiane Millet, Pascal Ternisien, Jean-Yves Chatelais, Vincent Paillier, Nancy Tate, Eric Naggar, Noémie Landreau, Vijay Singh, Pierre Adenot, Christophe Tourrette, Anny Vogel, Philippe BrieghTRAMA:Angélique è una giovane cioccolataia afflitta da un'insicurezza patologica. Rimasta senza lavoro, si rivolge alla piccola "Fabrique de Chocolat", dove viene subito assunta dal proprietario Jean-René,…

Giudizio finale

Il nostro giudizio - 8

8

su 10

Questo è il giudizio in sintesi da parte dei nostri critici e da parte dei lettori. Vota anche tu, esprimendo la tua valutazione in stelline

User Rating: Be the first one !

TITOLO ORIGINALE: Les émotifs anonymes
ANNO: 2010
GENERE: Dramma, Commedia, Romance
REGISTA: Jean-Pierre Améris
PRODUTTORE: Nathalie Gastaldo, Philippe Godeau
ATTORI: Isabelle Carré, Benoît Poelvoorde, Lorella Cravotta, Lise Lamétrie, Swann Arlaud, Pierre Niney, Jacques Boudet, Grégoire Ludig, Céline Duhamel, Philippe Fretun, Alice Pol, Philippe Gaulé, Joëlle Sechaud, Isabelle Gruault, Claude Aufaure, Philippe Laudenbach, Stéphan Wojtowicz, Marie-Christine Demarest, Christiane Millet, Pascal Ternisien, Jean-Yves Chatelais, Vincent Paillier, Nancy Tate, Eric Naggar, Noémie Landreau, Vijay Singh, Pierre Adenot, Christophe Tourrette, Anny Vogel, Philippe Briegh

TRAMA:
Angélique è una giovane cioccolataia afflitta da un’insicurezza patologica. Rimasta senza lavoro, si rivolge alla piccola “Fabrique de Chocolat”, dove viene subito assunta dal proprietario Jean-René, uomo apparentemente schivo e rigido, ma in verità affetto a sua volta da una timidezza ai limiti dell’asocialità. A causa di un’incomprensione, Angélique viene assunta come rappresentante e, accettando passivamente la cosa, si trova costretta a combattere contro le sue difficoltà a comunicare per cercare di risollevare il declino della piccola azienda. Nel frattempo, Jean-René si consulta col suo psichiatra e, per superare i propri imbarazzi, si impone il compito di invitare a cena una donna.

Potrebbe interessarti

Martin Scorsese contro i film Marvel. “Non è cinema”, si schiera il regista: “Non dovremmo lasciarci invadere”

Hanno attirato non poca attenzione le dichiarazioni rilasciate dal regista Martin Scorsese nel corso di …