Home / Notizie / Cronaca / Arte. Vernissage a Piacenza per lanciare il manifesto della Silent Generation

Arte. Vernissage a Piacenza per lanciare il manifesto della Silent Generation

Con l’evento ”Crossroads”, Olivia Teragni parla ad un’intera generazione

"Crossroads". Crocevia. Punto d’incontro tra più strade. Olivia Teragni – scrittrice e architetto – ha dato questo titolo ad una mostra d’arte contemporanea che si è tenuta nei giorni scorsi in una villa seicentesca piacentina alle porte della città, alla presenza di numerosi artisti, critici d’arte e semplici curiosi. Il progetto artistico ha miscelato performance, proiezioni interattive, teatro dal vivo, installazioni, opere pittoriche, artigianato del ferro e del vetro, fotografia e letteratura.
La curatrice ha preso spunto dai 4 elementi per legare insieme, come in un crocevia, le opere di Massimiliano Bertuzzi [FUOCO], Alessio Ceruti [ACQUA], Simone Crestani [ARIA], Daniele Sozzi [TERRA]. Intorno ai 4 elementi ha tessuto una ragnatela che ha catturato Nicola Bellotti, Edmondo "Mondo" Zanolini (artista molto noto per avere lavorato con Marina Abramovic e Micheal Laub), Massimo Lodigiani e Francesco Summo.

Crossroads è l’evento con cui Olivia Teragni ha voluto porre le basi del manifesto della Silent Generation, una generazione instabile che fatica ad auto-determinarsi, compressa dalle scelte delle classi precedenti, ma che vorrebbe a tutti i costi creare qualcosa in grado di raggiungere il futuro. Il nome di Silent Generation non è stato scelto a caso. E’ chiaro il riferimento all’America degli anni ’40, finanziariamente insicura, reduce da una devastante crisi economica, ma anticamera di un’epoca di ideali e creatività che ha portato alla Beat Generation.

Potrebbe interessarti

Aretha Franklin “gravemente malata”? Paura nel mondo della musica

Sarebbe “gravemente malata” la celebre cantante Aretha Franklin, la star del soul ora 76enne: lo …