Home / Notizie / Cronaca / Svizzera. Ricercatrice torinese uccisa da un rapinatore

Svizzera. Ricercatrice torinese uccisa da un rapinatore

La ragazza sarebbe stata colpita alla testa con una sbarra di ferro

Una ricercatrice torinese di 29 anni, che frequentava un dottorato di microbiologia molecolare a Ginevra, ha perso la vita dopo un’aggressione avvenuta nella zona dell’ospedale universitario di Ginevra, mentre rientrava a casa. Ancora in fuga l’aggressore: secondo alcune voci si tratterebbe di un giovane di origine africana alto 1.90m, che avrebbe preso di mira la ragazza tentando di strapparle la borsetta, e di fronte alle sue resistenze l’avrebbe colpita alla testa con una sbarra di ferro.
I genitori e la sorella della giovane sono partiti per riportare in Italia la sua salma. Sono stati diffusi inviti ad eventuali testimoni a mettersi in contatto con la brigata criminale della polizia giudiziaria.

Potrebbe interessarti

Pieve di Pratolungo. Centauro cade dalla moto, soccorso in eliambulanza

Corte Brugnatella (Piacenza). Rimangono da accertare le cause dell’incidente avvenuto nel primo pomeriggio di domenica …