Home / Notizie / Cronaca / Attacco a Bruxelles. Salvini: ”Stavo per prendere un aereo”

Attacco a Bruxelles. Salvini: ”Stavo per prendere un aereo”

Il leader della Lega prega per le vittime. ”Non si può vivere sotto ricatto”

Si sarebbe imbarcato per l’Italia entro pochi minuti Matteo Salvini, ma è stato bloccato, ed è ritornato al suo ufficio di Bruxelles: lo ha affermato poche ore fa con un post su Facebook il leader della Lega, pregando per le vittime dell’attentato. “ESPLOSIONI e morti all’aeroporto di Bruxelles. Io stavo arrivando lì ma ci hanno bloccato, tutto evacuato”, ha scritto sul suo profilo social. “Sto bene (a qualche scemo dispiacerà) e torno in ufficio. Non è possibile vivere sotto il ricatto dei violenti e dei folli. Io non mi arrendo, io non ho paura. Una preghiera per le vittime.”
Il segretario della Lega Nord, contattato dall’ANSA, avrebbe affermato di essere stato fermato e rimandato indietro dalla polizia prima di raggiungere l’aeroporto.

Potrebbe interessarti

Scomparsa dopo essere uscita per andare al lavoro. In corso le ricerche di una 47enne

Piacenza. Si sarebbe dovuta presentare sul posto di lavoro al supermercato Gigante di San Nicolò, …