Home / Notizie / Cronaca / Truffe ad anziani. Chiede aiuto ai carabinieri e si salva da un raggiro
Truffe-ad-anzia17013-piacenza.jpg

Truffe ad anziani. Chiede aiuto ai carabinieri e si salva da un raggiro

Sventata una truffa da 18mila euro legata ad un bonifico falso per affettatrici d’epoca

Piacenza. Sventata una truffa ai danni di un anziano da ben 18mila euro, grazie all’intuito del maresciallo dei carabinieri di Rivergaro Roberto Guasco. A lui si sarebbe rivolto un 80enne di Rivergaro, già in passato vittima di una truffa durante una vendita online, che raccontava di aver ricevuto risposta ad un annuncio per la vendita di due affettatrici risalenti ai primi del ‘900 ed una macchina del caffè risalente agli anni ’50, per un valore complessivo di 18mila euro: il pagamento sarebbe stato effettuato tramite bonifico da un 51enne di Bergamo, che aveva fissato un appuntamento per la consegna della merce intorno alle 18:00 di mercoledì 2 dicembre, assicurando all’anziano che avrebbe potuto verificare l’avvenuto pagamento al momento dell’incontro.
Questo avrebbe scatenato il sospetto del maresciallo, poiché ogni verifica sarebbe stata impossibile a quell’ora, in quanto le banche sarebbero state chiuse: sono stati così effettuati controlli a scambio avvenuto, permettendo di appurare così che il documento presentato come ricevuta sarebbe stato palesemente falsificato. Per il 51enne, pregiudicato per truffa, è scattato l’arresto con l’accusa di truffa aggravata e ricettazione; per due giovani di Lodi di 21 e 23 anni, autotrasportatori che si trovavano con lui al momento della vendita, è scattata una denuncia a piede libero per i medesimi crimini. I due però avrebbero affermato che l’uomo si era presentato loro sotto falso nome, e li aveva raggiunti a piedi, sostenendo di aver parcheggiato il suo mezzo distante: sosterrebbero inoltre di essere completamente all’oscuro della truffa messa a segno.

Potrebbe interessarti

cane

Cane gettato in mare si salva. Ministro Costa: “Pene più aspre per chi maltratta animali”

“Pene più aspre per chi maltratta gli animali”: è quanto avrebbe scritto il ministro dell’Ambiente …