Home / Notizie / Cronaca / Per gli amputati gambe bioniche. In arrivo le Cyberlegs
Per-gli-amputat16149-piacenza.jpg

Per gli amputati gambe bioniche. In arrivo le Cyberlegs

Il progetto, partito in Europa, è stato testato su undici persone

Giunge al termine il progetto di tre anni finanziato dalla Commissione Europea delle Cyberlegs (CYBERnetic LowEr-Limb CoGnitive Ortho-prosthesis), le prime gambe bioniche progettate per unire le potenzialità di protesi e di robot indossabili, in modo da rendere possibile a soggetti che hanno subito amputazioni di camminare senza fatica. Il progetto, costato 2,5 milioni di euro, è stato coordinato proprio dall’Italia, ed in particolare dall’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore San’tAnna di Pisa: è stato portato a termine grazie alla collaborazione con il Belgio e la Slovenia, e con la Fondazione Don Gnocchi di Firenze, ma non si smette ancora di lavorare per poterlo rendere più leggero e meno ingombrante.
Sono stati in undici fino ad ora a testare le nuove gambe bioniche, denominate dal coordinatore del progetto Nicola Vitiello come un “insieme di tecnologie che aiutano a tornare a camminare in modo naturale”, che potrebbe essere messo in commercio nel giro di due o tre anni nel caso sia possibile trovare i finanziamenti adeguati.

Potrebbe interessarti

it

IT Chapter 2. Al via le riprese. Torna sugli schermi il capolavoro horror di Stephen King

Sono ufficialmente iniziate le riprese del secondo capitolo di IT, il film in due parti …