Home / Notizie / Cronaca / Tentano la rapina con uno storditore elettrico. Arrestati

Tentano la rapina con uno storditore elettrico. Arrestati

Da un litigio per un sorpasso i due sarebbero passati alle botte e alle minacce

Piacenza. Tentata rapina ai danni di tre giovani nel cuore della notte di sabato 28 febbraio, poco dopo l’1:00, in una piazzola della tangenziale. I tre ragazzi si sarebbero fermati in un’area di sosta per controllare un problema al paraurti, dopo aver sorpassato un altro mezzo, ma sarebbero stati affiancati poco dopo da un’auto bianca con a bordo due sconosciuti, che si sono lamentati della manovra di sorpasso azzardata, convincendo i giovani a scendere dal veicolo. Sarebbe così iniziata l’aggressione da parte dei due sconosciuti: uno dei ragazzi, un 18enne marocchino, avrebbe ricevuto una testata al volto che gli ha provocato la rottura di un sopracciglio, con sette giorni di prognosi.
L’altro sconosciuto avrebbe iniziato ad inseguire un altro dei giovani, un 21enne macedone, con uno storditore elettrico, senza tuttavia riuscire a prenderlo. Infine, i due sconosciuti avrebbero preso di mira la 20enne rimasta a bordo del veicolo, tentando inizialmente di strapparle la borsa, e, di fronte alle resistenze della ragazza, si sarebbero ritirati, non prima tuttavia di aver scattato una foto alla targa dell’auto dei tre ragazzi, minacciandoli di ritorsioni nel caso non mantenessero il silenzio su quanto accaduto, per poi dileguarsi.

I carabinieri sono intervenuti in seguito alla segnalazione di uno dei tre giovani, rintracciando poco dopo l’auto dei malviventi di fronte ad un locale di Cadeo, ed identificando al suo interno i due individui, due albanesi residenti in città di 33 e 25 anni, il primo dei quali sarebbe pluripregiudicato. Sul cellulare di uno dei due sarebbe stata ritrovata la foto della targa delle vittime, mentre nella borsetta della fidanzata di uno dei malviventi (una 28enne romena) è stato trovato il taser che sarebbe stato usato nel corso del tentativo di rapina. Per lei è scattata una denuncia per favoreggiamento personale e porto di oggetti atti ad offendere, mentre i due albanesi sono arrestati con le accuse di rapina aggravata in concorso, lesioni aggravate e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Potrebbe interessarti

Prosciutto crudo di Parma contraffatto. Sequestrati 90 chili di merci

Sono ben 90 i chili di prosciutto sequestrati in seguito all’intervento dei carabinieri per la …