Home / Notizie / Cronaca / Metronotte. Guardie Giurate protagoniste di un rocambolesco inseguimento di ladri di slot

Metronotte. Guardie Giurate protagoniste di un rocambolesco inseguimento di ladri di slot

Agenti di vigilanza tallonano gli autori di una intrusione in un bar di Via Veneto, costringendoli alla fuga

Sono circa le tre di mattina quando la centrale operativa Metronotte Piacenza di Via Ballerini riceve una segnalazione di intrusione da un bar di via Veneto a Piacenza. In pochi istanti la pattuglia raggiunge l’esercizio pubblico per il controllo e nota un furgone bianco ed una vettura di colore scuro dirigersi verso Gossolengo a velocità sostenuta. Al suo arrivo presso il locale, il Metronotte si accorge che la porta del bar è stata divelta ed immediatamente ne fornisce notizia alla centrale operativa, che prende contatto con il titolare. Nel frattempo la guardia si mette all’inseguimento dei mezzi precedentemente notati (che nel intanto si sono diretti verso la città), riuscendo a aggiungerli in prossimità di via Lanza. I malviventi, sentitisi braccati dalla pattuglia di vigilanza, si lanciano a tutta velocità sulla pista ciclabile che conduce all’abitato di La Verza, nel tentativo di far perdere le proprie tracce. Improvvisamente, la vettura di colore scuro, rivelatasi una BMW, con una mossa azzardata, si pone obliquamente sulla carreggiata, bloccando il passaggio all’auto del metronotte e consentendo la fuga al furgone. Con un’abile manovra, la guardia giurata riesce ad evitare l’impatto e, scesa dal veicolo di servizio, si lancia all’inseguimento del ladro che, nel frattempo, ha abbandonato la vettura e si è allontanato attraverso i campi. Nonostante la fuga del furgone, l’automobile utilizzata per il colpo viene recuperata e resa disponibile per le indagini.
Sul posto è intervenuta la Polizia di Stato per i rilievi di competenza e per il rinvenimento del mezzo.

Potrebbe interessarti

Via Gadolini. Auto fuori controllo termina la sua corsa contro una pianta

Piacenza. Fortunatamente non sarebbero preoccupanti le condizioni di una coppia di anziani coniugi ricoverati poco …