Home / Notizie / Cronaca / Insulti omofobici ad un ragazzino da parte dell’autista di un bus. Sospeso
Insulti-omofobi15550-piacenza.jpg

Insulti omofobici ad un ragazzino da parte dell’autista di un bus. Sospeso

Fa il giro del web il video che documenta l’accaduto. Seta: ”Ingiustificabile quanto successo”

Piacenza. Non è ancora del tutto chiaro cosa abbia scatenato la lite che, nel primo pomeriggio di lunedì 20 ottobre, intorno alle 13:40, ha coinvolto un autista di autobus ed un ragazzino nordafricano, partendo sin da subito con toni accesi: quel che è accaduto nel corso del litigio, tuttavia, ha fatto il giro della rete, documentato dal video girato con il cellulare da una ragazza a bordo del bus, e quindi pubblicato su Facebook. Nel video, l’autista lancerebbe diversi insulti omofobici nei confronti del ragazzino, che risponderebbe a sua volta con ulteriori insulti: la situazione sarebbe dunque degenerata, fino ad arrivare ad alcuni spintoni da parte dell’autista verso il minorenne.
La sospensione per l’autista, come misura cautelare, è arrivata la mattina dopo, e presto è giunto il commento dell’azienda dei trasporti Seta: “Sicuramente ha sbagliato, e quanto è successo non è giustificabile. L’autista in questione ha alle spalle 30 anni di esperienza, quello che possiamo dire, pur ribadendo che non ci sono giustificazioni, è che spesso i nostri dipendenti si trovano a lavorare in contesti in cui viene a mancare la buona educazione e il rispetto della loro figura di pubblico ufficiale.

Spesso sono i nostri dipendenti, soprattutto i controllori, a trovarsi in difficoltà. L’autista ci ha detto che in altre occasioni alcuni dei ragazzi presenti in questa occasione si sono resi protagonisti di scherzi e atti di maleducazione. La tensione purtroppo ha giocato un brutto scherzo. Ma non è così che ci si comporta: se si è in difficoltà, si chiamano le forze dell’ordine”

Potrebbe interessarti

cane

Cane messo in salvo da due escursionisti sui monti tra Val Nure e Val d’Aveto

Si chiama Birba il segugio messo in salvo grazie all’intervento di due giovani escursionisti, che …