Home / Notizie / Brindisi conclusivo per l’ultimo dei Venerdì più amati dai Piacentini
Brindisi-conclu15050-piacenza.jpg

Brindisi conclusivo per l’ultimo dei Venerdì più amati dai Piacentini

Playlist alcolica: ”All’1 e 35 circa” di Vinicio Capossela

Serata di gala per congedare i “Venerdì Piacentini”, ultimo brindisi prima di partire per le vacanze e bicchierata consolatoria per quanti invece rimarranno in città a spartirsi strade deserte e giardini pubblici. La bevuta consapevole presuppone sempre una moderazione di stampo democristiano a cui, una volta tanto, non ci sentiamo di aderire. Mentre aspettiamo che “la bionda” cambi il fusto e ci serva la nostra birra “dietro al bar”, ci dedichiamo al “camparino con la soda” con la nostalgia ereditata dalla Milano da bere. Le “cinquantamilalire” non esistono più e comunque non basterebbero a benedire serate maledette ad alto tasso alcolico. La crisi impera e il rosso docet, ma non certo quello del Campari piuttosto quello ormai fisiologico del conto corrente. Baristi e clienti sfilano in corteo, somiglianti come i cani e i padroni della Carica dei 101: “vecchi camionisti un po’ arrivisti, un po’ alcolisti”, “avventurieri di frontiera” e avvocati che si sfidano all’ultimo drink. “Il bar non porta ricordi, ma i ricordi portano inevitabilmente al bar” per dirla alla Capossela. Le storie da bancone sono sempre interessanti, suggeriscono “risate tra i denti” e “amori messi sotto spirito ad affogar”.
La saggezza e la proverbiale discrezione del barista custodiscono i segreti più inconfessabili di clienti belli, intelligenti, casinari e invadenti nell’attesa dell’ingresso trionfale di chi “offre, paga a tutti e fa il brillante”. Se l’aperitivo è una moda, il bicchiere della staffa è un vero e proprio rito, officiato con professionalità e capacità d’improvvisazione, in cui il confine tra chi sta al di qua e al di là del bancone progressivamente si confonde. L’ultimo sorso è il lasciapassare per la condivisione o per la trasgressione ed ha il sonno come fine, più o meno lieto, tra le braccia di Morfeo o di quella “moglie lasciata a casa ad ingrassar” che giudicherà inutile il proverbiale senno di poi. Non vogliamo essere fraintesi, l’alcolismo è una piaga sociale, ma un brindisi ben fatto in una calda serata estiva non si nega a nessuno. “Chimay, Bacardi jamaican rhum/ White lady, Beck’s bier, Tequila bum bum/ Dry gin, Charrington, Four Roses Bourbon”.

Segui Jenny su:
Parole di Jenny e Parole di Birra

Potrebbe interessarti

petardi

Via Boselli. Ordigno scagliato dal finestrino dell’auto spacca una vetrina

Piacenza. Spiegata la fonte del forte boato avvertito nel cuore della notte fra sabato 13 …