Home / Notizie / Calcio. Brasile 2014. Lettera di un bambino a Suarez dopo il morso a Chiellini
Calcio-Brasile14986-piacenza.jpg

Calcio. Brasile 2014. Lettera di un bambino a Suarez dopo il morso a Chiellini

Luca scrive all’attaccante dell’Uruguay: ”Mordere è da carcere, ma ti auguro una buona vita”

Il morso di Luis Suarez a Giorgio Chiellini in Italia-Uruguay 0-1, la partita che ha escluso la Nazionale azzurra dai Mondiali 2014, ha scatenato polemiche, imitazioni, reazioni. Ve ne propongo una particolare: quella di un bambino di 12 anni, Luca. “Caro Suarez, voglio dirti che dopo Cile-Italia e Corea del Sud-Italia questa è stata una delle più grandi ladrate della storia del calcio. Il tuo comportamento non è stato da persona normale, secondo me tu hai fatto così perché hai avuto dei problemi in famiglia (non te l’ho detto con cattiveria, volevo solo ragionare).
Mordere però è da carcere, tu non ammetterai niente, anche se ripensandoci: la vita è fatta di alti e bassi, la nostra squadra forte c’è in entrambi i casi, e ammettendolo dovresti ripensare a tutte le ingiustizie che hai combinato. Hai tante fortune, spero che lo capirai un giorno. Forse a quest’età è un po’ tardi, ma hai ancora tempo per rimediare. Quando saremo rinati più forti di prima vi batteremo ancora e ci prenderemo la nostra rivincita. Dopo la grande delusione di Italia-Uruguay mi sono tranquillizzato. Ti auguro una buona vita, in miglioramento nei confronti delle altre persone, anche perché tu sei un giocatore fortissimo e ammirato da tutti. Al prossimo scontro”.
Ciao, Luca

Potrebbe interessarti

bosco

Anziano si perde sul Monte Penna. Messo in salvo dal Soccorso Alpino di Piacenza

Non desterebbero per fortuna particolari preoccupazioni le condizioni di un 83enne parmense che, nel corso …