Home / Notizie / Cronaca / Lo sciopero mondiale dei Fast Food si estende anche all’Italia

Lo sciopero mondiale dei Fast Food si estende anche all’Italia

Sono scesi in piazza in protesta in 150 città americane e 33 paesi del mondo

Si estende ben al di fuori dell’America lo sciopero dei lavoratori dei Fast Food, e coinvolge ben 33 paesi del resto del mondo, oltre a 150 città americane: il tutto dopo una campagna iniziata nel 2012 a New York, che finora non è però riuscita nel suo scopo di fare alzare la paga minima dei dipendenti da 7,25 dollari l’ora a 15 dollari. I lavoratori, però, molto spesso giovani già indebitati dopo i lunghi studi universitari e al college, dipendenti di grandi nomi come McDonalds e Taco Bell, non vogliono che la cosa finisca in nulla, e continuano a cercare di far sentire la propria voce, questa volta con una protesta generale nella giornata del 15 maggio.
Tante voci si sono unite al coro, da Seoul a Dublino, e anche in Italia: stati in cui la situazione dei dipendenti di Fast Food non è di molto migliore di quella degli Stati Uniti.

Potrebbe interessarti

Viale S. Ambrogio. Due donne travolte da un’auto. Non sarebbero in gravi condizioni

Piacenza. Fortunatamente non verserebbero in gravi condizioni le due dipendenti Asl rimaste travolte da un’automobile …