Home / Notizie / Cronaca / Studentesse rapite in Nigeria. Le testimonianze delle ragazze fuggite

Studentesse rapite in Nigeria. Le testimonianze delle ragazze fuggite

A circa un mese dal rapimento di quasi 300 ragazze, parlano alcune di quelle scappate

È passato un mese dal rapimento di 276 studentesse nigeriane da parte dei terroristi islamici di Boko Haram, e da parte di tutto il mondo sono giunte adesioni alla campagna per la loro liberazione, che ha spopolato su Twitter con il tag #BringBackOurGirls: tra i sostenitori illustri non solo Michelle Obama e il premier britannico David Cameron, ma anche Papa Francesco. Intanto da parte delle poche ragazze riuscite a fuggire dai camion dei rapitori arrivano le prime testimonianze, anonime e piene di paura per la sorte delle altre liceali rapite, ma anche per il proprio futuro. “Avremmo preferito andare a morire, poi abbiamo corso all’impazzata verso la boscaglia”, racconta una ragazza rapita dal liceo femminile di Chibok, che è riuscita a saltare giù da uno dei camion dei rapitori, insieme a poche altre, e a fuggire.
Il rapimento era avvenuto nel cuore della notte del 14 aprile, ed erano stati diversi uomini armati a costringere le ragazze a salire su sette camion. “Il pensiero di andare di nuovo a scuola mi terrorizza”, racconta un’altra ragazza, Sarah, di 19 anni. “Adesso piango ogni volta che mi imbatto nei loro genitori, in lacrime quando mi vedono”. Secondo le ragazze fuggite, i rapitori avevano intenzione di sposare alcune di loro, e di venderne altre come mogli-schiave. Continuano le ricerche delle giovani rapite, anche se si teme che le ragazze siano già state portate al di là del confine.

Potrebbe interessarti

Fiorenzuola. Operaio investito da un treno perde la vita

Fiorenzuola (Piacenza). Si è concluso tragicamente l’episodio avvenuto intorno alle 9:00 della mattinata di oggi, …