Home / Notizie / Cronaca / A Bobbio cani avvelenati: aperta inchiesta della Procura

A Bobbio cani avvelenati: aperta inchiesta della Procura

Decine di cani avvelenati negli ultimi anni, tutti nella stessa zona

Piacenza. Liquido anticongelante per auto nascosto nei bocconi di cibo: questo il metodo usato per l’uccisione di circa settanta cani, una decina dei quali concentrati negli ultimi due anni, tutti nella stessa zona del bobbiese, la frazione Santa Maria. Non si conosce il motivo di questi orribili gesti, ma la denuncia di una donna, originaria del milanese, che ha perso il suo cane dopo l’ennesimo fatto analogo, ha fatto partire un’indagine che sembra si stia concentrando su alcuni soggetti in particolare. Si suppone che del fatto si fosse a conoscenza già da tempo nella zona, e che si trattasse di una vera e propria consuetudine.
Il reato ipotizzato è quello di uccisione di animali, che è punibile con pene che vanno dai quattro mesi ai 2 anni di reclusione.

Potrebbe interessarti

Pieve di Pratolungo. Centauro cade dalla moto, soccorso in eliambulanza

Corte Brugnatella (Piacenza). Rimangono da accertare le cause dell’incidente avvenuto nel primo pomeriggio di domenica …