Home / Notizie / Cronaca / Sciopero Forconi. Scontri a Torino: è guerriglia nelle strade

Sciopero Forconi. Scontri a Torino: è guerriglia nelle strade

Forti tensioni, lanci di bombe carta e lacrimogeni. Gli agenti si levano i caschi

Hanno avuto inizio, come previsto, le manifestazioni pacifiche del Popolo dei Forconi e di tutti coloro che a loro si sono associati nella giornata di lunedì 9 dicembre: ma le proteste sono degenerate a Torino, dove si è verificato un vero e proprio stato di guerriglia. La protesta, iniziata in mattinata, era giunta fino a piazza Castello: ma è proprio qui che ai manifestanti si sarebbero mescolati gruppi di ultras, tifosi (pare sia stato riconosciuto il simbolo dei “Drughi”, bianconero) e gruppi di estrema destra. E così hanno avuto inizio gli scontri, con auto, cassonetti e vetrine danneggiati, un fotografo pestato e derubato della sua macchina fotografica, e lanci di fumogeni, mattoni e bombe carta. Quattordici inoltre i feriti nelle forze dell’ordine, e lanci di lacrimogeni, mentre è stato fermato un 19enne, Alessio Mirotta, accusato di danneggiamento aggravato, oltre che di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.
Numerosi esercizi commerciali sono stati costretti dai manifestanti a chiudere, con minacce e danneggiamenti, nonostante gli accorati annunci dei responsabili dei movimenti scesi in piazza, che si sono dissociati. E dopo l’impedito assalto all’Agenzia delle Entrate, gli agenti si sono levati il casco, in un gesto che è apparso essere di solidarietà con la protesta a molti: ma secondo la Questura di Torino si tratterebbe di un “comportamento ordinario”, legato al “venir meno dello stato di tensione e delle esigenze di ordine pubblico.”

Potrebbe interessarti

Pieve di Pratolungo. Centauro cade dalla moto, soccorso in eliambulanza

Corte Brugnatella (Piacenza). Rimangono da accertare le cause dell’incidente avvenuto nel primo pomeriggio di domenica …